Recensioni,  Storia

13.9.1943 la strage di Teverola,
 la Resistenza dimenticata e l’Arma dei Carabinieri

di Antonio Cimmino

…ovvero la conquista della libertà in Campania!

Dopo aver difeso il Palazzo dei Telefoni di Napoli, sito strategico per fornire i collegamenti indispensabili per organizzare le azioni di contrasto e di difesa, i carabinieri si barricarono nella caserma Napoli-Porto da dove opposero una drammatica resistenza. Ma esaurite le munizioni e di fronte al numero dei nemici, si arresero. I quattordici carabinieri furono costretti a camminare a piedi da Napoli a Teverola ove furono barbaramente passati per le armi ai margini di un campo di concentramento nei pressi di Aversa, unitamente a due inermi civili. 
Alcuni contadini furono costretti a scavare la fossa.
Era il 13 settembre del 1943.

Brig. Egidio Lombardi;

App. Emilio Ammaturo;

Car. Ciro Alvino;

Car. Antonio Carbone;

Car. Giuseppe Covino;

Car. Michele Covino;

Car. Nicola Cusatis;

Car. Domenico Dubini;

Car. Domenico Franco;

Car. Martino G. Manzo;

Car. Giuseppe Pagliuca;

Car. Giuseppe Ricca;

Car. Giovanni Russo;

Car. Emiddio Scola;

Francesco Fusco;
Carmine Ciaramella.


Un commento

  • Profilo fb EZIO VINCIGUERRA

    Ezio Pancrazio Vinciguerra Riposate in pace se potete, noi non vi abbiamo dimenticato
    Franco Vetturini R.I.P.
    Sandro Saccheri Noi no non dimenticheremo mai!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *