Il re galantuomo e i due marinai plebei (Massimiliano Latorre e Salvatore Girone)

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Ai Marinai (con la M maiuscola) di buona volontà che ancora si ostinano a credere al giuramento di  Patria e Onore.

Ezio Pancrazio  Vinciguerra (www.lavocedelmarinaio.com)9 gennaio 1878 muore a Roma “Il Re Galantuomo” Vittorio Emanuele II, ultimo Re di Sardegna e primo Re d’Italia. Come tutti i reali di una volta aveva conoscenza dell’importanza delle economie geo-strategiche che si sviluppano dal mare e non ci risulta che scambiasse o barattasse i suoi sudditi nei traffici commerciali. Fu protagonista di quel Risorgimento italiano che oggi è lontanissimo anche per l’attuale nostra marineria (militare e civile)  fatta eccezione per la cantieristica di alto bordo, di lusso.
Nel giorno del suo funerale si racconta che gli Ufficiali (quelli con la U maiuscola) apposero  un velo nero ai fiocchi della sciarpa, un velo vermiglio ai fiocchi del cappello più un velo nero annodato al braccio sinistro.
Oggi invece marinai di una volta, per lo più in pensione, appongono un fiocco giallo per rispetto di Patria e Onore nei confronti di due marinai plebei, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre.
foto Raimondo Barrera per www.lavocedelmarinaio.comIn onore al primo Re d’Italia viene realizzato a Roma il “Vittoriano” dove, tanto tempo dopo, i marinai di una volta e di buona volontà oggi “manifestano per la liberazione dei due marinai plebei”. Per il completamento dell’altare della Patria occorsero 50 anni: dal 1885 al 1935, per la liberazione dei due marinai plebei siamo  giunti a più due anni dalla loro carcerazione in terra straniera, in tempo di pace e, in tempo di crisi…di idee.
Mi viene in mente un ciclostile che girava quando ero in servizio attivo che recitava più o meno così:
“la sua domanda è stata accolta, si rimanda la decisione a data da destinarsi”.
Intelligenti pauca (a buon intenditor).

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

20 risposte a Il re galantuomo e i due marinai plebei (Massimiliano Latorre e Salvatore Girone)

  1. Francesco Garruba dice:

    Giro la email e segnalo articolo. Un abbraccio e un felice anno nuovo. marinai per sempre

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Max non mollare …non so più che Kacso scrivere per spronare chi di competenza per la vostra e nostra causa. Ti prego di accettare questo mio sfogo con l’articolo dedicato a te, a Salvo e ai Marinai con la M maiuscola:…per sempre!

  3. Marinaio di Lago dice:

    Bravo Ezio condivido …. 🙂 A buon intenditor poche parole…

  4. Marco Marini dice:

    non c’è bisogno di scomodare il Re, pace all’anima sua, per capire che questo governo è indecente

  5. Girolamo Trombetta dice:

    A FEBBRAIO SARANNO TRE ANNI, SPERO MOLTO NON CI SIANO CELEBRAZIONI PER RICORDARE I TRE ANNI DI CARCERAZIONE (PREVENTIVA O NO) PER I NOSTRI DUE MARINAI. SPERO MOLTO PERCHé ALTRIMENTI FAREMO SCHIFO TUTTI. ANZI LA PROPOSTA POTREBBE ESSERE DI FERMARSI TUTTI PER UNA SETTIMANA, FERMARSI CON OGNI ATTIVITà ANCHE ASSOCIATIVA, IN TUTTI I SENSI. IN MODO CHE LO STATO SI ACCORGO DELLO SCHIFO CHE PROVIAMO TUTTI. BASTA CIACOLE PORTIAMOLI A CASA.

  6. Andy Holyred dice:

    Già. W VERDI comunque. Padre della Patria.

  7. Tiziana Ricci dice:

    Bellissimo pensiero

  8. Marcello Bartali dice:

    Purtroppo, attualmente, l’unico mare, esterno, che ho a disposizione(circa 120 Km.) è il Baltico, ma il mio mare, quello che ho dentro e che ho solcato, per tanti anni, quello, niente e nessuno, potrà mai togliermelo e come giustamente dici tu, potrà mai inquinarcelo

  9. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 Ciao Marcello Bartali, grazie. Il tuo commento è graditissimo e credimi vale tantissimo. Grazie per l’affetto e la compagnia. Un abbraccio a te grande e trasparente come il nostro mare, quello che abbiano dentro e che nessuno mai, per nessun motivo, potrà inquinarci.

  10. Francesco Iacono dice:

    il padre della patria altro che napolitano…

  11. Giovanni Bruno dice:

    Ma queste righe le dobbiamo leggere solo noi od altri che dovrebbero agire di conseguenza??

  12. GAETANO CARBONARA dice:

    onori alla nostra bandiera

  13. Vincenzo Mattera dice:

    Assedia e fa bombardare Genova Ancona e Gaeta e viene chiamato re galantuomo, Ferdinando II per difendere i propri territori da sobillatori esterni venne soprannominato Re bomba. È vero la storia la scrive e la manipola chi vince le guerre. I nativi d’America ne sanno qualcosa.

  14. Guglielmo Evangelista dice:

    Ha vinto e ormai è inutile recriminare. E sopratutto ha avuto il coraggio di vincere, una lezione che pochi imparano e che andora meno sanno mettere in pratica

  15. Vincenzo Mattera dice:

    Bene, allora nel nostro mondo occidentale che vive il sogno della democrazia da esportazione, il giorno che una organizzazione tipo ISIS dovesse avere il sopravvento , i nostri figli o i nostri nipoti potranno dire che questi hanno avuto il coraggio di vincere. Il nostro amico di suo non ci ha messo niente a parte l’enorme debito che aveva, ha solo appoggiato l’idea di conquista di paesi come Francia ed Inghilterra da cui ha tratto beneficio sulla pelle delle popolazioni duosiciliane che hanno vissuto due fasi, quelle degli eccidi espoliazioni ed emigrazioni di massa un tempo ed oggi con territori abbandonati a se stessi e che procedano con livelli di sviluppo per niente paragonabili ad un paese membro del G8 e che prende punti dalle stesse aree del Nord di cui è solo acquirente principale dei prodotti industriali.

  16. Davide Galli dice:

    Ciao Ezio, purtroppo da quando non sono più in sala stampa non seguo molto la rassegna, ma il sistema automatico che la gestisce analizza tutto quello che esce in base alle parole chiave, quindi normalmente dovrebbe essere stato incluso nella rassegna successiva all’uscita. Se ho modo controllo quando sono in ufficio. Grazie per la condivisione dell’articolo, molto interessante e dolcemente nostalgico.

  17. Giuseppe Asero dice:

    lo condivido

  18. Nico Vernì dice:

    UN PENSIERO PER MASSIMILIANO LATORRE E SALVATORE GIRONE, ILLEGALMENTE DETENUTI IN INDIA DA “ILLO TEMPORE”
    Signore, sorreggi Max e Salvo e le loro famiglie. Sii Tu la roccia di salvezza, perché nei momenti difficili non vengano meno. Come hai promesso ai nostri padri, conferma il Tuo disegno d’amore. Fa’ sorgere su questi ragazzi il Figlio amato, colui che realizza la nostra comunione con Te.
    Insegnaci a far memoria delle Tue meraviglie. Ti lodiamo per l’umiltà con cui hai scelto di vivere una famiglia. Rendi Max e Salvo aperti ai tuoi doni, capaci di semplicità, testimoni della Tua bellezza, cercatori del Tuo volto, artefici di unità per questa nostra Patria.
    Tutti siamo invitati a prendere coscienza della gratitudine per questi due nostri ragazzi e per le loro famiglie.
    L’apostolo Paolo dice con chiarezza che Nostro Signore e solo Lui può dare un senso a tutto ciò che esiste e solo lui può alleviare fino ad annullare totalmente le nostre difficoltà.

  19. Enzo Ciulla dice:

    Buona domenica a tutti i frà….tutti inquadrati att enti ALZA BANDIERA ONORE……7N ABBRACCIO AI N9STRI FRATELLI MAX E SALVO

  20. klement dice:

    Se la Guardia costiera indiana disse di andare a Kochi per identificare i pirati, come fa ora la Nia a negare che i pescatori apparissero tali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *