Liberazione nei lager

di Giovanni Presutti (*)

…non basta morire per dimenticare.

(*) digita sul motore di ricerca del blog il suo nome e cognome per conoscere gli altri scritti.

Questo articolo è stato pubblicato in Poesie, Recensioni, Storia, Un mare di amici. Permalink.

13 risposte a Liberazione nei lager

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Riposate in pace

  2. Renato Simonetta dice:

    condivido

  3. Raffaele Napolitana dice:

    RR.II.PP

  4. Giovanni Presutti dice:

    OK Ezio, un caro abbraccio, Giovanni

  5. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 Grande Giovanni grazie …. non basta morire per dimenticare.

  6. Giacomo Vedda dice:

    Grazie

  7. Giovanni Presutti dice:

    Grazie caro Ezio. Quando la scrissi avevo presente nella mente quei poveri scheletri viventi col terrore negli occhi. Spesso dovevo asciugarmi le lacrime che non mi consentivano di vedere ciò che scrivevo. Questa composizione non l’ho fatta col cervello, ma col cuore. Grazie ancora Ezio, sono commosso. Un fraterno abbraccio, Giovanni

  8. Claudio Zuttioni dice:

    complimenti davvero, bellissima poesia !!!!!!

  9. Giovanni Presutti dice:

    Grazie Claudio!

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Anema e core si tenevano stretti diceva una famosa canzone popolare … abbiamo perso la spiritualità forse ci resta un corpo

  11. Giovanni Presutti dice:

    E’ vero, Ezio, sono d’accordo con la tua sensibilità di uomo di fede, sensibile, sincero e con i piedi a terra. Questo non vuole essere solo un complimento, è una verità acclarata da una certa percezione che non è una caratteristica riservata solo agli animali. Anche noi bipedi talvolta riusciamo a “vedere” oltre la punta del naso. Un abbraccio.

  12. Marisella Virdis dice:

    bellissima

  13. Rosario Agnello dice:

    Grande Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *