Attualità,  Che cos'è la Marina Militare?,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà,  Storia

16.7.1958, Antonio Maccario maresciallo deceduto in servizio sul Montecuccoli

di Maurizio De Fazio

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com


…Pensa non è stato neanche decorato con una medaglia d’oro nonostante egli stesso fosse anche reduce del secondo conflitto mondiale.

…

Lutto-www.lavocecelmarinaio.com_ copiaRiceviamo e con infinito orgoglio e piacere pubblichiamo questa testimonianza.

Molte volte mi sono chiesto se il motto “una volta marinai, marinai per sempre” non debba essere esteso anche per i parenti. Grazie Maurizio per averci reso partecipe di questa gioia che inseriamo nella “banca della memoria”. Zio Antonio non riceverà da noi una medaglia ma sono certo che chi leggerà attentamente la accorata mail non dimenticherà di rimarcare con un commento chi è salpato prima di noi per l’ultima missione…chissà se un giorno dal Ministero Difesa Marina esaudiranno, ora per allora, la tua richiesta.
(Pancrazio “Ezio” Vinciguerra).

Ciao Ezio,
sarei contento se questa foto sarebbe inserita come cronistoria della Marina dove dal tuo sito vedo innumerevoli storie.
Questa foto, che ti allego, ritrae mio zio deceduto sull’incrociatore Montecuccoli il 16 luglio 1958 mentre stava in campagna di istruzione per raggiungere Boston e Filadelfia.
 Perse la vita per cercare di salvare un marinaio nelle stive della nave a causa del CO2.
 Pensa non è stato neanche decorato con una medaglia d’oro nonostante egli stesso fosse anche reduce del secondo conflitto mondiale.

Grazie Maurizio.

Antonio Maccario deceduto sull'incrociatore Montecuccoli il 16.7.1958 (f.p.g.c. Maurizio Defazio a www.lavocedelmarinaio.com)

26 commenti

  • Giuseppe Iannello

    Mio fratello in quel periodo era imbarcato sul montecuccoli,è ricordo che ne parlo a casa di questo avvenimento

  • Marcello Garbetta

    Anche mio padre era imbarcato sul Montecuccoli, purtroppo tutto il suo bagaglio di conoscenze , eventi e ricordi, giacciono con lui in un’altra dimensione. Classe 1916.

  • Roberto Orsini

    Calpestavo con riverenza la coperta di legno della nave Raimondo Montecucculi, ormeggiata in disarmo a Taranto nel 1968, immaginandomi quanti valorosi marinai combattendo su quella nave avevano donato la vita per l’amor di Patria. Mi associo agli altri per rendere onore al maresciallo A. Maccario che incurante, pur sapendo il rischio che correva non ha esitato a dare aiuto ad un suo simile in difficoltà. A lui, marinaio generoso, deceduto da eroe, onore e gloria per sempre!

  • Franco Abbatemaggio

    ricordo personalmente l’avvenimento: era il responsabile della cala vini e uno o due dei suoi sottordini erano andati in cala per non so quale motivo, ma non risalivano dal boccaporto e lui andò a soccorrerli e ci lasciòm la pelle

  • Giovani Bettocchi

    Che Dio l’abbia in Gloria, fulgido esempio di eroismo spinto sino all’estremo sacrificio!!!

  • Roberto Baldo

    Ricordo il montecuccoli , all’ormeggio inclinato leggermente nel fianco destro , in attesa di andare in disarmo . Taranto 1968 . Era bellissimo , dalla centrale mi facevo un km. per prendere un caffè allo spaccio , così me lo guardavo . È un gradevole ricordo . Ciao

  • MAURIZIO

    Grazie della tua testimonianza franco!! non ci fu proprio la possibilità di salvarli….anche tu eri imbarcati sul Montecuccoli in quella occasione!! lo conoscevi personalmente?

  • Giuseppe

    Mia madre racconta sempre l’episodio, in quanto, il marinaio da salvare era suo fratello, Ossia il mio defunto zio Draicchio Cosimo Giuseppe, nato a Lesina il 05.04.1936 è deceduto sulla Nave Montecuccoli il 16 Luglio 1958. Onore al Maresciallo che con sprezzo del pericolo tento di salvare i suoi marinai.

  • Maurzio

    Grazie era anche lui volontario della marina . fulgido esempio di virtù al servizio e alla payria .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *