Attualità,  Racconti,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

Di mare, uomini e vele

di Alex Pietrogiacomi (*)

…la più stupefacente meraviglia dell’abisso è la sua insondabile crudeltà

Di mare, uomini e vele è una selezione di saggi e racconti di Joseph Conrad, autore di Cuore di tenebra e Lord Jim. In questa nostra antologia abbiamo posto l’attenzione sui testi di Conrad più belli e significativi che hanno per protagonista il mare, con i suoi pericoli e le sue meraviglie. Le navi, i venti, gli uomini e le disgrazie e le gioie dell’andar per mare sono raccontati dallo scrittore polacco con una rara maestria e profonda passione. Vi si trovano quei sentimenti di odio ma anche di infinito amore verso la terraferma, quell’amore che solo chi passa tutta la vita sopra le acque buie degli oceani può provare.
Appassionanti descrizioni di quegli uomini così legati al mare e dei loro caratteri, nemici e compagni accomunati dall’amore e dal rispetto per il grande oceano.
In questa raccolta c’è tutta l’epica del mare che ha fatto di Conrad uno dei più grandi scrittori d’avventura della storia della letteratura mondiale.

Di mare, uomini e  vele - La copertina

Titolo: Di mare, uomini e vele
Autore: Joseph Conrad
Editore: Piano B Edizioni
Serie: collana Elementi
Pagine: 144
ISBN: 978-88-96665-64-0
Prezzo: €12

(*) Alex Pietrogiacomi
ufficio stampa- consulente editoriale
PIANO B EDIZIONI
www.pianobedizioni.com
alex@pianobedizioni.com

33 commenti

  • Carmela Picheca

    M A R I N A I O …

    D’ira si tinse quel tramonto
    a cui l’alba
    vi affidò speranze,
    lente trascorsero le ore,
    mentre seduto…
    il marinaio osservò il suo mare.
    Tra quell’azzuro
    si muovevan pescatori ed
    il vociare, gli odori e quei rumori
    come lance,
    trapanarono il suo cuore.
    Lenta scivolò
    e bagnò il suo volto,
    come goccia del suo mare giunse
    a volergli urlare,
    “un marinaio…
    non deve mai mollare!!!”

  • Silvana De Angelis

    Ci sono persone che sono fredde come il mare. Devi entrare lentamente e le prime onde con cui verrai a contatto ti faranno rabbrividire, sobbalzando ti fermerai e vorresti tornare indietro. Ma poi ci riprovi e continui ad entrare, cercando di immergerti nonostante il corpo tremi. Piano piano ti renderai conto che è solo questione di tempo e restando dentro ti riscalderai, ti sentirai a tuo agio e non vorresti mai uscire da quelle acque che da fredde sono diventate calde. Con alcune persone è così. Bisogna solo trovare il coraggio di entrare e restare il più possibile.
    Web.

  • Bruno Caleffi

    …per conoscere meglio i meandri e le insenature del mare della vita. Un grande

  • Marinaio di Lago

    …. il mare è il tuo specchio; tu contempli
    nell’infinito svolgersi dell’onda
    l’anima tua, e un abisso è il tuo spirito
    non meno amaro…

  • Marinaio Leccese

    Il piu’ bello dei mari e’ quello che non navigammo. Il piu’ bello dei nostri figli non e’ ancora cresciuto.

  • MARIA MAREA

    QUANDO IL VENTO ACCAREZZA IL MARE IL MIO PENSIERO VOLA ED A LUI AFFIDO I MIEI SOGNI E ALLE ONDE LA “GRAZIA” DEL MIO CUORE

  • Mi Manchi - l'amante del mare

    Mare al mattino
    Fermarmi qui. Per vedere anch’io un po’ la natura.
    Luminosi azzurri e gialle sponde
    del mare al mattino e del cielo limpido: tutto
    è bello e in piena luce.

    Fermarmi qui. E illudermi di vederli
    (e davvero li vidi un attimo appena mi fermai);
    e non vedere anche qui le mie fantasie,
    i miei ricordi, le visioni del piacere.
    Kostandinos Kavafis

  • Mi Manchi - l'amante del mare

    Il vero Timoniere va, anche quando il mare fa paura…questa è la lezione che mi ha insegnato Conrad

  • Salvo Lo Vecchio

    Sono impressionato dalla qualita’ dei commenti su questa recensione. Sono certo che Conrad ha lasciato in noi tutti una buona scia

  • Toty Donno

    “Che tu possa avere dei muri per il vento, un tetto per la pioggia, una tazza di tè davanti al fuoco, risate per rallegrarti, quelli che ami accanto a te, e tutto ciò che il tuo cuore desidera”

  • EZIO VINCIGUERRA

    Saranno pochi a scoprire quello che tu hai dentro… pochi coloro che riescono a sfiorare il tuo cuore….

  • Rossana Tirincanti

    …La suprema felicità della vita è essere amati per quello che si è o, meglio, essere amati a dispetto di quello che si è. ………
    Victor Hugo

  • Raimondo Barrera

    Gli aquiloni sono come gli angeli.

    Sfidano il vento e accarezzano il sole.

    Sono come i nostri sogni che volano

    liberi nell’aria fresca della sera.

    A volte ricadono nel vuoto proprio

    come succede nella vita di un uomo.

    A volte succede.

    Ma se tendi bene la corda

    sapranno tirarsi su e volare in alto,

    sempre più su fino a toccare il cielo e salutare le nuvole.

    Gli Aquiloni non si lamentano e volano finché possono,

    colorano il cielo come un arcobaleno,

    tendono le ali come corde di chitarra,

    stridono del vento in un impercettibile lamento

    Gli aquiloni sono come gli uomini,

    a volte imprevedibili spesso irraggiungibili,

    ti tradiscono se perdono il filo,

    si spezzano in due come il cuore di un uomo che non è amato.

    Gli aquiloni sono come i nostri pensieri nascosti

    che trovano spazio nel cielo dell’anima.

    Danzano incessantemente con la forza del vento

    che ha volte è come il sentimento che plana a rilento,

    per gli uomini un vero tormento.

    Gli aquiloni sono come le donne.

    Cambiano direzione con un sinuoso movimento,

    ci sfuggono di mano se tiriamo troppo la corda.

    Ma se rispetti una donna, incondizionatamente,

    saprà farti sentire un aquilone eternamente. (Omonimo)

  • Enzo Arena

    IL PROFUMO DEL MARE

    Mi manca il profumo del mare,
    l’odore di un posto lontano,
    mi accorgo che il tempo è passato
    e non voglio esser preso per mano.

    Ora sto sulla riva seduto,
    avvolto nei vecchi pensieri.
    Da solo, aspettando il tramonto,
    e sono lo stesso di ieri.

  • Maria Carla Torturu

    Leggo due righe di un amico che racconta il suo ” mal di mare”,e….

    volano le dita sulla tastiera, perchè sento il bisogno di condividere quella dolce malattia che prova chi lo respira fin da piccolo, chi percepisce i suoi colori ed i suoi profumi, chi è rimasto stregato dal suo fascino, chi lo vive come una parte dell’anima ….

    Il mio “mal di mare”

    Se socchiudo gli occhi sogno i suoi colori infiniti :

    il grigio sferzante e spumoso che porta il vento di scirocco e di libeccio,

    il blu profondo e increspato che arriva con la tramontana ed il grecale,

    il verde trasparente e cristallino di Sardegna,

    il rosso infuocato e gelido dei tramonti invernali di Liguria

    l’ oro caldo e sornione delle serate estive,

    uno spicchio di luna e la luce delle stelle che danzano sul suo vestito notturno e scuro

    ….se socchiudo gli occhi posso ascoltare la melodia del mare

    …..se socchiudo gli occhi respiro il suo profumo

    …..se socchiudo gli occhi mi immergo nella sua profonda essenza

    ” e naufragar m’ è dolce ”

    Maria Carla

  • Silvana De Angelis

    Chi di voi, guardando il mare non ha sentito qualcosa dentro, ha provato “emozioni” e le ha trasformate in parole….

  • Silvana De Angelis

    Siamo nati prima del vento
    Siamo anche più giovani del sole
    Prima che la graziosa barca fosse vinta
    mentre navigavamo nel mistico
    Ascolta, adesso senti i marinai piangere
    Odora il mare e senti il cielo
    lascia la tua anima e lo spirito volare nel mistico

  • Silvana De Angelis

    Il mare parla, a chi entra in sintonia con lui. A chi è capace di sentire il ritmo delle sue onde come fossero il battito del cuore. Perché il mare vive ed esprime dei sentimenti. Odia e ama. E ascolta il silenzio delle persone che lo amano.
    (Agostino Degas)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *