Cheikh Sarr e gli emigranti di poppa (14 agosto 2004)

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

– BANCA DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE MAI –

Ezio Pancrazio  Vinciguerra (www.lavocedelmarinaio.com)Muratore, 27enne, senegalese, di fede islamica, in Italia da cinque anni con un lavoro regolare di muratore, il 14 agosto 2004 si era tuffato nelle acque agitate del mar Tirreno, di fronte a Castagneto Carducci, nel tentativo di salvare un uomo bianco che stava affogando. Ceikh riesce a salvare l’uomo bianco, a quanto sembra un italiano, fuggitivo dopo l’avvenuto salvamento, ma lui non ce la fa: viene inghiottito dai flutti e il suo corpo è restituito dalle onde due giorni dopo.
Quella vigilia di ferragosto la giornata era calda ma allo stesso tempo tirava un alito di vento in spiaggia e il mare era agitato ma non tanto minaccioso da dissuadere la gente affamata di refrigerio dall’affrontarlo spensieratamente.
Ceikh faceva il solito giro della spiaggia distribuiva sorrisi e vendeva collanine. Arrotondava lo stipendio di muratore e come molti della sua età sognava un avvenire migliore. Lui non si trastullava sotto l’ombrellone e raramente si concedeva una pausa, giusto per asciugarsi il sudore che gli colava dalla fronte.
Ma quel giorno tragico 14 agosto 2004 quella pausa gli fu fatale. Tutto accadde in un attimo, Cheikh non ebbe il tempo di pensare, spinto da quella solidarietà umana senza i pregiudizi che noi abbiamo perso da tempo, si tuffò in mare per salvare qualcuno che appariva in grave difficoltà. Non aveva valutato il rischio, riuscì a malapena a salvare quell’uomo bianco ma si trovò senza le forze per salvare se stesso.
Il mare lo restituì senza vita qualche giorno dopo agli amici e alla famiglia. Un nero aveva salvato un bianco. Evidentemente questo “imbarazzo” aveva indotto chi gli doveva la vita a dileguarsi senza una parola di ringraziamento, di cordoglio, di partecipato dolore e ancor’oggi  non si conosce il nome di questo vile individuo.
La storia dell’uomo bianco fuggitivo, di per sé, crea qualche imbarazzo. Non un ringraziamento, non un cenno. Non se ne si conosce neppure l’identità.
La tragedia di Cheikh Sarr esclude il lieto fine, ma ha un significato altrettanto denso.
Ricordarlo oggi può forse servire a riflettere sulle distorsioni dei modelli di riferimento propinati dalla televisione ad un pubblico forse dimentico dei suoi veri eroi, che pure nel corso della storia sono stati tanti.

Cheikh Sarr - emigrante di poppa - www.lavocedelmarinaio.com
Non ci siamo dimenticati delle parole di commiato espresse dagli amici: “Quando guarderemo il mare e vedremo la sua bellezza, sentiremo la tua voce. Ciao Cheikh” così come non ci siamo dimenticati le parole di un imbarazzatissimo Presidente, toscano, che consegnò ai parenti quella meritata medaglia d’oro al valor civile con la seguente motivazione:
Mentre si trovava nella spiaggia della località Marina di Castagneto Carducci, udite le invocazioni di aiuto di un bagnante in grave difficoltà, si gettava in mare, unitamente ad altre persone, per cercare di soccorrerlo. Dopo aver compiuto il salvataggio veniva sopraffatto dalla violenza del mare che lo trascinava lontano senza possibilità di scampo. Fulgido esempio di eccezionale coraggio, nobile spirito di altruismo e preclara virtù civica”.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Marinai, Per Grazia Ricevuta, Racconti, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

15 risposte a Cheikh Sarr e gli emigranti di poppa (14 agosto 2004)

  1. Ezio VINCIGUERRA dice:

    Riposa in pace fra i flutti dell’Altissimo.

  2. Sgobba Pietro dice:

    Buon Giorno Ezio, sono un componente del gruppo A.N.M.I. di vicenza.Ex marinaio e marittimo ,onorato di far parte di questo gruppo

  3. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buongiono Sgobba Pietro benvenuto. Sono orgoglioso del vostro gruppo, del presidente Girolamo Trombetta e colgo l’occazione per auguravi si un sereno ferragosto che una riuscita per la celebrazione del vostro 70° anno di costituzione del gruppo.
    Un abbraccio grande come il mare.

  4. Silvana De Angelis dice:

    I Navajo insegnano ai loro bambini che ogni mattina il sole che sorge e’ un sole nuovo. Nasce ogni giorno, vive solo per quel giorno, muore alla sera e non ritornera’ piu’. Dicono ai loro piccoli: Il sole ha solo questo giorno, un giorno. Vivi bene la tua vita in modo che il sole non abbia sprecato il suo tempo prezioso.

  5. Maria Marea dice:

    Quando il mare tace è perchè sta ascoltando i tuoi pensieri. Se hai un cuore abbastanza profondo da sentirne la voce, saprai che sta cercando di raccogliere le tue malinconie per portarle via. Lontano da te.

  6. Andy Holyred dice:

    Mi inginocchio e prego per questo meraviglioso e generoso ragazzo. Non dimentichiamolo. Grande Ezio.

  7. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Andy Holyred è passato tanto tempo ma è ancora vivo il suo ricordo nella nostra banca della memoria. Un abbraccio a te grande come l’immensità del mare e del cielo

  8. Paolo Baroni dice:

    R.I.P.

  9. Marinaio Leccese dice:

    Carica di una rude realtà che si immerge nel mondo in una luce a ritroso per continuare a brillare.Grazie Ezio.

  10. Alberto Cernuta dice:

    “non esiste amore piu’grande di chi dona la propria vita per gli altri” diceva gesu’,ecco l”esempio, dell’eroe che non esita a morire per salvare altre vite.ecco l’esempio dell’eguaglianza dell’uomo di fronte al pericolo, indipendentemente da razza e colore,siamo tutti uguali,ma introdurre certi concetti con gente,pronta a’ levare l’indice acusatore :che notizia il nero che gioca alla macchlnetta,slot, sottraendo i 3o euro dalla nostra bocca, dal nostro piatto,alla fine sono piu’ da compatire personaggi plagiati da “giornaletti” compiacenti, che li manipolano e li plagiano senza che nemmeno se ne accorgano.inoltre certa gente, e’ anche di memoria corta, perche’ le carenze assistenziali, in italia hanno origini ben piu’ lontane,dalla comparsa degli immigrati.la parte piu’ sconcertante,e’ la contraddizione di certi personaggi “guai a chi tocca il crocefisso” a questo punto lo dico io :si vergognino di nominare gesu’ che per eccellenza era fraternita’e e carita’ e se vanno in chiesa ne facciano a meno,la loro “FEDE” non vale nulla,anzi consiglio di rileggersi il vangelo!:

  11. Francesco Ortega dice:

    ONORI alla Memoria !

  12. Maria Marea dice:

    Vecchio mare insaziato di pianto….

  13. Tony Ex Marinaio dice:

    R.I.P. Eroe

  14. Andy Holyred dice:

    Alberto, trovo la tua veemenza un pochino esagerata

  15. Salvatore Lepre dice:

    R.I.P. in memore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *