2.12.1942, affondamento della regia nave Aventino

di Antonio Cimmino

convoglio-h-www-lavocedelmarinaio-com


ALLA MEMORIA DI FRANCESCO SCOTOGNELLA E DEI MARINAI CHE NON FECERO PIU’ RIENTRO ALLA BASE

Convoglio “H”; Piroscafi Aventino; Aspromonte; Puccini; KT. 1 (Tedesco) scortati da: Cacciatorpediniere Da Recco, Camicia Nera, Folgore e dalle torpediniere Clio e Procione.
Il Piroscafo Aventino, militarizzato per il trasporto delle truppe in Africa Settentrionale, fu affondato assieme ad altre navi del “Convoglio” il 2.12.1942 nella battaglia del Banco di Skerki nel Canale di Sicilia.
Il 2 dicembre 1942 un convoglio della Regia Marina (denominato H) diretto in Africa settentrionale, che trasportava materiale bellico e soldati e formato da 3 cacciatorpediniere, 2 torpediniere e 3 motonavi armate italiane e 1 tedesca, fu attaccato da una squadra navale inglese nel Canale di Sicilia.
Dopo impari lotta furono affondati il cacciatorpediniere Folgore (124 morti), le motonavi Aventino, Aspromonte, Puccini (1.527 morti) e furono danneggiati il cacciatorpediniere Da Recco (118 morti) e la torpediniera Procione (3 morti).

2-12-1942-regia-nave-aventino-www-lavocedelmarinaio-com-copia

Il marinaio Francesco Scotognella, nato a Castellammare di Stabia il 21 ottobre 1917 era imbarcato su una delle motonavi del convoglio, scomparve in mare.
Alla memoria, per il suo coraggioso comportamento in battaglia, gli fu assegnata la Croce di Guerra al Valor Militare con la seguente motivazione:

motivazione-croce-di-guerra-ai-marinai-caduti-www-lavocedelmarinaio-com
Imbarcato su un piroscafo navigante in convoglio che, nottetempo attraversava una zona di formazione navale nemica, esplicava i propri compiti con serenità e coraggio. Inquadrato il piroscafo dal tiro avversario, cadeva al suo posto di combattimento” – Canale di Sicilia – notte del 2 dicembre 1942.

francesco-scotognella-www-lavocedelmarinaio-com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

12 risposte a 2.12.1942, affondamento della regia nave Aventino

  1. Vincenzo Sciortino dice:

    condiviso

  2. Michele Di Liberto dice:

    R. I. P.

  3. Flavio Biazzi dice:

    R.I.P.

  4. Giovani Fasiello dice:

    R.ip.

  5. Amato Giuseppe dice:

    Uomini unici, che non hanno mai avuto paura della morte, peccato che non ci sono più

  6. Carlo Damigella dice:

    R.i.p.

  7. Sandro Saccheri dice:

    R.I.P.

  8. Fabio De Chiara dice:

    R.I.P.

  9. Roberto Russo dice:

    riposate inj pace nel nostro grande mare oggi vostra urna eroica

  10. Francesco Scotognella dice:

    Caro zio R.I.P.

  11. Carlo dice:

    Un R.I.P. a tutti i caduti del convoglio H e un saluto ai commentatori,
    due miei ex paesani sono stati dichiarati dispersi in seguito all’affondamento della motonave Aventino avvenuto il 2 dicembre 1942 per siluramento da parte della marina militare inglese:
    Colombo Antonio nato a Giussano MB il 17 settembre 1917,5°Reggimento Artiglieria Motorizzato Superga.
    Colombo Giovanni nato a Giussano MB l’11 gennaio 1917,5°Reggimento Artiglieria di Divisione Fanteria Superga.
    Si dovrebbe creare un elenco specifico, per ogni nave facente parte del convoglio, degli imbarcati per ricordare questi giovani sfortunati.

  12. Francesca Brandi dice:

    Anche mio nonno Riccardo Brandi, nato a Trieste l’1.11.1911, era imbarcato sull’Aventino come capo telegrafista. Morì nel suo affondamento il 2.12.1942 ed il suo corpo, privo di un braccio, fu ritrovato sulle sponde dell’isola di Levanzo nei giorni successivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *