Salvatore Tramparulo e la regia nave Lussin (22.8.1941)

di Antonio Cimmino

BANCA DELLA MEMORIA

22.8.1941 Salvatore Tramparulo - www.lavocedelmarinaio.com

BANCA DELLA MEMORIA

Il marinaio cannoniere Salvatore Tramparulo nasce a Vico Equense il 15.8.1915 e fu dichiarato disperso in mare il 22.8.1941 a seguito dell’affondamento della regia nave Lussin.
La nave da trasporto Lussin, ex nave austriaca Marsale varata nel 1912 e assegnata alla Regia Marina nel 1923 fu affondata dal sommergibile inglese Upholder alle ore 16.35 a 4 miglia a nord di Capo San Vito. Aveva un dislocamento di 4.427 tonnellate, 125 uomini d’equipaggio ed era armata da 1 cannone da 120/45 e da 1 da 76/40.

regia nave Lussin - www.lavocedeòmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

2 risposte a Salvatore Tramparulo e la regia nave Lussin (22.8.1941)

  1. Simone Mei dice:

    mio nonno Giovanni Mei era imbarcato su quella nave. ho diverse fotografie, sia della nave che dell’equipaggio. se possono interessare posso mandrvele.

  2. EMMA VISCOMI dice:

    Conosco a memoria le vicende di mio padre, nato nel 1918, passato dal servizio di leva alla carneficina della seconda guerra mondiale, con indosso la divisa bianca e blu dei soldati di mare. Sette anni di pieni, vissuti tra Italia,Mar Rosso, Cina, Giappone ecc. tra mille pericoli e con la ferma volontà di tornare a casa sano e salvo.Così è stato. Per fortuna. Bellissima e drammatica la storia della sua vita, a bordo dell’Incrociatore Bartolomeo Colleoni,della Torpediniera La Masa,dell’Incrociatore Giovanni dalle Bande Nere; del bombardamento della Vittorio Veneto nel porto di Napoli, illuminato a giorno dai bengala;del galateo, scritto in un libretto e imposto dal regime fascista ai marinai italiani in giro per il mondo. Mi sarei dovuta chiamare Marina,secondo lui. Mia madre opto per il nome che porto.Della Regia Flotta Militare mi resta una nave carica di ricordi contenuti, in parte,in testi che intendo divulgare. Grazie per l’attenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *