Attualità,  Curiosità,  Marinai,  Navi,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà,  Storia

La Battaglia di Santa Maria (1814)

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Rievocazione storica della conquista del Golfo di La Spezia e della sconfitta dell’eroica guarnigione napoleonica di Santa Maria da parte degli Inglesi, nel 1814, a 200 anni dall’evento.
Il poderoso forte di Santa Maria, costruito tra il 1566 ed il 1572 dai genovesi, fu certamente la struttura militare più sicura ed importante dell’800, un caposaldo difficile da espugnare.
Programma
– venerdì 28 marzo, ore 21.15, “Il golfo della Spezia nell’800” relatore Gino Ragnetti;
– sabato 29 marzo, ore 21.15, “La battaglia di Santa Maria” relatore M.Alberto Vignali;
– sabato 29marzo, “Il forte Santa Maria” relazione storica Michele Provvedi

presso il refettorio dell’ex convento olivetano delle Grazie Portovenere (SP)
Credits
organizzazione ProLoco Le Grazie

consulenza “Dalla Parte dei Forti”
patrocinio Comune di Porto Venere


28.3.2014 a La Spezia - www.lavocedelmarinaio.com


La battaglia di Santa Maria 1814

di Mariano Alberto Vignali
Un pugno di eroi, asserragliato in una fortezza, difende il proprio onore…
La disperata difesa di un baluardo. L’inganno di pochi soldati a cui fu chiesto di fermare un’armata, il coraggio di un comandante e l’astuzia bellica di un ufficiale inglese….no non sono le trame di un romanzo, ma sono i fatti storici che duecento anni fa sconvolsero la costa di ponente del Golfo della Spezia.
Il poderoso forte di Santa Maria, costruito tra il 1566 ed il 1572 dai genovesi, fu certamente la struttura militare più sicura ed importante dell’800, un caposaldo difficile da espugnare e strategico per la difesa del golfo. Proprio per questo in due occasioni le armate francesi, in fuga dalle coalizioni antinapoleoniche che risalivano l’Italia, utilizzarono questa fortezza come estremo baluardo di difesa. In entrambi i casi, nel 1799 e nel 1814, dovettero soccombere all’assedio che gli era stato posto da terra e dal mare; ed in entrambi i casi fu risolutiva l’azione della flotta da guerra inglese. Il fatto d’armi più importante fu certamente quello del 1814. A presidio del golfo, per ritardare l’avanzata degli alleati contro Napoleone, venne lasciato solo un piccolo drappello di uomini nel forte di Santa Maria con l’ordine di coprire la ritirata. Solo 68 soldati con pochi cannoni a disposizione e con un organico inutile per poter gestire efficacemente l’artiglieria di cui la postazione disponeva, arroccati contro forze preponderanti. Il forte che disponeva generalmente di una piccolissima guarnigione francese, poche decine di uomini, con scarse provviste e munizioni dovette vedersela contro oltre 5 mila uomini armati ed almeno 25 navi da guerra armate con centinaia di cannoni. I francesi resistettero nove giorni, alla fine si arreso dopo aver trattato una “disfatta onorevole”. Gli inglesi, sbarcati al Varignano Vecchio, prima diedero ai francesi l’onore delle armi, poi compreso l’esiguo numero di combattenti presente nel forte decisero di non farli prigionieri, ma di dar loro un salvacondotto e con una nave, da soldati liberi, li mandarono in Francia. Questa battaglia porto alla definitiva conquista del golfo della Spezia da parte delle forze antinapoleoniche. Era il marzo del 1814.

 



28-29.3.2014 la battaglia di s.maria - www.lavocedelmarinaio.com

 

10 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *