Pericle Ferretti

di Antonio Cimmino

             – BANCA DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE MAI

Antonio Cimmino per www.lavocedelmarinaio.comNasce a Bologna il 10 aprile 1888. Ingegnere navale ed ufficiale del Genio, fu direttore dell’arsenale di Napoli e al regio stabilimento delle costruzioni navali di Castellammare di Stabia.
Dal 1912 al 1916 fu sotto direttore dello stabilimento e si applicò allo studio dei problemi relativi al varo delle navi ed a quello delle motrici a vapore. Successivamente progettò un sistema che consentiva una migliore alimentazione con aria esterna dei locali motori dei sommergibili (lo Schnorchel italiano).
Nel 1935 progetto il “sommergibile tascabile” (MSI veloce) i cui esemplari finirono, nel 1943, preda bellica degli U.S.A..
Notevole anche il suo contributo alla costruzione della nuova nave da guerra “Duilio”.
A lui si deve la nascita dell’Istituto nazionale dei motori del Consiglio nazionale delle ricerche a Napoli. Nella città partenopea fu titolare della cattedra di meccanica applicata alle macchine nella facoltà di ingegneria dell’Università Federico II.
Salpò da Napoli per l’ultima missione, in quella città che amò tanto, il 12.2.1960.

12.2.1960 Pericle Ferretti - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in C'era una volta un arsenale che costruiva navi, Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Storia. Permalink.

5 risposte a Pericle Ferretti

  1. Egidio Alberti dice:

    Caro Ezio ,sono stato ospite a pranzo nel 2012 ,durante una sosta a Taranto , e con l’ occasione ho regalato al Comandante tutta la documentazione (foto e relazione ) della prima crociera addestrativa del vecchio Duilio trasformato in nave scuola. Durante l’anno del mio comando (6.10.79 – 4.11.80) è stata completata la trasformazione e fatta la prima crociera addestrati va con gli Allievi del corso SJO KAR . E’ stata un’esperienza impegnativa e gratificante (fino al giorno della partenza erano presenti a bordo un centinaia di operai delle varie ditte ed arsenale per la realizzazione della zona allievi – modifiche alle caldaie -ammodernamento Centrale Operativa. Durante la crociera sono successi gravi inconvenienti come lo scoppio di una caldaia a Livorno (11.7.80) tre ore prima della partenza ed una grave avaria ad una pompa del timone uscendo dal porto di Trieste (10.9.80) . Inconvenienti riparati brillantemente da Marinare La Spezia e cantieri navali di Ancona e che hanno comportato l’annullamento della sosta a Marin ed il ritardo di un giorno all’arrivo a Spalato. Su mia direttiva gli allievi sono stati integrati al 90%nei servizi di bordo ed hanno brillantemente fatto squadra con l’equipaggio contribuendo in maniera determinante alla riuscita della crociera.

  2. Enzo Turco dice:

    Mi permetto di integrare quanto affermato dall’Ammiraglio Alberti. Ero il Suo Capo Servizio Operazioni sul Duilio e seguendo la Sua direttiva alla lettera durante la crociera inserimmo gli allievi della seconda classe dell’Accademia nei nostri servizi di guardia in navigazione Al termine della crociera i futuri Ufficiali erano diventati così bravi a svolgere i loro compiti ( perfino sulle consolle del sistema SADOC) che il Comandante Alberti volle OSARE L’INOSABILE ( motto del Todaro) scommettendo su di loro: li volle al loro posto di guardia anche durante l’ impegnativa e lunga esercitazione NATO con la quale si concludeva la crociera. Beh! vinse brillantemente la scommessa. Molti di quei “ragazzi” li ho incrociati negli anni successivi e tutti indistaintamente ricordavano quell’esperienza con grande orgoglio. Penso che se all’epoca la Marina Militare avesse avuto come la FIGC il premio del “Seminatore d’oro” sicuramente quell’anno se lo sarebbe aggiudicato sicuramente il C.V. Egidio Alberti! Un caro saluto a tutti!

  3. Egidio Alberti dice:

    Caro Ezio, a completamento del commento precedente aggiungo che il Capo Corso degli allievi, attuale Ammiraglio Massagli, me ne ha dato atto al momento dello sbarco regalandomi la foto dello stendardo del corso con la seguente dedica : “Abbiamo imparato che dove non arrivano gli strumenti e le macchine arrivano la forza e la determinazione di un uomo. ” SJO KAR. Commosso lo ringrazio ancora oggi.

  4. Tiberio Riva dice:

    In Memoriam. I grandi personaggi: Pericle Ferretti.
    Mechanics naval engineer, Italian Regia Marina tech officer, inventor of the Schnorkel, the midget and many other application.

  5. Gaetano Magenta dice:

    A Bergamo ce qualcosa in più di documenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *