Attualità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Per Grazia Ricevuta,  Pittori di mare,  Racconti,  Recensioni,  Un mare di amici

Dove nasce la felicità

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Dedicato a tutti voi lettori del blog che mi siete giornalmente vicini. Navighiamo in questa affollatissima piscina denominata “vita” per attraccare la barca al “porto dell’umana solidarietà”.
Se vi dico che vi voglio bene, mi credete?

Mi sono chiesto cosa sono le umane relazioni e, soprattutto, cosa mi aspetto da te e tu che cosa ti aspetti da me in un rapporto relazionale?
Ebbene, se il rapporto con noi stessi non funziona, non dobbiamo mai aspettarci che le nostre relazioni con gli altri vadano meglio. Nessun altro, se non te stesso in questo mondo, può renderti felice.
La felicità è qualcosa che devi “guadagnare e raggiungere da solo, perseverando attraverso il rigore, la disciplina e il discernimento” ma per fare questo c’è un cammino da seguire: la condivisione con qualcun altro.
Non è facile, lo so, ma mi sento di poter affermare che se prima ritenevo che la colpa della mia infelicità fosse stata causata degli altri, mi sbagliavo; ho iniziato a guardare dentro me stesso per scoprire che cosa mi mancava davvero ed ho sperimentato l’amore per il Lui e per il prossimo attraverso i rapporti relazionali con Voi.

Natività di Martina Benedetti diritti riservati dell'autrice. Acrilico su tela copia per gentile concessione a www.lavocedelmarinaio.comNatività (acrilico su tela di Martina Benedetti – diritti riservati). Foto per gentile concessione dell’autrice a www.lavocedelmarinaio.com

38 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *