4.6.1983, varo della nave Garibaldi


di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra



Caratteristiche tecniche
Tipologia: Portaeromobili
Classe: Garibaldi
Impostata il: 20.02.1978
Varata il: 04.061983
Cantiere: Cantieri navali di Monfalcone
Dislocamento: 13859 t p.c.
Lunghezza: 180, 2
Larghezza: 23,4 m al galleggiamento – 30,4 m al ponte di volo
Larghezza ponte di volo: 173,8 m
Immersione: 6,7 m
Apparato motore: COGAG: 4 tag. Fiat/GE LM-2500, 2 assi con eliche a passo fisso e inversione del moto mediante due giunti riduttori invertitori Tosi
Potenza: 60400 KW (80997,72 HP
Velocità: 30 nodi
Autonomia: 7000 mg
Armamento: Linea di volo costituita da 12-18 aeromobili (SH-3D/EH-101 o/e AV-8B Plus); 2 lanciatori a 8 celle Albatros (con missili S/A Aspide); 3 sistemi AM/AA Dardo (con mitragliera Breda da 40/70)
Equipaggio: 534.

L’incrociatore portaeromobili Giuseppe Garibaldi, prima Unità di questo genere della Marina Militare Italiana, è stata costruita nei Cantieri Navali di Monfalcone e ivi varata il 04 giugno 1983.
Entrata in servizio nel 1985, ha come abituale porto di assegnazione Taranto e, a partire dal 2014, è stata posta alle dipendenze organiche ed operative del neo costituito Comando del Terzo Gruppo Navale, di stanza nella base di Brindisi.
Grazie alla propria versatilità d’impiego, ha svolto negli anni un ruolo fondamentale in tutte le principali missioni internazionali che hanno visto impegnata la Marina Militare.

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *