9.2.1943, affondamento del regio sommergibile Malachite

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

– BANCA DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE MAI –

In ricordo del regio sommergibile Malachite, colpito “al cuore” alle ore 11.00 del 9 febbraio 1943, dal sommergibile olandese Dolfijn.
Di ritorno da una missione sulle coste algerine, l’ordine era quello di trasportare undici incursori del Battaglione San Marco con lo scopo di conquistare il ponte ferroviario di El Kejur.
Solo 8 membri dell’equipaggio si salvarono dal siluramento del Malachite che giace, da allora, a 124 metri di profondità.
Per non dimenticare, mai.

Regio sommergibile Malachite - www.lavocedelmarinai.com

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

11 risposte a 9.2.1943, affondamento del regio sommergibile Malachite

  1. Francesco Condello dice:

    ONORE AI RAGAZZI DEL MALACHITE.

  2. Enrico Salvatori dice:

    RIP

  3. Girolamo Trombetta dice:

    R.I.P.

  4. Filippo Clementi dice:

    ancora grazie Enzo!

  5. Francesco Carriglio dice:

    Da non dimenticare questi valorosi marinai.

  6. Marinaio di Lago dice:

    …per non dimenticare mai.

  7. Giuseppe Rizza dice:

    anche mio padre ha servito sul Malachite

  8. alessandro dice:

    buonasera sto cercando l’elenco nominativo dell’equipaggio affondato.
    grazie

  9. Ernesto Di Serio dice:

    Onore ai caduti del Malachite.Sono molto legato a questo battello perche mio Padre, Olinto di Serio, lo ha comandato dopo essere stato al comando dell’Aschianghi,quindi a cavallo tra il 1941 e il 1942. Alcuni anni fa e’ stato localizzato da un bravissimo sub sardo che ha anche realizzato un bel filmato del battello che,a parte lo squarcio causato dal siluro fatale,giace quasi intatto a circa 100/110 mt. di profondita’. Mio Padre era gia’ partito per l’ultima missione e quindi non ha potuto visionare il filmato e non so come avrebbe reagito se avesse potuto rivedere il suo Malachite ma credo che ne avrebbe sofferto. Infatti, inevitabilmente sarebbe affiorato il ricordo di qualcuno di quei ragazzi che sono rimasti a bordo per sempre. Con l’occasione, vorrei sapere se qualcuno possiede fotografie del Malachite o anche dell’Ascianghi (anche di componenti degli equipaggi) riferite al periodo 1941/1942.Sarebbe per me molto importante perche’le fotografie che aveva mio Padre andarono perdute nell’incendio del Vivaldi colpito nella battaglia di Pantelleria.Ringrazio il Sig.Vinciguerra per aver dato memoria ai Ragazzi del Malachite

  10. Francesco Raciti dice:

    Non si può dimenticare

  11. Nicola Dini dice:

    Probabilmente ho del materiale lo ha lasciato mio nonno uno dei superstiti del malachite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *