C'era una volta un arsenale che costruiva navi,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

10 agosto 1943, il cantiere navale di Castellammare di Stabia
 viene bombardato

di Antonio Cimmino

Gli incrociatori leggeri inglesi HMS AURORA e HMS PENELOPE, dal Golfo di Salerno, altezza Amalfi, alle ore 1.30 con tiro a parabola spararono dai loro 12 cannoni da 152 mm 550 proiettili e 50 di questi raggiunsero il cantiere. Altri proiettili furono ritrovati sui Monti Lattari probabilmente per aggiustare il tiro su indicazione di aerei bengalieri.
Furono colpiti e danneggiati, in maniera non grave, il regio incrociatore Giulio Germanico in allestimento avanzato (94%) poi affondato dai tedeschi dopo l’8 settembre 1943, le regie corvette Cicala e Grillo, il sommergibile FR113 catturato ai francesi, le regie corvette Farfalla e Libellula sullo scalo, una motozattera e un pontone. Alcuni colpi raggiunsero anche gli edifici del cantiere e della Corderia causando la morte di 3 persone ed il ferimento di altre.
I cacciatorpediniere HMS JERVIS e HMS PALADIN impegnarono le batterie costiere con i loro 12 cannoni da 152. L’intera azione durò meno di un’ora.
Alla fine le quattro unità inglesi unitamente ad altre tre della Squadra Q rientrarono a Biserta.

4 commenti

  • Edoardo Gilmour

    A parziale modifica dell’articolo, i caccia montavano cannoni da 120 il Jervis è da 102 il Paladin

  • Carlo Di Nitto

    Il 22 gennaio 1944 l’incrociatore britannico HMS Penelope appoggiò con altre unità le operazioni dello sbarco ad Anzio. Nei giorni successivi bombardò le coste di Gaeta e la città di Formia in particolare. Il 17 febbraio, mentre ritornava a Napoli per rifornimento di carburante e munizioni, nelle acque del Golfo di Gaeta, venne colpito da un siluro a guida acustica lanciato dall’ U Boot 410. Affondò in dieci minuti, dopo essere stato colpito da un secondo siluro. Nell’affondamento scomparvero 415 marinai. L’affondamento del Penelope, per numero di vittime, è stato il maggior disastro navale verificatosi nelle acque del Golfo di Gaeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *