Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

Alfredo Cappellini (Livorno, 31.12.1828 – 20.7.1866)

a cura Francesco Carriglio
www.augusta-framacamo.net 

Medaglia d’Oro al Valor Militare

Alfredo Cappellini nacque a Livorno il 31 dicembre 1828; a quattordici anni entrò nel Collegio di Marina di Genova; usci guardiamarina il 4 aprile 1848 e fu imbarcato sulla corvetta « Aquila » con la quale prese parte alla campagna di guerra in Adriatico contro gli austriaci. Da sottotenente di vascello sul «Governolo», durante la guerra di Crimea, si trovava con tale unità a bombardamento dei forti russi ; al ritorno dalla campagna fu promosso luogotenente di vascello di 2^ classe. Nel 1861 comandava la «Veloce» alla presa di Gaeta, e si distinse il 22 gennaio nel bombardamento del Torrione francese tanto da meritare, specialmente per esso e anche per il complesso delle azioni compiute durante l’assedio, la medaglia d’argento al valore. Dopo altre destinazioni, essendo capitano di fregata di 2^ classe, il 20 gennaio 1866 assumeva il comando della cannoniera corazzata « Palestro », ed il 6 maggio, poco prima dell’inizio della guerra contro l’Austria, era promosso capitano di fregata di 2^ classe. Per la sua eroica condotta nell’azione del 20 luglio, nella quale lasciò la vita, gli fu conferita con Regio decreto del 1° agosto 1866 la medaglia d’oro al valore con la seguente motivazione: Per avere nella battaglia di Lissa avvenuta il 20 luglio 1866 fra la fiotta, austriaca e quella italiana, preferito morire con lutti i suoi ufficiali ed il suo equipaggio, anziché abbandonare la pirocorvetta « Palestro » da lui comandata ed in preda alle fiamme nella quale prederà la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *