Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

12.10.2000, Kursk

di Carlo Di Nitto

Il 12 agosto del 2000, per un’esplosione di origine ignota, il sottomarino nucleare russo Kursk si inabissò a -108 metri nelle gelide acque del Mar di Barents. Le cause di questo incidente non sono ancora chiare e forse non lo saranno mai.
Quello che è certo è che nel sottomarino morirono 118 marinai.
Il 19 maggio 2001 partecipai al 38° Raduno Internazionale dei Sommergibilisti.
Erano presenti anche numerosi parenti dei Caduti del Kursk. Tra questi, la Madre di un Guardiamarina alla quale, in segno di commosso e deferente omaggio al figlio scomparso, donai il mio distintivo. Lei, per ricambiare, mi donò il distintivo del Kursk sopra fotografato, già appartenuto al figlio morto nell’affondamento.
Lo conservo gelosamente.
Oggi ricorre l’anniversario della tragedia del Kursk.
Questa immagine vuole essere il modestissimo omaggio di un marinaio alla Memoria di quei Marinai scomparsi.

DISTINTIVO SOTTOMARINO KURSK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *