4.2.2003, in ricordo di Luigi Di Massa

di Antonio Cimmino e Franco Bosi

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

A.N.M.I. STABIA è vicino ai fratelli di Foligno e noi non dimentichiamo…

Antonio-Cimmino-per-www.lavocedelmarinaio.com_1Luigi Di Massa nasce a Gragnano (Napoli) il 18 novembre 1923. Dopo aver combattuto per mare su unità di superficie e sommergibili, il marinaio Luigi Di Massa, dopo l’8 settembre 1943, all’atto della ricostruzione del nuovo Esercito Italiano per scacciare i tedeschi dall’Italia, fu inquadrato nel Reggimento San Marco che, unitamente ai paracadutisti della Nembo, artiglieri e soldati del Genio, partecipò alla Guerra di Liberazione nel XIII corpo britannico.
Per il suo coraggio ebbe numerosi riconoscimenti:

Luigi Di Massa - www.lavocedelmarinaio.com– Attestato della città di Livorno per aver “contribuito all’eroica lotta per la riconquista della Libertà e della Democrazia”.

– Attestato di benemerenza della Regione Umbria.

– Cittadinanza Onoraria del comune di Belvedere Ostriense per “ aver combattuto nei reparti del Corpo di Liberazione a rischio della propria vita, per cacciare da queste contrade le truppe nazifasciste nel luglio del 1944, restituendo alle nostre terre Libertà, Pace e Speranza di un avvenire migliore”.

– Cittadinanza Onoraria del comune di Borgo Rossignano: “Benemerito combattente del Corpo Italiano di Liberazione del gruppo di Combattimento “Folgore” che nel febbraio, marzo e aprile 1945, operò vittoriosamente nel territorio comunale”.
Dopo il pensionamento, trasferitosi a Montefalco (Perugia), rivestì la carica di Presidente dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Foligno.
E’ salpato per l’ultima missione il 4 febbraio 2003.

Marinaio Lugi di Massa - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Storia. Permalink.

27 risposte a 4.2.2003, in ricordo di Luigi Di Massa

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Riposa in pace

  2. Pasquale Pellicoro dice:

    R.I.P.

  3. Sergio Biffi dice:

    R.I.P.

  4. Raimondo Restivo dice:

    R.I.P.

  5. Giuseppe Sciuto dice:

    R.I.P.

  6. Francesco Vescio dice:

    R.I.P.

  7. Franco Vetturini dice:

    R.I.P.

  8. Giancarlo Leandri dice:

    R.I.P.

  9. Michele Maffini dice:

    R.I.P.

  10. Roberto Tento dice:

    R.I.P.

  11. Mariella Conti dice:

    R.I.P.

  12. Giuseppe Carlo Gino dice:

    r i p marinaio

  13. Giuseppe Calamita dice:

    r i p

  14. Casimiro Frangella dice:

    R.I.P. !

  15. Francesco Ortega dice:

    R.I.P

  16. Bernieri Enrico dice:

    RIP

  17. Francesco Ruggieri dice:

    R.I.P.

  18. Francesco Rini dice:

    RIPOSA IN PACE

  19. Gerardo Di Sturno Grella dice:

    Eterna gioia.

  20. Francesco Montanariello dice:

    Riposa in Pace.-

  21. Leonardo Colamonici dice:

    R.I.P.

  22. Giuseppe Di Massa dice:

    condivido

  23. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buonasera Antonio Cimmino e Giuseppe Di Massa. Grazie.
    La sezione di Spoleto a Lui dedicata continua ad esistere e noi ne siamo fieri, vero?
    Un abbraccio grande come il mare e anche come il vostro cuore

  24. Giuseppe Di Massa dice:

    Purtroppo no, è stata chiusa. Mi hanno persino rimandato il trofeo del Memorial Sportivo dedicato a mio padre, che avevo donato alla sezione, che comunque era quella di Foligno, non Spoleto. Ricambio l’abbraccio.

  25. EZIO VINCIGUERRA dice:

    sono triste perché mi avevano assicurato di porre in essere tutte le attenzioni per non fare chiudere la sede di Foligno (Franco Bosi, Franco Bosi, Franco Bosi che leggi per conoscenza ti prego di fare tutto il possibile per riaprire la sede)

  26. Franco Bosi dice:

    Ezio Pancrazio Vinciguerra, carissimo Ezio, ho tentato tutto il possibile per tenere in vita il gruppo di Foligno (anche per l’onore di essere stato uno dei gruppi più longevi dell’ANMI ) ma per quanti sforzi ho compiuto con ormai una esigua stregua di soci affezionati (20 soci e quasi la metà aggregati) e con età quasi la stessa del gruppo (4 novantenni e più) e con la scarsa reperibilità di nuovi soci causa primaria l’eliminazione della leva, ed ancora. e forse la più scottante la mancanza di reperibilità di fondi (la grana degli arretrati dell’affitto della sede) ed ancora, tanto per titolo di cronaca, l’enorme quantità sia di suppellettili (donati quasi esclusivamente al gruppo ANMI di Todi, nato figlio del gruppo di foligno e che ha assorbito una aliquota minima dei soci) che l’enorme materiale cartaceo documentale, foto, oggettistica, quadri, libri, (poi donato fortunatamente alla Soprintendenza ai beni culturali). Eravamo rimasti solo io e alteri due consiglieri, il Vice Presidente sempre assente per impegni che aveva con altra associazione (Centro sociale), l’alternativa poteva essere la coabitanza con il menzionato centro sociale ma anche qui si perdeva tutta la vera sostanza dell’ANMI, e quindi non restava altro che chiudere ed anche velocemente. Sarei in dovere di ringraziare il contributo da parte del Delegato Regionale e della Presidenza, anche se all’inizio si erano verificate alcune incomprensionei forse per azioni intraprese da noi e non perfettamente comprese ma successivamente si sono prodigati in modo particolare nella parte economica poregressa, e di questo debbo ringraziare e rendere merito alla Presidenza Nazionale.

  27. Franco Bosi dice:

    Sarei felicissimo come marinaio qualora nel futuro si riporesentassero le occasioni per una nuova vita dell gruppo di Foligno, l’evento non sarà certamente in tempi brevi, non ci sono le occasioni. A titolo di cronaca e con cuore contrito dopo la chiusura avvenuta il 1 febbraio 2017 ben tre nostri carissimi soci sono salpati per i mari celesti riducendo ancora il numero dei nostri amici affezionatissimi. Per ora restiamo nel favoloso gruppo di Todi, ne siamo orgogliosi di questo sodaliziono nato nostro figlio, molto attivo ed egregiamente organizzato. Merito forse della loro giovane storia ma di più da soci determinati, capaci di gestirlo. Bravi a tutti. CARISSIMO EZIO CI SAREBBERO TANTI E TANTI ALTRI ARGOMENTI DA DISCUTERE MA NON DA QUESTE PAGINE. DIAMO MERITO A TUTTI I DIRIGENTI DEI GRUPPI CHE CON ENORME SACRIFICIO PERSONALE PORTANO AVANTI IL NOME DELL’ANMI A TUTTI D’O’ UN ABBRACCIO . Franco Bosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *