La mia divisa

di Enzo Arena

Enzo Arena per www.lavocedelmarinaio.comCari colleghi/amici non più in servizio attivo, credo di interpretare la nostalgia e le sensazioni che ognuno di noi prova quando, a volte per caso a volte volutamente, si imbatte nell’armadio che conserva la nostra divisa o in un cassetto nel quale è conservato un distintivo, un berretto, due stellette, oppure la scarpe bianche che ci fanno venire in mente i modi più svariati e bizzarri per pulirle. Ricordate?

Ammiraglio Enzo Area per www.lavocedelmarinaio.com

La mia divisa (Enzo Arena)

La mia divisa
si sente trascurata,
dentro un armadio
adesso a riposare.
Io me la guardo
e lei comincia a dire.
Io me l’ascolto
e lei mi tocca il cuore.

Ricordi?….berretto,
stellette ed eri fiero.
Ero con te
in ogni posto andavi.
Ero blu, ero bianca,
ero “di bordo”.
Ero il tuo orgoglio
quando mi indossavi.

Cara divisa,
non cambio la mia pelle.
Non sei mai stata
un semplice vestito.
Cucita addosso
ed anche dentro il cuore.
Tu lo sai bene
che non ti ho mai tradito!

 

il Marinaio Enzo Area per gentile concessione a www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Poesie, Recensioni. Permalink.

18 risposte a La mia divisa

  1. Pietro dice:

    stessi sentimenti me mi vengono in mente ogni volta che apro l’armadio, delle mie cose: il pastrano “marzotto rosso” il panciotto con i suoi bottoni dorati ancora lucidi, i bottoncini con la catenella per la SEB…..più il la il cordono, il fazzoletto, un solino, la prima cinghia, ora con la mia epa ci vorrebbe una di lunghezza più che doppia, (indossati per più di sei anni)……quanta nostalgia, un saluto a tutti i marinai che ancora si sentono tali…..grazie COMANDANTE che fa tornare in mente la gioventù, il dovere e l’amore per la nostra arma per l’onore della Patria…… chi sa se c’è ancora la scritta a caratteri cubitali, sulla palazzina dei dormitori, PATRIA ED ONORE…

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    sublime messaggio d’amore per quel mare della vocazione che noi navigammo

  3. Masino Ortega dice:

    qui aveva i capelli un po’ fuori ordinanza hahah 🙂

  4. Salvatore Lepre dice:

    Concordo pienamente, nel bene e nel male ce la siamo cucita addosso.

  5. carmelo pagano dice:

    carissimo enzo concordo in pieno il tuo pensiero, io da quasi 9 anni sono in pensione mio malgrado, ma ancora oggi mi sento la divisa cucita addosso, e le mie idee e modi di fare sono ancora come quando ero in servizio.

  6. Carlo Luigi Crea dice:

    Buongiorno Enzo

  7. Roberto Tento dice:

    Buon vento… Enzo

  8. Lucio Campana dice:

    Ancora oggi a distanza di 53 anni mi riguardo i miei distintivi, i nastrini, il mio libretto personale e tantissime foto, provando un’immensa nostalgia.

  9. Enzo Ciulla dice:

    Ho letto la poesia di Enzo Arena, bella e commovente anche io conservo il vestiario i gradi,noi l’abbiamo cucita addosso la divisa ,ma soprattutto manteniamo il temperamento,l’orgoglio il coraggio e la fierezza del marinaio

  10. Silvana De Angelis dice:

    a forza non sta nel navigare,
    ma nel tornare a galla dopo il naufragio.

  11. Enzo Arena dice:

    ahahahah, hai ragione Masino. Tendevamo a portali lunghie ed a nasconderli sotto il bettetto quando c’era “franchi in riga” per uscire in franchigia.

  12. Masino Ortega dice:

    Hahahah grandi

  13. Vincenzo Tomasco dice:

    io ogni cambio di stagione porto l’uniforme in lavanderia,capo moglie dice che sono impazzito

  14. Donato Di Tolve dice:

    Il gessetto bianco sempre in tasca.

  15. Francesco Domenico Mellea dice:

    Non me lo dire.

  16. Alessandro Pilepich dice:

    Bianchetto

  17. Silvana De Angelis dice:

    Sforzati sempre di vedere ciò che splende dietro le nuvole più nere
    (Robert Baden-Powell) ……………..FELICE GIORNATA….gente di mare!

  18. Maria Marea dice:

    La Libertà è come il Mare, non può essere rinchiusa e,
    come il Mare, un Uomo Libero lo è per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *