31.8.1941, affondamento del piroscafo Egadi


a cura Pancrazio “Ezio” Vinciguerra



Il piroscafo Egadi (861 tonnellate) fu affondato il 31 agosto 1941 a nord ovest di Lampedusa da un aereo silurante intorno la mezzanotte.
Ben 5 aerosiluranti swordfish, decollati da Malta su allarme radar, si accanirono contro questa piccola ed insignificante nave, che svolgeva servizio postale tra Pantelleria e Lampedusa.
Erano a bordo 109 uomini tra membri dell’equipaggio e passeggeri.
Il comandante morì nell’esplosione dell’unico siluro, ma mentre tutti i superstiti cercavano scampo nelle scialuppe (mitragliate vigliaccamente dagli inglesi) il direttore di macchia Filippo Marchese, rimaneva coraggiosamente a bordo per tentare di salvare la nave, affondando con essa dopo ore di disperata lotta solitaria contro l’inevitabile
Un esempio di assoluta abnegazione e sacrificio supremo.

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

3 risposte a 31.8.1941, affondamento del piroscafo Egadi

  1. Luciano Magliulo dice:

    ciondiviso

  2. Egidio Alberti dice:

    R.I.P. L’ EQUIPAGGIO DEL PIROSCAFO EGADI

  3. Raffaele Napolitana dice:

    RIPOSATE IN PACE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *