Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà,  Storia

3.9.1941, marinaio Russo Salvatore

di Antonio Cimmino

BANCA DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE MAI

…e il reale incrociatore Bartolomeo Colleoni.

Nato a Piano di Sorrento (Napoli) il 1° giugno 1912, marinaio del Compartimento Marittimo di Castellammare di Stabia, morì il 3 settembre 1941.
Dichiarato scomparso in mare dalla regia capitaneria di porto di Fiume. Questo è il laconico dispaccio ricevuto dai suoi familiari:

L’anno 1941 – XX E.F., addì 11 novembre,
il sottoscritto S.tenente di Porto Tommao Giacinto, delegato dal Comandante del porto, sulla base degli elementi forniti con dispacci n° 13004 del 17 settembre c.a. del Ministero della Marina – Ufficio di Stato Maggiore – n° 20136 G. del 1° ottobre c.a.
”.

3.9.1941 marinaio Russo Salvatore - www.lavocedelmarinaio.com

22 commenti

  • Giuseppe Magazzù

    Caro Ezio, leggo del marinaio Russo Salvatore e mi/ti chiedo che centra con il R.I. Colleoni con il Russo se è stato affondato il 19 luglio del 1040 ?..

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Giuseppe grazie della segnalazione,
    l’articolo di Antonio Cimmino relativo a Russo Salvatore morto il 3 settembre 1941. All’epoca dell’evento non era probabilmente un marinaio della Marina Militare ma della sorella Marina Mercantile, fermo restando che sicuramente aveva fatto in precedenza il militare sull’Incrociatore Colleoni, come si evince dalla foto riportata dal Cimino…

  • Claudio53

    Egregio sig. Ezio concordo con Lei.
    Ho letto il breve articolo relativo di Antonio Cimmino relativo a Russo Salvatore morto il 3 settembre 1941. All’epoca dell’evento non era probabilmente un marinaio della Marina Militare ma della sorella Marina Mercantile, fermo restando che sicuramente aveva fatto in precedenza il militare sull’Incrociatore Colleoni, come si evince dalla foto riportata dal Cimino. Verificando il nominativo è risultato che:
    non è presente nel data base di ONORCADUTI e nemmeno nell’Albo d’Oro della Marina Militare;
    non è tra le vittime del Reale Incrociatore Bartolomeo Colleoni, perché la data della morte è successiva all’affondamento della predetta unità avvenuto il 19 luglio 1940.
    Premesso quanto sopra, nell’Albo d’Oro della Marina Mercantile (pag. 888) risulta: Russo Salvatore di Antonino – da Sorrento – marinaio. Caduto sull’<> silurata il 3 settembre 1941.
    Non ci sono dubbi che si tratti del Russo Salvatore menzionato nell’articolo del Cimino poiché coincide città d’origine e data di morte. Essendo all’atto della morte imbarcato sulla motonave da carico Gritti, questo spiega anche perché il telegramma arrivò alla famiglia dalla Capitaneria di Porto di Fiume, dove era iscritta la nave, ma non giustifica comunque, la brevità e poca sensibilità nella segnalazione alla famiglia.
    In allegato un articolo sull’argomento, che puoi modificare come ritenuto necessario. Non vorrei comunque sollevare problemi con le mie precisazioni su articoli di altri ma, come ho avuto modo di dirti, questo accade quando i parenti non ci forniscono informazioni complete e/o corrette.
    Distinti saluti
    Claudio 53

  • EZIO VINCIGUERRA

    Carissimo Claudio53, grazie per questa ulteriore precisazione che farò arrivare ad Antonio Cimmino per quella ricostruzione della “banca della memoria” che come sappiamo, anche a livello centrale, è sempre in fase di aggiornamento grazie anche alla buona volontà dei marinai di una volta, come noi, che non lasciano cadere nell’oblio i propri cari.
    Un ringraziamento sentito e grande come quel mare che abbiamo dentro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *