Attualità,  Marinai,  Racconti,  Recensioni,  Un mare di amici

Era il 26 giugno 1999

di Roberta ammiraglia88

…quando è arrivata questa busta che custodisco tra le cose preziose!

… riceviamo e pubblichiamo questo bellissimo racconto.

L’altro giorno, mentre cercavo un altro cimelio, ho potuto “accarezzare” questa busta “storica” (che coincidenza, compie venti anni!). Ho anche potuto toccare con mano e rileggere la lettera che conteneva, indirizzata a me personalmente: era la conferma per una futura visita alla nave scuola Amerigo Vespucci.
Praticamente l’ufficio mittente, della nostra fantastica Marina Militare, aveva preso in carico la mia domanda ed ora … ero in lista! Che emozione! Ce l’avevo fatta, un giorno avrei potuto ammirare il Vespucci dal vero!
La lettera informava anche che la nave era impegnata però nella Campagna Addestrativa e perciò avrei dovuto attendere l’autunno per salire in visita.
Nessun problema, finalmente dopo anni di ricerche, e lettere inviate a vari indirizzi, ero arrivata all’Ente giusto (e chi pensava di dover disturbare proprio “i militari”!) e un sogno si stava realizzando! La mia domanda era arrivata ed ero in elenco! Ora iniziava veramente a concretizzarsi la possibilità di ammirare dal vero quel fantastico veliero che, fin da bambina, mi aveva affascinata.
Ricordo ancora molto bene la disponibilità e la gentilezza dei componenti di quell’ufficio.
A causa di alcune vicissitudini, non sono salita con quella visita “prenotata”, ma come “normale” cittadina che si è messa in fila … anche se la nave era ancora in manutenzione e non si presentava al meglio. Ma perché perdersi comunque l’occasione?
Ricorderò sempre quei momenti dell’attesa in fila e poi l’avvicinarsi sempre di più al concretizzarsi del sogno … io ero lì! Ero veramente al cospetto della Regina dei Mari! Il sogno diventava sempre più realtà, prima nel percorrere lentamente lo scalandrone e poi … non c’erano dubbi, ero effettivamente a bordo! Io!
Anche se non era completamente visitabile e non si presentava nel massimo splendore, il suo fascino appariva comunque! E’ stato comunque interessantissimo vedere come è il “mondo” all’interno dell’Arsenale … se fosse stata “a posto” non avrei potuto scoprire alcune particolarità del bel mondo navale che qui in Trentino non ci sono!

Da lì, da quella busta e da quella lettera ufficiale, dalla prima volta che ho messo piede a bordo è partito, o meglio è proseguito sempre più risoluto il rincorrersi con quello storico ed affascinante veliero che, posso proprio dirlo, ha gettato l’ancora ben fissata al fondale del mio cuore!
Ora che è prossimo a salpare con gli Allievi dell’Accademia Navale    giugno 2019 – dopo esattamente 20 anni da quella lettera, non posso fare altro che lasciarlo solcare i mari e dirgli: “mio” caro Vespucci, buona “ricorrenza” e buon vento!

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *