Emigrante di poppa,  Racconti,  Recensioni

Ricordi di emigrante

 di Mino Fauzia

Mino Fauzia per www.lavocedelmarinaio.comAscolto alcune delle tua melodie, e viaggio dentro ai miei pensieri e ricompaiano i ricordi di giovinezza. In quella terra, ora lontana, ma vicino al mio cuore: ah, quanto giocare in quella strada senza asfalto, le urla dei compagni ad ogni gol, e quando bigiavo, per andare al mare, e quella conca con la brace per scaldarmi, e la mia casa, povera, ma ricca d’amore, tra quei ricordi, madre, ci sei tu,
che ti ricordo con tanto amore.
Quante emozioni ho da ricordare, memorie vissute giorno per giorno, ora per ora. Io, qui da lontano, quelle memorie li conservo nel cuore, come se fossero un grande amore, che mai, dimenticherò, li porterò sino alla fine, insieme a una lacrima di malinconia. Darei tanto, per rivivere alcuni minuti di quella adolescenza di ingenuità fiorente.
Ricordi di emigrante di poppa - www.lavocedelmarinaio.com (f.p.g.c. Salvatore Chiaramida)Un amaro destino mi spinse a separarmi, a quei poveri luoghi, lì, lasciai il mio cuore.
Son tanti anni che sono via dalla mia Sicilia, ho negli occhi quel cielo azzurro, e il blu intenso di quel mare che la incorona e quel manto di stelle sempre raggianti.
Dentro di me c’è il ricordo di te, che splende più del sole e più ti penso, e più mi lego a te. Vola, amata poesia, dissetati dei miei ricordi, che sono puri come l’acqua della sorgente. Vola amata poesia tra le braccia della mia terra, fatti accarezzare e godi del suo amore, di quell’amore che oggi mi manca.

12 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *