Attualità,  Racconti,  Recensioni,  Un mare di amici

Compleanno di una mamma

di Marina Cometto


Oggi è il mio compleanno, non lo festeggio da anni, ho sempre pensato che fosse una bella ricorrenza per i bambini, per fare sentire quanto sono amati e per regalare loro un giorno speciale in cui ricordare “la benedizione” che è arrivata in famiglia con la loro presenza, da adulta mi sembra superfluo.
Questa mattina verso le 7.00 Claudia si è svegliata, non era un lamento, più un richiamo, sono andata in camera sua l’ho girata, lei dorme a pancia in giù, ha preso l’influenza da me (è dal 20 di settembre che ha raffreddore e tosse,) e nonostante l’antibiotico e il cortisonico non è ancora pienamente in forma, anche se sembrava stesse avviandosi alla guarigione.
Gli faccio una carezza, le schiocco un bacio avverto che Claudia  ha un senso di affaticamento respiratorio.
Ormai la mamma si è fatta da parte e è subentrata l’infermiera -medico formata e laureata sul campo, con l’esperienza quotidiana,  accanto a una creatura fragile di salute.
Le metto il “saturi metro”  che segna 86.87:
Già vedevo davanti a me l’ospedale, il pronto soccorso medico, il prelievo di sangue.
Avverto un incubo sarà l’esperienza pregressa del ricorso alle strutture ospedaliere, …spiegare, spiegare, chiedere, e spesso battersi contro un muro di gomma fatto di nozioni, prassi, regole,  … “tutto fuori dalla nostra portata!”.
Ci ho messo anni a diventare pratica e ( forse) efficiente, ma prima di ricorrere all’ospedale ci penso un po’.
Oggi, seppur preoccupata, ho cercato di essere obiettiva e pratica.
Per prima cosa ho messo l’ossigeno a Claudia, le ho misurato la febbre che per fortuna non c’è, ho dovuto instaurare una”lotta” con lei per metterle gli “occhialini” per l’ossigeno.
Poi Claudia si è rilassata e dopo pochi minuti l’ossigenazione è tornata a livelli quasi normali: 93-94.
Lei mi ha sorriso, ha sorriso anche al papà che è venuto a vedere il motivo di quella sveglia prematura visto che Claudia quando sta bene è una dormigliona.
Quel sorriso ci ha confortato un po’.
Ho provato a darle la colazione dopo aver aspirato un po’ di secrezioni che da quando è raffreddata sono sempre presenti e lei ha apprezzato il the e i biscottini Nipiol che  mangia abitualmente da quando aveva pochi mesi.
Mi sono chiesta: se mangia vuol dire che tutto sommato non va malaccio.
Claudia adesso riposa, le ho tolto l’ossigeno e sto aspettando  i vedere l’evoluzione della giornata. Una giornata uguale alle altre ma sempre particolare.
Buon compleanno mamma Marina.

http://www.claudiabottigelli.it

http://www.disabili.com/gli-esperti-rispondono/ditelo-a-marina

http://www.facebook.com/?sk=messages&tid=1114890290043#!/group.php?gid=109730099054346&ref=ts

http://www.facebook.com/profile.php?id=1417821591&v=wall&story_fbid=107863555945006&po=1&ref=notif&notif_t=share_comment#!/profile.php?id=1500447830

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *