7.7.1915, affondamento il regio incrociatore Amalfi 


a cura di Antonio Cimmino

 e Carlo Di Nitto

Incrociatore corazzato varato a Genova il 5 maggio 1908 affondato in Adriatico il 7 luglio 1915, silurato da un sommergibile tedesco U-26. con i marinai superstiti dell’unità, fu creato un Gruppo d’artiglieria inquadrato nell’XI Corpo D’Armata sul Carso.
Il motto della nave era “Ardimento e Impeto”.

Questo articolo è alla memoria di Luigi Iannitti, primo Marinaio di Gaeta caduto nella Grande Guerra, e dell’equipaggio del regio incrociatore Amalfi che non fece più rientro alla base.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

2 risposte a 7.7.1915, affondamento il regio incrociatore Amalfi 


  1. Profilo fb EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ezio Pancrazio Vinciguerra Riposate in pace
    Vincenzo Campese Riposate in pace marinai.
    Franco Vetturini R.I.P.
    Pino Amara R.I.P.
    Girolamo Trombetta Gloriosi Marinai dell’Amalfi, di cui I superstiti furono inviati sul Carso come Artiglieri

  2. Gruppo fb LA VOCE DEL MARINAIO dice:

    Pasquale Pellicoro R.I.P.
    Renato Simonetta condivido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *