La cultura è costruire ponti


Fare cultura oggi è un poco come un montanaro: cerca di andare per mare e finisce sempre per perdersi. Io penso che il futuro stia nel costruire ponti. Nel senso che più di ieri c’è bisogno di confrontarsi su temi reali. Ed è quello che stiamo cercando di fare noi adesso. Costruire un ponte che non sia virtuale ma reale.”
Un abbraccio grande come il mare ai lettori.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Per Grazia Ricevuta, Pittori di mare, Recensioni. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *