C’era una volta Marina Italia

di Giovanni Caruso

…ovvero se stiamo male ci sarà un perché?

giovanni carusoC’era una volta una donna bellissima. Fisico slanciato, ricca e di buon cuore. Il suo nome era Marina Italia. Un giorno la signora Italia cominciò a sentirsi male, e non capiva per quale motivo. Fortunatamente bussarono alla sua porta di casa, e guarda caso si presentò un dottore, prima ancora che lei lo chiamasse.
Il dottore disse di sapere bene cosa gli era successo e gli suggerì una bella cura, fatta di digiuno e una strana medicina di nome euro. La povera Italia colta allo stremo delle forze decise di assumere la medicina e di digiunare. Dopo qualche giorno si accorse che stava sempre più male, così chiamò il dottore, suggerendo che forse il digiuno la debilitasse, ma il dottore dall’alto delle sue referenze disse che doveva continuare a digiunare e che non avrebbe dovuto smettere di prendere la medicina, perché senza quella medicina sarebbe morta di sicuro. La signora Marina Italia impaurita continuò a digiunare, fino a quando cadde inerme senza forze.
Giunta in cielo lo spirito di Marina Italia si rivolse a Dio e disse:
– “Signore perché mi ha abbandonato? Io ero malata e Tu mi hai lasciato morire”.
Dio allora rispose:
– “Carissima Marina Italia, ti ho creata libera di scegliere, e tu hai scelto di non mangiare. Il diavolo ti ha offerto il veleno e ti ha ingannata, ma nulla è stato fatto contro il tuo volere, unica legge imprescindibile e sovrana che regola il vostro mondo.”

MORALE: Nulla e nessuno può impedirci di fare le nostre scelte. Se stiamo male è solo perché non abbiamo il coraggio di scegliere la via che porta alla felicità.

C'era una volta Marina  Italia - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Recensioni. Permalink.

18 risposte a C’era una volta Marina Italia

  1. Franco dice:

    Infatti, siamo stati dotati, chi più chi meno, di un’organo chiamato cervello che ci distingue dalle pecore (senza offesa) e della piena libertà di decidere per il nostro bene, magari sbagliando, ma l’abbiamo, pertanto : chi è causa del suo male…..

  2. Giovanni Caruso dice:

    Purtroppo chi sta al potere ha elaborato delle tecniche raffinatissime che distraggono e convogliano la rabbia della gente in mezzi sterili, come la tv, i giornali, e lo stesso web (arma a doppio taglio). Tutto rimane “chiacchiere da bar”, guerra tra poveri, inutili lamentele e manifestazioni in piazza. La gente deve capire che invece di parlare, scrivere e commentare, deve AGIRE!. Prendere una posizione e puntare i piedi. Ognuno nel suo piccolo può fare la differenza. Io ad esempio non guardo più la tv e se la guardo, appena si parla di politica cambio canale.

  3. Carlo Luigi Crea dice:

    Buongiorno Carissimo Ezio Pancrazio Vinciguerra

  4. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buongiorno Carlo Luigi Crea…speriamo

  5. Franco Schinardi dice:

    Mi piace

  6. Mario Carapucci dice:

    Condivido

  7. Francesco Restano dice:

    🙁 speriamo

  8. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Oggi l’italico suolo (ma sarebbe meglio ampliare il concetto all’Europa e al mondo cosiddetto globalizzato) è una “dettatura legalizzata” nel senso che ci dettano quello che dobbiamo fare (politica – religione – economia). Ci obbligano a pensare con la testa degli altri e, ancor peggio, a secondo della latitudine o longitudine del globo terrestre, a ciascuno di noi è assegnato un valore economico anche in termine di vite umane, animali e vegetali.
    Quando si è fortunati, ma sarebbe più appropriato in questo caso dire “indennizzati”, siamo dettati da “incomprensibili norme e assicurazioni” e mai da “verità e rassicurazioni“. Quello che ha sintetizzato Giovanni Caruso, che è un giovane talentuoso sottolinea, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che stiamo andando a puttane (nel senso politico, materiale, economico e spirituale).

  9. Marinaio di Lago dice:

    Ciao Giovanni e complimenti a te per quello che fai e che pensi che condivido …sono certo che anche quelli della mia generazione, ottuagenari compresi, comprenderanno che cosa vi abbiamo lasciato:
    UN PAESE DI PUTTANE!
    Ecco cosa intendeva dire Franco Battiato riferendosi non alle donne ma all’intero corrotto sistema…anche lui è stato defenestrato perchè non allineato come il 42% della popolazione da nord a sud che non va più a votare, i restanti 58% vanno a puttane!
    Un abbraccio

  10. Antonino Parisi dice:

    Articolo interessante e colgo l’occasione per complimentarmi per questo sito! veramente ben fatto e con tanti articoli utili!

  11. Francesco Maugeri dice:

    Ottimo articolo, ne faro’ un punto di riferimento, chissa’ che quanto letto non possa aiutare anche me.

  12. Pischedda Massimo dice:

    Sono impressionato dalla qualita’ delle informazioni su questo sito. Ci sono un sacco di buone risorse qui. Sono sicuro che visitero’ di nuovo il vostro blog molto presto.

  13. Marinaio Telegrafista dice:

    Articolo molto interessante… di sicuro non sempre i soliti consigli triti e ritriti… grazie per lo spunto.

  14. Francesco Draconero dice:

    Complimenti, questo post ha davvero stimolato il mio interesse.

  15. Giovanni Caruso dice:

    “Uscita dall’euro disastro per l’Italia” – Letta è intervenuto anche sulla moneta unica, ritenendo che l’uscita “dall’euro sarebbe il disastro finale per l’Italia, un errore drammatico, perché finirebbe l’euro”.

    Queste sono le parole di Enrico Letta. Le stesse usate da Mario Draghi e Mario Monti. Guarda caso tutti e tre fanno parte delle più grandi lobby finanziarie del mondo.

  16. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    forse e l’inizio della fine? speriamo di no.

  17. Bruno Caleffi dice:

    Ora basta!!!!!!

  18. Pietro dice:

    Ezio e italiani che avete commentato……..mi sembra che il vostro pensiero, unanime, è: siamo al capezzale della bella e cara Patria…………..con lei sta morendo, anche, la Marina Militare, orgoglio da sempre per la gente italica……..
    dovrei ripetermi con frasi fatte………mi limito a dire: ITALIANI MASOCHISTI………..
    tanti sono quelli che leggono il “Vinciguerra” ed a tutti dico auguri marinai “marinai di UNA volta, marinai per sempre” ad majora
    a presto Ezio……..giovedì……bevi un bicchiere anche per me……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *