Salvatore Esposito e la Beffa di Buccari (10-11.2.1918)

di Antonio Cimmino

Piazzetta Raffaele Esposito - www.lavocedelmarinaio.comRaffaele Esposito, marinaio scelto, cittadino di Agerola, insignito della Medaglia di Bronzo al Valor Militare per aver partecipato con Gabriele D’Annunzio alla cosiddetta “Beffa di Buccari” sul M.A.S. 95 con la seguente motivazione:

Facente parte dell’equipaggio di unità sottili che eseguirono un audace attacco al naviglio nemico nella lontana e munita Rada di Buccari si distingueva  per sereno ardimento“.
(Buccari 10 – 11 febbraio 1918)

Raffaele Esposito e i protagonisti della Beffa di Buccari - www.lavocedelmarinaio.com

 

L A    B E F F A     D I   B U C C A R I 

10-11.2.1918 la beffa di Buccari - Copia10-11.2.1918 la beffa di Buccari - Copia (2)

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

10 risposte a Salvatore Esposito e la Beffa di Buccari (10-11.2.1918)

  1. Franco Iaccarino dice:

    Quest sistema è il migliore per comporre il mosaico anche se difficile ed a distanza di tanti anni: un MAS 94 o 95 o 96 trinato dalle torpediniere
    aveva un *Marinaio* dell’equipaggio *che non aveva paura*

  2. MICHELE DI LIBERTO dice:

    ONORE

  3. Marinaio Leccese dice:

    Onori a Loro.

  4. Marinaio di Lago dice:

    Onori

  5. Fausto Ghisletti dice:

    Da ex del ” Rizzo ” sono orgoglioso !

  6. Roberto Tento dice:

    Onoreeee

  7. Pietro Rossi dice:

    questi Uomini si sentivano solo italiani e nel cuore l’onore della Patria….senza sindacati e straordinario per qualche ora in più………buon pomeriggio Ezio, marinaio di una volta, marinaio per sempre!!!!!!!1

  8. Francesco Carriglio dice:

    Uomini valorosi il cui obiettivo primario era quello di difendere la Patria a costo della vita. Onore a loro!

  9. Carlo Latorre dice:

    Queste immagini sono la grande storia della nostra MARINA

  10. Fernando Antonio Toma dice:

    Grazie Antonio tanti sacrifici marinai di altri tempi !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *