Attualità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Recensioni,  Storia

22.5.1887, a Taranto si inaugura il ponte girevole

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Era domenica a Taranto, giorno di festa, e l’arcivescovo Monsignor Pietro Jorio benediva il nuovo ponte girevole, dedicato a Umberto Cataldo in onore del sovrano regnante Umberto I e del Santo Patrono San Cataldo.
Il ponte, costruito sul canale reso navigabile, congiungeva il Mar Grande e il Mar Piccolo, sede della base navale e dell’arsenale ancora in corso d’opera. Lungo 67 metri, realizzato dall’impresa di costruzioni Cottrau sotto la direzione del colonnello del Genio militare Giovanni Cugini, da quel giorno sarà il simbolo della “città dei due mari”.
Fino al 1885 esisteva un ponte in muratura che venne demolito per la realizzazione di quello girevole che, a suo tempo, aveva sostituito un ponte in legno. Alla cerimonia quel giorno partecipò anche il viceammiraglio Ferdinando Acton, allora comandante in capo del 2° Dipartimento marittimo che, per l’occasione, giunse da Napoli il giorno 19 col trasporto Volta.

Si consiglia la lettura del seguente link

Il castello Aragonese ed il ponte girevole di Taranto

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *