Attualità,  Che cos'è la Marina Militare?,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

18.7.1979, salpa il 6° Gruppo Navale

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Una pagina in più 37 anni dopo è il libro di Lino Gambino che ripercorre momenti di vita, la nostra, dove scrivere o comunicare sentimenti è come attraccare la barca nel porto della solidarietà, nel caso specifico quella di nave Ardito.
L’autore ripercorre e continua a dare la giusta rotta con questo pregevole libro e con un pensiero fisso: quello di immortalare, 37 anni dopo, momenti di vita vissuta tra mare, cielo e terre lontane…

Era il 18 luglio 1979 e il 6° Gruppo Navale, costituito dalle due unità Ardito e Lupo, salpava dal porto di Livorno per una campagna addestrativa fuori dal Mar Mediterraneo.
Il protagonista era imbarcato su nave Ardito come sergente Segnalatore e, dopo anni di ricerche fotografiche e testimonianze, scrive una pagina che percorre, nella giusta ed equilibrata misura, gli anni di vita di questa unità navale.
Nel libro non mancano momenti di intensa commozione specie quando il protagonista si incontra con gli “amici” che sono stati imbarcati con lui e che, dal 2006, celebrano annualmente il consueto raduno conviviale con le famiglie.
Foto e illustrazioni, curiosità e tantissimo altro materiale, sottolineano e contribuiscono a tenere sempre vivo il ricordo di una circumnavigazione del globo e dare vita a ricordi indelebili, di una vita vissuta e testimoniata, da protagonisti.

Il libro, costituito da 250 pagine, con realizzazione grafica di Alfonso Zampaglione e foto di Flavio Gallo, è stato realizzato, a proprie spese, dal Capitano di Fregata (r) Lino Gambino. Sebbene abbia una tiratura limitata, è un excursus di eccezionale documentazione storica-fotografica. Io che l’ho ricevuto e letto tutto d’un fiato ne consiglio la stesura con un gruppo editoriale e, soprattutto, la lettura alle care genti di mare e ai parenti e amici che per noi vegliano, condividono e pregano per noi uomini di mare e di guerra.

12 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *