Il sole si è rimesso in moto e la politica?

di Salvatore Spoto

Salvatore Spoto per www.lavocedelmarinaio.com - CopiaIl sole si è rimesso in moto: ha acceso la fornace che surriscalda i raggi. Adesso li sta provando. L’estate è alle porte. Voglia di mare, del verde delle montagne, della libertà di pensiero. Tutto qui? Quando il sole batte sulla pelle nuda, è anche il momento di confrontarsi e riflettere per capire chi siamo. Se il Paese sembra un mare in tempesta per le tante teste che la pensano diversamente l’una dall’altra è perché prevale l’interesse privato (partitico, politico, economico…) non quello della comunità di intenti. Gli italiani sono rimasti psicologicamente nel Medioevo, con i feudatari, padroni terrieri e detentori dei capitali, che si fronteggiavano ciascuno con il proprio seguito fatto di “servitori della gleba”. È inutile negarlo, gli italiani preferiscono affidarsi alle parole, a chi le racconta in maniera più convincente. Guardare i fatti, non le promesse. Sole, cortesemente puoi utilizzare raggi caldissimi per far entrare negli italici cervelli il concetto che è l’Uomo l’artefice del proprio destino?

Il sole si è rimesso in moto e la politica - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Recensioni. Permalink.

13 risposte a Il sole si è rimesso in moto e la politica?

  1. Angelo APRILE dice:

    l’amico dott. Salvatore SPOTO anche in questo breve scritto, ha dimostrato con la sua saggezza,
    di arrivare ai lettori con semplicità graffiante e
    proponendo agli italiani un comportamento meno
    servile.

  2. Salvo Miccichè dice:

    Onestamente, la gente non ne può più di aspiranti consiglieri che in questi pochi giorni prima delle elezioni scoprono “piccoli grandi *pobblemi*” e poi dopo (eletti o meno che siano) se ne dimenticano e non vedono più grosse tragedie… Roba già vista 😉

  3. Michele Salatino dice:

    Io non dimentico i miei fratelli che languono prigionieri in India

  4. LINDA OROBONO dice:

    Condivido

  5. Ennio Agnello dice:

    cosa dicono le ministre Bonino e kienge?

  6. Giuseppe Grosso dice:

    E’ quando sono in silenzio che le parole girano nella mia testa , c’è’ una folle confusione una frase un’ altra ancora poi ascolto il suono della natura e capisco che la terra e’ una dolce melodia …. Mi scusi se le ho scritto questo mio pensiero , volevo dedicargli un po’ del mio affetto … un affettuoso abbraccio caro Maestro.

  7. Salvatore Spoto dice:

    Grazie Ezio! Grazie amiche e amici. Condivido nella mia pagina e la dedico non solo a voi amici ma anche alla memoria dei Marinai recentemente caduti a Genova.

  8. Salvatore Spoto dice:

    Ringrazio Ezio Pancrazio Vinciguerra, direttore de “la voce del Marinaio” e la dedico ai Marinai recentemente caduti nella sciagura di Genova.

  9. Salvatore ESPOSITO dice:

    ..UNA PAGINA D’AUTORE…TRASMESSACI DA UN APPASSIONATO D’AUTORE !!!….GRAZIE SALVATORE…SE TU NON CI FOSSI BISOGNEREBBE !INVENTARTI” !!!.”

  10. Salvo Fazio dice:

    Chiarissimo ed eloquente Maestro!

  11. Vincenzo Lo Iacono dice:

    GRAZIE CARISSIMO AMICO!!! Hai ragione: si deve guardare al domani!! Il passato deve solo servire a ricordare i momenti più belli e a non commettere gli stessi errori!! Ti lascio un FORTE SINCERO ABBRACCIO!!!!!

  12. Salvatore Pilloni dice:

    Un caloroso ringraziamento a te…

  13. Vittorio Alberti dice:

    Grazie di cuore .. hai ragione bisogna sempre guardare e andare avanti… un abbraccio di cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *