Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

8.12.1942, Giovanni Magro e Licio Visintini

di Antonio Bressan

https://www.facebook.com/antonio.bressan.94?fref=ts




banca-della-memoria-www-lavocedelmarinaio-com

antonio-bressan-per-www-lavocedelmarinaio-comCiao Ezio,
L’8 dicembre 1942 sul mezzo d’assalto, assieme a Licio Visintini (*), moriva eroicamente il Sergente palombaro Giovanni Magro Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.
Il nostro gruppo dell’associazione porta il nome di questo Eroe ed il presidente è il nipote diretto.

secondo-capo-palombaro-magro-giovanni-www-lavocedelmarinaio-com

Questa stampa su pergamena con scritta la motivazione della medaglia d’oro, è un omaggio della vedova Visintini al nostro gruppo dell’Associazione Nazionale Marinia d’Italia di Rovigo. 
Cosa gradita vederlo pubblicato nel giorno della ricorrenza. Altra cosa gradita dammi del tu, siamo amici e siamo Marinai …per sempre.

palombaro-giovanni-magro-pergamena-www-lavocedelmarinaio-com

Motivazione:
«Valorosissimo combattente, dopo lungo difficile e pericoloso addestramento, nel quale era fedele ardito collaboratore del suo ufficiale, con lui violava, una prima volta, quale operatore di mezzo d’assalto subacqueo una delle più potenti e difese basi navali dell’avversario.
Inflessibilmente deciso ad ottenere risultati più cospicui, si sottometteva a nuova e intensa preparazione, in una vita clandestina e di clausura, fino al momento in cui, con sovrumano disprezzo del pericolo e animato da sublime amor di Patria, seguiva il suo ufficiale in una nuova impresa, nonostante il nemico avesse predisposto tutto quanto la tecnica poteva escogitare per opporsi all’ardimento dei nostri uomini.
 Nel porto nuovamente violato trovava eroica morte accanto al suo capo, unito indissolubilmente a lui nel sacrificio, così come lo era stato in vita, nel culto della Patria e del dovere.»
Gibilterra, 9 dicembre 1942

lapide-a-giovanni-magro

Ti invio anche questa foto che sta nel cuore di noi, suoi compaesani. Ieri, qui a Rovigo, abbiamo festeggiato S. Barbara ed abbiamo scelto sempre questo giorno per commemorare la scomparsa del nostro eroe. Sono certo che domani, sul tuo blog, i nostri fratelli Marinai avranno la possibilità di vedere un buon servizio. Un abbraccio a te caro Amico e buona serata.
La foto è stata scattata a La Spezia il 2 aprile 1942, Giovanni Magro viene decorato di Medaglia d’argento al Valor Militare conferita per il successo dell’operazione BG4.

la-spezia-2-aprile-1942-giovanni-magro-viene-decorato-di-medaglia-dargento-al-valor-militare-conferita-per-il-successo-delloperazione-bg4

(*) 8 DICEMBRE 1942 LICIO VISINTINI MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE ALLA MEMORIA

(Parenzo, 12.02.1915 – Gibilterra, 8.12.1942)

Fondatore della Squadriglia dell’Orsa Maggiore è una delle figure più importanti nel panorama dell’Eroismo Italiano.

Noi piccolissimi vogliamo colpirvi audacemente nel cuore e in ciò che costituisce il vostro maggior orgoglio. E attendiamo, da questo gesto, che il mondo si decida una buona volta a comprendere di che stoffa sono gli Italiani.
Nel secondo tentativo di forzamento della base di Gibilterra, effettuato nella notte tra il 7 e l’8 dicembre 1942, partendo dal piroscafo Olterra, opportunamente trasformato in base operativa, si portò ad attaccare la corazzata inglese Nelson, ma nella fase più delicata della missione, e quando aveva già superato le più difficili ostruzioni, trovò la morte accanto al suo fedele compagno, Sottocapo Palombaro Giovanni Magro, nella deflagrazione di cariche esplosive lanciate in mare dalle imbarcazioni di vigilanza agli sbarramenti foranei.
Questa la motivazione della Medaglia D’oro al Valor Militare alla Memoria:
«Ufficiale il cui indomito coraggio era pari alla ferrea tenacia, dopo lungo difficile e pericoloso addestramento violava, una prima volta quale operatore di mezzi d’assalto subacquei, una delle più potenti e difese basi navali nemiche, costringendo l’avversario a nuove e severissime misure protettive. Inflessibilmente deciso ad ottenere risultati più cospicui, si sottometteva a nuova ed intensa preparazione, in una vita clandestina e di clausura, fino al momento in cui con sovrumano disprezzo del pericolo ed animato da sublime amor di Patria, ritentava l’impresa, nonostante il nemico avesse predisposto tutto quanto la tecnica poteva escogitare per opporsi all’ardimento dei nostri uomini. Penetrato una seconda volta nella base avversaria vi incontrava eroica morte, legando il suo nome alle tradizioni di gloria della Marina italiana. — Gibilterra, 8 dicembre 1942»

Tra il 7 e l’ 8 dicembre 1942, si immergeva per l’ultima volta nelle gelide acque di Gibilterra – insieme al suo superbo ed inseparabile “coppio” Giovanni Magro – uno dei più straordinari e coraggiosi palombari della Xª Flottiglia MAS: il Tenente di Vascello Licio Visintini.
Due straordinari combattenti, palombari eccezionali, elementi di spicco della leggendaria “Squadriglia dell’Orsa Maggiore” che beffò, a più riprese e tanto a lungo, la perfida Albione a Gibilterra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *