Enzo Ghiandi, marinaio mutilato

di Antonio Cimmino

– BANCA DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE MAI –

Enzo Ghiandi, 2° Capo cannoniere armiere, matr. 70111, nacque a Piombino il 19 febbraio 1919. La sua famiglia si trasferì a Castellammare di Stabia quando aveva cinque anni.
Partì per il militare e si trovò coinvolto nello scoppio della guerra. Dopo l’imbarco sulla regia corazzata Littorio, poi Italia, fu destinato sul regio incrociatore Scipione l’Africano.

Enzo Ghiandi e la regia nave Littorio   Italia - www.lavocedelmarinaio.com

Dopo l’Armistizio fu inquadrato come “Guastatore nel Reggimento San Marco – battaglione Grado” al comando del Corpo Italiano di Liberazione cobelligerante con la V Armata Alleata fino all’8 maggio 1945.
Fu mutilato ad un gamba causa di una mina.
Salpò da Castellammare di Stabia, per l’ultima missione, il 20/03/1991.

Enzo Ghiandi - www.lavocedelmarinaio.com

Al termine del conflitto gli furono riconosciuti distintivi e nastrini relativi alle campagne di guerra 1940-41-42-43-44-45 e il Certificate of Merit del Supreme Allied Commander Mediterranean Theatre.
Si cercano ulteriori notizie/fotografie di commilitoni e conoscenti da inserire sulla “Banca della Memoria” e far recapitare alla famiglia.
Per non dimenticare mai.

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

4 risposte a Enzo Ghiandi, marinaio mutilato

  1. Antonio Cimmino dice:

    Caro Ezio, Santina la figlia di Enzo Ghiandi mi ha inviato quanto segue: Enzo nacque a Piombino il 19/02/1919,e all’età di 5 anni la sua famiglia si trasferì a Cmare di Stabia e lì visse fino al 20/03/1991. Parti per il militare e si trovò coinvolto nello scoppio della guerra, fino a che dopo 7 anni perse la gamba su una mina.

  2. Claudio53 dice:

    Confermo, Enzo Ghiandi è salpato per l’ultima navigazione nel 1991.
    San Marco – Per Mare per Terram

  3. Antonio Petrelli dice:

    un abbraccio ai suoi discendenti…

  4. Casimiro Frangella dice:

    Presente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *