Attualità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Racconti,  Recensioni,  Un mare di amici

Essere marinaio

di Enzo Testa

Riceviamo e, con immenso orgoglio, gratitudine e commozione, pubblichiamo.

Buongiorno Ezio,
essere un MARINAIO non è facile e non è fatto per tutti. Bisogna essere forte, coraggioso e intenzionato. Essere marinaio vuol dire essere un uomo perché tutti pensano che il mare insegna un mestiere, in realtà insegna ad essere UOMO. Durante la sua vita verserà sempre lacrime: lacrime di tristezza e dolore quando imbarca e si trova costretto a lasciare i suoi cari; lacrime di solitudine quando si trova a bordo ed è consapevole che è lontano da tutti e da tutto; lacrime di gioia quando sbarca e riabbraccia i suoi cari; lacrime di orgoglio e di soddisfazione perché orgoglioso di aver fatto carriera e saper dare un futuro alla famiglia e figli grazie ai propri sacrifici; e infine lacrime di delusioni per gli amori e gli amici persi…


Nonostante tutto ciò, un Marinaio si fa forza e cerca di andare avanti guardando i lati positivi. Chi non è del campo non sa cosa si è costretti a sopportare durante i mesi di navigazione. Stress e sonno perso che si accumulano man mano che i giorni passano; avere a che fare con gente, a volte prepotente, e tenersi tutto dentro per evitare guai e problemi.
A volte capita di perdere dei cari mentre si è in alto mare e non lo si è potuto salutare per un ultima volta oppure amori che ti lasciano da un giorno all’altro perché troppo deboli, e che spesso ti sostituiscono con uno qualsiasi.
Infatti amare un Marinaio non è facile!
Ci vuole una Donna al suo fianco che gli sarà di aiuto e di incoraggiamento, con un cuore grande che sa comprendere i sacrifici, un cuore forte per reggere al dolore del distacco e separazione, ma soprattutto un cuore pieno di AMORE che non lo lascerà mai e non lo tradisce neanche nei momenti deboli.

Molti pensano che un marinaio ha un rapporto in ogni porto, pochi sanno che non c’è tempo materiale per farlo, perché, per chi ha una responsabilità, è raro scendere a terra pure solo per bere una birra, e si preferisce un ora di riposo in branda o dove capita!
Quello di cui ha bisogno un uomo di mare è amore corrisposto!
Infine ci sono anche le soddisfazioni: una di questa è capire cosa vuol dire veramente la felicità quando, dopo mesi di navigazione, si rimette di nuovo piede sulla terra ferma e si riabbracciano i propri cari
Essere Marinaio è anche questo e io sono fiero di esserlo perché so che senza sacrificio non si ottiene nulla,
e dalla solitudine del mare i miei ricordi sanno veramente chi ti apprezza e anche chi rimarrà sempre al tuo fianco, anche se sei lontano, anche se sai di essere un MARINAIO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *