Il vento e il platano secolare

di Roberta – Ammiraglia88
www.ammiraglia88.it
www.mondovespucci.com

Ciao Ezio,
a volte i marinai salutandosi dicono: buon vento! Ma è anche vero che il vento … è una forza della natura!

Roberta-Ammiraglia88-per-www.lavocedelmarinaio.com-CopiaHo fatto alcune foto al vecchio platano (aveva tra i 150 e 160 anni), che è caduto venerdì, sradicato dal forte vento che ha imperversato nei giorni scorsi. Si trovava presso il ponte, che collega Villa Lagarina con Rovereto, sul fiume Adige. La sua storia, quella “classica” che si legge nei libri, ci racconta che lì ci si fermava per pagare il dazio; che era nato in territorio allora austriaco; che il vecchio ponte che lui affiancava, venne bruciato per ostacolare l’avanzata di Garibaldi; che dominava su un porto fluviale; che aveva osservato il lavoro quotidiano di un traghettatore impegnato a collegare le due rive del fiume; che, che, che …
Io lo ricordo invece semplicemente perché sono cresciuta con lui. Era un bel colpo d’occhio, era impossibile non notarlo! Mi ha sempre colpito per la sua bellezza, la sua forma, la sua forza e la sua imponenza. Gli ho fatto diverse foto nelle varie stagioni, quando dimostrava costantemente la sua bellezza, la sua forte presenza …vedetta solitaria, sempre attenta e presente, di quel ponte che segna anche il confine tra due Comuni. Era proprio un albero particolare!
Ultimamente era ammalato, gli erano stati amputati due grossi rami perché arrecavano pericolo. L’altro giorno il vento lo ha accarezzato come spesso faceva, nel suo scorrere lungo la vallata, questa volta però … un po’ troppo pesantemente, e lui non ha resistito. Dopo tanti anni di costanza, questa volta ha ceduto!
La notizia ce l’ha data, tristemente (lo ammetto!), mio zio che abita vicino. Una specie di sconforto ci ha assaliti subito tutti! Hai presente quando senti subito quella sensazione di qualcosa che ti viene a mancare, di qualcosa che “fa quasi parte di te“, che sei abituato a vedere tutti i giorni?
Quando sono andata sul posto, con l’intento di fare anche qualche foto ricordo, e l’ho visto così … ti posso assicurare che ho proprio sentito “un tuffo” al cuore.

Il vento e il platano secolare f.p.g.c. Roberta Ammiraglia88 a www.lavocedelmarinaio.com

Percorrendo la passerella pedonale del ponte ho scorto un pezzetto della sua corteccia, una parte di lui; la sua poderosa “scorza dura” era stata in parte frantumata dall’urto subìto sulla ringhiera durante la caduta. L’istinto è stato quello di piegarmi e raccoglierne un pezzetto … mentre l’avevo in mano mi venivano quasi le lacrime agli occhi; era una parte di quella imponente vedetta ferita e crollata per sempre!
Che impressione vederlo così inerme, sofferente, sradicato e adagiato sulla sponda del suo fiume, con i rami e i germogli immersi nell’acqua, quell’acqua che nei momenti di piena lambiva il suo tronco; quanta ne ha visto scorrere incessantemente davanti a sé nei suoi 150 anni e più.
C’era la processione! Molte persone venivano a “salutarlo” (o a curiosare!), sembrava impossibile che quell’opera della natura non ci fosse più. Era uno storico albero che faceva parte del panorama, ma anche di me e della vita di tanti di noi! Ora, guardando verso il posto che occupava, c’è … il vuoto!
Per fortuna c’è un’altra bella pianta imponente lì vicino, nel cortile dell’albergo, ma di certo non ha la storia di questo secolare platano e, causa la sua posizione, non è noto come questo.
12 marzo 2015.

Rovereto 12.3.2015 il platano caduto f.p.g.c. Roberta -Ammiraglia88 a www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Racconti, Recensioni. Permalink.

3 risposte a Il vento e il platano secolare

  1. Enzo Turco dice:

    Caro Ezio lo sappiamo benissimo che il vento è una forza della natura! Perchè i MARINAI cosa sono?

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 Ciao Enzo Turco carissimo sono parole bellissime le tue. Penso che Roberta Ammiraglia e gli altri Marinai (reali e virtuali) dobbiamo essere contagiati dal vento del tuo ottimismo. Grazie per l’affetto e per la compagnia.

  3. Salvatore Lepre dice:

    ecco perchè si dice buon vento. non deve essere impetuoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *