Attualità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà,  Storia

1° maggio – L’oro negato ai Marittimi Italiani – Lettera al Presidente della Repubblica

di Comandante Antonino Migliaccio

…riceviamo e pubblichiamo il 1° maggio nel giorno della Festa dei lavoratori 

Prot.     01/16/AM/am
Sig. Presidente On.le Sergio Mattarella
Oggetto: L’Oro negato ai Marittimi Italiani                                 Palazzo Del Quirinale
                                                                                                                       ROMA
Comandante-Antonino-Migliaccio-per-www.lavocedelamarinaio.com_Sig. Presidente,
mi rivolgo a Lei, più alta carica dello Stato, nella speranza che si risolva in modo più dignitoso, con tempi meno lunghi, l’invio della Medaglia d’onore di Lunga Navigazione ai Marittimi civili  che, con Decreto Ministeriale, ne hanno acquisito il diritto.
Per maggiore chiarezza mi pregio far osservare che attualmente i tempi che intercorrono fra la ricezione del decreto da parte del marittimo, concernente l’onorificenza e la consegna della stessa da parte dell’Autorità Marittima intercorrono dai dodici ai quindici anni.
Purtroppo, qualche volta a ritirarla è stata la vedova per sopraggiunta morte del congiunto.
Sig. Presidente, comprendo benissimo le motivazioni addotte nel merito dell’insufficienza dei fondi assegnati.
Attualmente ci viene detto da parte del Ministero, che si possono assegnare non più di 50 medaglie per anno; pur tuttavia, ci riesce difficile comprendere la sperequazione che si attua fra i Compartimenti Marittimi, titolati alla consegna,  in quanto la stessa dovrebbe essere in diretta dipendenza alla data di ciascun Decreto.
Guerra fra poveri.
FB5Quanto sin qui esposto, mi perdoni, provoca in tutti noi marinai civili, un senso di frustrazione e di irriconoscenza in quanto la stessa Legge che regola la concessione della benemerenza ad altri corpi, si attua automaticamente ed in tempo reale alla richiesta.
Sig. Presidente, noi Marinai civili siamo orgogliosi per il riconoscimento da parte dello Stato, per i meriti acquisiti dal personale senza distinzione di grado e di ruolo “…per la particolare vita di rischioso lavoro sul mare.”
Vent’anni di sacrifici, di atti di abnegazione ed altruismo sconosciuti; di lontananza condivisa con le famiglie sottraendo alle stesse quella figura maschile di importanza essenziale per la crescita e l’educazione dei figli, senza violare o scalfire mai l’onore della persona.
Una categoria che con la seconda Guerra Mondiale, nella “battaglia dei convogli” ha donato al Paese con un atto di fede ed amor di Patria 7.500 Caduti dei suoi Marinai civili, conquistando il riconoscimento dello status di combattenti con la concessione della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla propria Bandiera. La ossequio con deferenza.
Piano, 1 Febbraio 2016
Comandante Antonino Migliaccio
Segretario M.O.L.N. di C.mmare di Stabia
Via Bosco 15 – 80063 Piano di Sorrento

bandiera-della-Marina-Mercantile-copia-www.lavocedelmarinaio.com_

Dello stesso argomento sul blog
https://www.lavocedelmarinaio.com/2016/04/11-aprile-1951-consegna-della-medaglia-doro-al-valor-militare-alla-bandiera-della-marina-mercantile/

23 commenti

  • Ena Buonfiglio

    Signor Ezio se il governo non da la medaglia non chiedete niente una cosa ciascuno la compriamo noi senza offesa

  • Vincenzo Calisto

    Oggi non è cosa, medaglie, Croci anche se da me condivise, L’ultima persona che si è interessato a noi Naviganti è stato il Buon Giuseppe SARAGAT (5° Presidente della Repubblica Italiana.

  • Epaminonda Francesco

    Ad Augusta ci hanno consegnato la pergamena senza la medaglia e da dieci anni che aspettiamo..

  • Mario Leopoldo Figari

    ad oggi non danno più nemmeno la pergamena ma un foglio stampato in A4 a colori.

  • Mario Gilli

    Mario Leopoldo Figari — se non ricordo male, il suo era scritto in calligrafia, quello che hanno dato a me, è scritto con una Olivetti

  • Mario Leopoldo Figari

    pur approvando lo scritto essendo anch’io in attesa del riconoscimento, credo che Mattarella con questa lettera ci farà un aeroplanino o una barchetta di carta.

  • Vincenzo Storelli

    Mai visto gente di mare che diventa marinaio per mettersi in lista di attesa per una medaglia che è solo stagno colorato, un vero marinaio non ha bisogno di riconoscimenti è come quando si salva qualcuno che non sa nuotare: lo salva per avere una medaglia o perchè è un “istinto” naturale?

  • Mario Gilli

    non credo che sia di stagno, almeno la mia non lo sembra. forse Lei confonde con i premi OSCAR

  • Vincenzo Storelli

    … con tutto il rispetto, pur se fosse di metallo prezioso (sicuramente di oro) ma si sceglie di far il marittimo per avere un lodevole riconoscimento istituzionale? chi vale ha valore anche prima e non è che, con la medaglia, il valore diventi aggiunto o si diventi più importanti

  • Mario Gilli

    Vincenzo Storelli — quando ho iniziato a navigare (1960) non sapevo niente delle medaglie e, sinceramente, l’ho saputo poco prima di pensionarmi.

  • Armando Terramoccia

    Vincenzo Storelli Signor Storelli le invio un sincero e più che meritato vaffank….! Nessuno naviga per quella medaglia ma QUALCUNO riconosce i sacrifici che la gente di mare ha fatto per la sua famiglia e per lo STATO. Se non ha capito il primo le invio un secondo vaffank…se lo metta sotto il braccio e ne vada orgoglioso non capita a tutti prenderlo da Una medaglia d’oro.

  • Giuseppe Dandolo

    Armando Terramoccia Bene adesso tutti sanno che un vaffa, regalato da un insignito di medaglia oro per lunga navigazione, vale più di un normale e non medagliato vaffa che io le dedicherò con piacere quale figlio di un marittimo che con 44 anni di navigazione incluso un poco di militarizzata effettivamente fatta per 3 anni circa dragando mine, pur rispettando chi ne fece richiesta , non volle saperne ascrivendosi , e lo disse , quale più grande medaglia, quel poco tanto che era riuscito a fare per i figli con sacrifici e dignità e senza Esibizionismi. A nome di quei tre figli, 2 CSLC ancora in vita ed Una Clc laureata poi in scienze nautiche indirizzo geodetico, che purtroppo ci lasciato insieme ad un grande vuoto nel suo ambiente di lavoro (r.i.p.).La saluto,cordialmente, medagliato.

  • Arando Terramoccia

    Giuseppe Dandolo LEI ha qualche problema . Mi contatti che le do l’indirizzo di un grande STRIZZACERVELLI .Comunque , a parte le sue problematiche , accetto il suo Vaffa che purtroppo per LEI vale molto molto molto meno di quello di una Medaglia d’oro. Stia sereno e tranquillo . Nessuno l’ha chiamato in causa .Si prenda due gocce MPC .

  • Mario Leopoldo Figari

    Signor Dandolo, io rispetto la sua opinione ma Lei non può parlare di “esibizionismo” nel pretendere un riconoscimento che spetta per legge. Tra parentesi quella medaglia che aspettiamo o che abbiamo ricevuto non viene nemmeno mai indossata ma finisce in un quadretto appeso nel salotto . Io la vivo come il coronamento di una vita spesa in mare e nemmeno di una carriera, visto che giustamente viene riconosciuta al di là del grado. Non ultimo i requisiti per averla parlano di 20 anni effettivi con la bandiera italiana, quindi è anche un riconoscimento di lealtà allo Stato e alla bandiera, mentre molti per questioni meramente economiche scelgono di servire altre bandiere. Mi firmo anch’io come C.S.L.C e medaglia d’oro, anche se ancora non ricevuta e chissà se mai la riceverò. Nel frattempo solo negli ultimi 10 anni ho versato allo Stato circa 350.000 euro di contributi, quindi se mi restituisse circa 1000 euro sotto forma di medaglia avrebbe sempre fatto un bel guadagno.

  • Armando Terramoccia

    SIA CHIARO A TUTTI : La medaglia d’oro viene conferita IN RICONOSCIMENTO DEI SACRIFICI COMPIUTI AL SERVIZIO DEL PAESE . COSTITUISCE UNA SOLENNE ATTESTAZIONE DEI MERITI PROFESSIONALI CONSEGUITI NEL CORSO DELLA VITA TRASCORSA IN GRAN PARTE SUL MARE. Il costo giornaliero di migliaia di clandestini molte volte salvati dalla gente di mare è migliaia di volte più del costo di qualche medaglia d’oro . E non la butto in politica ( quasi ) COSI’ PARLA GRANDE CAPO ESTIKATZI.

  • Vincenzo Storelli

    … è vergognoso il comportamento del Armando Terramoccia che ringrazio dei 2 VAFFAN … francamente lo faccio ogni giorno per 3 volte al giorno, agitandomi prima dei pasti. E’ vergognoso attaccarsi a un qualcosa che poi resterà appeso a una parete fino a quando qualcuno lo venderà per un piatto di spaghetti.. E’ vergognoso esibirsi per MERITI PROFESSIONALI CONSEGUITI NEL CORSO DELLA VITA TRASCORSA IN GRAN PARTE SUL MARE. come se tanta altri lavoratori siano delle nullità. Signor Armando Terramoccia, se lei è stato un grande è perchè sarà stato coaudiuvato da tante altre persone che MAi e POI MAI chiederanno di una medaglia se non il rispetto della loro dignità. Mi ha insultato nella forma più gratuita senza rispetto e con tanta arroganza ma, la capisco perchè, lei non è capace di vedere oltre il suo naso sempre se ne avesse. Mi vergogno e mi sento sporco solo per l’aver risposto e mi fermo qui per non raccare su tanti MEDAGLIATI che sono stati riconosciuti MERITEVOLI dopo aver distrutto vite umane o fatto altro di negativo …

  • Armando terramoccia

    Non c’è due senza tre . Bravo ha terminato la collezione . Ne sia orgoglioso , non capita a tutti. PS : per me finisce qui , è molto difficile restare al suo mediocre livello , ma se vuole avere l’ultima parola prometto di non rispondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *