Attualità,  Che cos'è la Marina Militare?,  Curiosità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Pittori di mare,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà,  Storia

Lo stato di degrado del monumento di Luigi Rizzo a Milazzo

di Giuseppe Messina

Riceviamo e con profondo sconcerto pubblichiamo l’ennesima segnalazione del Maestro Giuseppe Messina, autore del monumento a Luigi Rizzo nel Comune di Milazzo (26 gennaio alle ore 16.38). 

Caro Ezio, sono certo che ricorderai la nostra corrispondenza di 5 anni fa riguardo al monumento sul porto di Milazzo all’eroe Luigi Rizzo (*).
Nonostante la lettera del Presidente dell’Associazione Marinai d’Italia, ammiraglio Pagnottella, che riportava: “Questa Associazione, custode gelosa delle memorie e delle tradizioni marinaresche nazionali, nel ritenere doveroso segnalare alla S. V. quanto sopra, intende porre a disposizione tutte le sue capacità ed energie al fine di ripristinare il dovuto decoro del monumento“.
cito tra virgolette, né il sindaco di Milazzo di allora, né l’attuale si sono fatti sentire.
Lascio a te il commento e ti abbraccio fraternamente.

Giuseppe Messina a Milazzo davanti al suo monumento dedicato  a Lugi Rizzo - www.lavocedelmarinaio.com

Carissimo Maestro Giuseppe Messina grazie per la segnalazione.
Speriamo di far pervenire, a chi di competenza, questa tua ennesima richiesta di cittadino, ancor prima di artista, per smuovere le anime, le coscienze e anche i portafogli di chi si assume la responsabilità di essere a capo di qualunque Ente/Organizzazione.

Le condizioni in cui versa il Monumento di Luigi Rizzo a Milazzo alla data del 2.9.2013 - www.lavocedelmarinaio.com
Dello stesso argomento sul sito:
https://www.lavocedelmarinaio.com/2013/09/il-monumento-di-luigi-rizzo-a-milazzo-e-in-degrado/
https://www.lavocedelmarinaio.com/2010/04/giuseppe-messina/

101 commenti

  • Carmine Di Natale

    Succede spesso che all’inaugurazione dei monumenti ci sia la corsa a stare in prima fila per poi subito sparire il giorno dopo. Questo monumento al mio concittadino Rizzo è posizionato nel porto di Milazzo a circa 500 mt dall’altro monumento a Rizzo in marina Garibaldi realizzato decine di anni fa e a cui mi sento più legato. Non conosco la storia di come si è arrivati a fare un secondo monumento visto anche che non si riesce a tenere in ordine il primo.

  • Elio Garrappa

    Mi ricordo forse con poca memoria l’anno che portammo la bandiera di combattimento alla Luigi Rizzo 1961-1962?

  • Giuseppe Messina

    Carissimo Ezio, grazie per il tuo impegno divulgativo, anche a nome di chi ama l’arte e la… “Marineria”.
    Ti allego qualche foto con degli amici argentini che hanno voluto visitare il monumento all’eroe Luigi Rizzo, si tratta di Laura Boleso e di Fabian Gonzales delegati dal Complesso Museale di Civilcoy in prov. di Buenosaires e dallo stesso sindaco di quella città, Speranza
    Nella foto, da sin.: la vice Presidente del “Movimento per la Divulgazione Culturale” Maria Torre, Laura Boleso e Fabian Gonzales.

  • Massimo Pastore

    Però mi dicono alcuni amici milazzesi che questo non è il Monumento principale a Rizzo. E’ un secondo monumento di cui non si capisce nemmeno perchè è stato realizzato (e a spese di chi) visto che ne esisteva ed esiste già uno principale e ufficiale ….

  • Giuseppe Messina

    Evidentemente tali amici milazzesi non si sono interessati di sapere ciò che avrebbero dovuto sapere poiché “milazzesi italiani”. Comunque, il fatto che loro non sappiano, non significa che un monumento (o qualsiasi altra opera d’arte) debba essere lasciato, da chi governa la città, in balia di criminali!
    Cordialità.

  • Fausto Ghisletti

    Ho parlato al telefono con il MN Francesco Isgrò dell’ANMI Luigi Rizzo di Messina. L’ho ringraziato a nostro nome dell’interessamento per le condizioni di incuria del monumento a Rizzo a Milazzo. Purtroppo mi ha fatto presente che il Comune non mostra alcun impegno nel restauro dell’opera. Io sono convinto che un po’ di buona volontà da parte dell’Anmi di Messina , con l’intervento di qualche iscritto, riuscirebbe a riparare i danni del tempo e del disinteresse..Far presente ad un giornale locale che dei Marinai si sostituiscono al Comune, potrebbe mettere il pepe al culo a dei politici interessati a tutt’altro! Isgrò comunicherà alla prossima riunione dell’Associazione, la gravità del problema e noi speriamo che qualcosa accada ! Tutti gli anni l’associazione con una cerimonia consegna alla Signora Guglielmina ( Figlia di Luigi rizzo ) Una tessera ad Honorem. Sicuramente lei vorrebbe che il monumento a suo padre fosse ancora ricordato con ammirazione e riguardo !

  • Filippo Bassanelli

    Speriamo che sia la volta buona e si dia una piccola rassettata al Monumento del nostro Eroe Luigi RIZZO,da Milazzo.

  • Francesco Rini

    Grazie Fausto per il tuo interessamento. A me farebbe veramente piacere del restauro ma credo che farebbe più piacere alla figlia la Signara Giglielmina alla quale rivolgo un caloroso e rispettosocio abbraccio. A risentirci, ciao.

  • Fausto Ghisletti

    MONUMENTO RIZZO a Milazzo . Il Comandante Lorenzo Aricò era il Presidente ANMI Messina quando egli stesso, ha consegnato la Bandiera di Combattimento al sommergibile TODARO . Sperando sia ancora attivo nell’associazione , ho lasciato un messaggio nella segreteria telefonica, a nome dei vecchi equipaggi del vecchio Luigi Rizzo, pregandolo di intervenire, per rendere il monumento più importante della Marina nella condizione che merita ! Alla consegna della Bandiera era presente anche l’ Amm. Pagnottella dell’ ANMI perciò chiederemo che anche lui faccia pressione perchè, se il Comune è insensibile a questo sconcio , almeno i Marinai si adoperino a ripulire con rispetto il monumento !

  • Giorgio Ximenes

    A proposito di monumenti, in Sardegna, più precisamente in una cava gallurese, c’è il monumento non finito che avrebbe dovuto onorare il Conte Ciano che, come è ben noto, fu un grande marinaio e rese grandi servigi all’Italia durante le prima guerra mondiale. In particolare si ricorda l’affondamento della corazzata austroungarica Santo Stefano per mezzo dei suoi MAS. Ecco, il monumento non fu mai completato e giace da decenni nella cava: perchè? Credo sia per i trascorsi politici del Nostro che ebbe il torto, nel primo dopoguerra, di aderire al fascismo e di essere nominato ministro. Volendo anche ammettere che non sia opportuno rendere onore a un ministro fascista, si trattterebbe di riconoscere il valore di un grande marinaio, che, al pari di Rizzo, Paolucci, ecc. hanno dimostrato ad amici e nemici di essere uomini di eccezionale valore militare. Perchè non ricordaare Ciano o, ad esempio, Italo Balbo non come Quadrumviro ma come grande aviatore? Che dire, allora, di uomini come Marconi o Gentile o d’Annunzio che, pur essendo fascisti, ricevono, giustamente, il dovuto riconoscimento?

  • Marco Ximenes

    Giusta considerazione caro Giorgio. Purtroppo questa nostra Italia ha valorizzato, in via prioritaria, i Comitati di Liberazione e tralasciato grandi uomini che hanno reso enormi servigi alla Patria, in special modo una grossa fetta di quelli che avevano favorito il Regime Fascita.
    Per completezza l’ incompiuta della Statua del Conte Ciano si trova nell’isola di S.Stefano.

  • Giorgio Ximenes

    Sì, Marco. L’opera, in granito, rappresenta Costanzo Ciano col tipico copricapo da marinaio (quello, per intenderci, impermeabile atto a proteggere dall’acqua) e la statua, se non erro, era destinata a un monumento da erigere nella sua città. Per tornare sull’argomento, credo che se nulla (o quasi) è dovuto a Galeazzo, beh, a Costanzo non possiamo negare i suoi meriti non foss’altro per l’ennesima dimostrazione, così tipica della condotta bellica degli Italiani che hanno saputo spesso riscattare l’onore delle armi proprio con azioni molto audaci, ai limiti della temerarietà, azioni condotte e portate a termine da pochi uomini, con pochi mezzi e in condizioni di netta inferiorità ma animati da un coraggio non comune. I casi più conosciuti, come sai, ci hanno procurato l’affondamento della Viribus Unitis nel porto nemico di Pola, l’affondamento della Santo Stefano in Adriatico e, durante il secondo conflitto mondiale, l’incursione con i “maiali” nel porto nemico di Alessandria d’Egitto col sommergibile Scirè. Se tutto ciò ha avuto un senso DEVE essere ricordato e i monumenti servono esattamente a questo scopo.

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao a tutti e grazie per i commenti. Carissimi Marco Ximenes e Giorgio Ximenes mi piacerebbe un vostro articolo sul mio blog di questa opera incompiuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *