Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

Angelo Barbuto

di Carlo Di Nitto

(Gaeta, 18.3.1913 – Mare, 19.7.1940)

Il Sottocapo infermiere Angelo Barbuto, risultò disperso nell’affondamento del regio incrociatore “Bartolomeo Colleoni” il 19 luglio 1940.
Il mattino del 19 luglio 1940, il “Colleoni”, unitamente al gemello “Bande Nere”, dirigeva da Tripoli a Lero, quando, a circa 6,4 miglia da Capo Spada (Creta) si scontrò con una formazione britannica composta da un incrociatore e cinque CC.TT. Il “Colleoni”, fu ripetutamente colpito in parti vitali dal tiro nemico. Immobilizzato e con un vasto incendio a bordo. , alle ore 09.00, venne affondato con siluri lanciati da due CC.TT nemici.
Nello scontro di Capo Spada persero la vita 121 Marinai del “Colleoni”.
Angelo era nato il 18 marzo 1913 a Gaeta.

(foto p.g.c. della Famiglia)

Dello stesso argomento sul blog:
https://www.lavocedelmarinaio.com/2019/07/19-7-1940-affonda-la-regia-nave-colleoni/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *