Che cos'è la Marina Militare?,  Curiosità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

Le razioni alimentari per marinai di bassa forza

di Antonio Cimmino

…nella seconda metà dell’800.

Il Medico Direttore capo del 3° Dipartimento Marittimo (F.) A. Boncinelli, Il Medico Direttore capo del V Dipartimento Marittimo (F.) M. Sanguineti, il Medico Direttore capo del V Dipartimento Marittimo (F.) G, Moriondo, il Medico Ispettore C. D. Mari, pubblicarono sulla Rivista Marittima del IV trimestre 1877, un’articolata relazione “Sull’alimentazione dei militari di bassa forza dei Corpi della Regia Marina”.


Analizzarono la razione alimentare dei marinai di cui alla circolare ministeriale 20 luglio 1862 e affermarono:
poteva bastare ai marinari destinati di servizio a terra riusciva invece scarsa pei naviganti ed aveva poi un difetto non lieve certamente, quello ciò di contenere in soverchia copia materie carbonate ed idrocarbonate”.
Solo con regio decreto 2 ottobre 1870 venne assegnata una razione al marinaio di servizio a terra e un’altra a quello navigante. Fu equiparata ai marinai la razione dei soldati di fanteria marina. Naturalmente le razioni per  il personale navigante tenevano conto delle condizioni climatiche ed ambientali in cui le navi si trovano ad operare. Il ricordo dello scorbuto che, per secoli, aveva mietuto vittime nella marineria velico nelle lunghe navigazioni era ancora richiamato:
Se lo scorbuto infierisce ancora sulle navi mercantili ed anche su quelle da guerra di alcune nazioni si deve principalmente all’uso troppo frequente delle carni salate; la regolare distribuzione del sugo di limone (ordinata  per legge dagl’inglesi) e dei legumi freschi od in conserva non basta ad impedire che quelle sostanze alterate nella loro composizione non inducano negli intimi processi della nutrizione tali mutamenti morbosi da dar luogo all’anemia ed alla diatesi scorbutica, che sono i precipui fattori delle malattie dominanti nelle regioni intertropicali”.
Si riportano, di seguito, alcune tabelle sulle razioni alimentare e anche due menù del 1894  per pranzo con concerto e di gala e serata  sulla corazzata Morosini, naturalmente riguardanti gli ufficiali.

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *