20.2.1929, varo del regio cacciatorpediniere Strale

Regio cacciatorpediniere Strale
di Antonio Cimmino

Cacciatorpediniere classe Dardo. Varato a Sestri il 20 febbraio 1929. Incagliatosi mentre scortava un convoglio presso Ras ed Amar il 21 giugno 1942.
Silurato ed affondato il 6 agosto 1942 dal sommergibile inglese Turbolent.

regia caccatorpediniere  Strale - www.lavocedelmarinaio.com

Dati tecnici
Dislocamento: 2.200 tonn. a pieno carico;
Dimensioni:95,9 x 9,35 x 4,3 metri;
Apparato motore: 3 caldaie e 2 gruppi di turbine collegate a due assi;
Velocità: 30 nodi circa;
Armamento:
– 4 cannoni da 120/50 mm;
-2 cannoni da 120/15 (illuminanti);
– 2 mitragliere da 40/39 mm;
– 4 mitragliere da 13,2 mm;
– 6 tubi lanciasiluri da 533 mm;
– 2 tramogge per lancio bombe di profondità;
Equipaggio: 6 ufficiali e 159 tra sottufficiali, graduati e comuni;
Motto: Ché il destinato segno tocchi.

equipaggio regia nave Strale 1932 - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in C'era una volta un arsenale che costruiva navi, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Storia. Permalink.

5 risposte a 20.2.1929, varo del regio cacciatorpediniere Strale

  1. Gianluca Vallone dice:

    X nn dimenticare

  2. Francesco Raciti dice:

    Non si può dimenticare

  3. Clara Funiciello dice:

    la storia della nostra Marina Militare!

  4. Enzo Ciulla dice:

    condvido

  5. corrado de bari dice:

    mio padre è stato sull icrociatore Pola durante la guerra del 1936 , poi si fece la guerra d’africa come autista militarizzato per oltre tre anni , ma oltre i fatti bellici terrestri che lui ben conosceva, da vecchio marinaio imbarcato mi raccontava la sua pena e dei pianti alle notizie dei tanti affondamenti delle ns navi e della perdita di due cugini e tanti amici molfettesi imbarcati, e avendo fatto servizio allAmmiragliato per un periodo come autista, non ci credeva alle dicerie che qualcuno tradiva dando notizie delle rotte, difatti dopo la guerra si scoprì che fu il codice tedesco a essere stata la fonte dei ns disastri perchè fu decrittato già il 1940, tanto ad onore dei tanti marinai caduti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *