Attualità,  Sociale e Solidarietà,  Storia

Il 25 aprile per quelli come noi

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Ezio Vinciguerra (www.lavocedelmarinaio.com)Ciao a Voi che non perdete mai la speranza.
So che è molto difficile, in questi tristi momenti, dove sconforto e scoramento si mischiano a mille altri pensieri compresa la vergogna e l’onta che stiamo subendo.
Tutti i nodi vengono al pettine, è solo questione di tempo. La verità è sempre ed è solo una.
Ora che abbiamo toccato l’apice o il baratro della nostra italica storia, mi sento di affermare, senza presunzione alcuna che:
quelli come noi, che indietro non  lasciano incompiute persone e cose; quelli come noi, che quotidianamente ci  sacrifichiamo e caparbiamente ed ostinatamente lottiamo per il bene di quella  continuità terrena che si chiama ”vita; quelli come noi che hanno deciso di dire basta alle ingiustizie e soprusi proprio come quelli che quotidianamente stiamo subendo; sappiamo benissimo che non si può abbassare la guardia e neanche che i riflettori mediatici si spengano finché si esaudisca il nostro unico desiderio comune e cioè quello di vedere tornare la vituperata democrazia”.
Se ci sarà da festeggiare la democrazia, senza alcuna demagogia di parte, solo allora si festeggerà.

festa della disperazione

32 commenti

  • Di Lorenzo Giuseppe

    Ormai caro Ezio, non sappiamo più cosa dire, le parole non servono più a nulla, il marcio nel nostro paese avanza ogni giorno, il tuo link e come il cacio sui maccheroni, 25 aprile, festa della disperazione, non sappiamo più cosa dire o cosa fare, ormai siamo in attesa che la voragine ci inghiotte del tutto, ciao Ezio.

  • Fabrizio Costa Pluvini

    Grazie Ezio, ho proprio bisogno di pensare un pò al futuro… grazie ancora

  • Vincenzo Barca

    grazie delle bellissime parole Ezio, sei sempre poetico.
    spero di rivederti presto, un abbraccione

  • Pierre Nicoletti

    Grazie EZIO, apprezzo molto i tuoi interventi , amici comuni mi hanno parlato molto bene di Te, non demordere mai e ricordati e fai ricordare che: ” I SERVI ED I VILI NON SONO GRADITI A DIO “.

  • Toty Donno

    Niente è facile. Non lo è mai. Se così non fosse sarebbe tutto più semplice: niente dolore, niente delusione, niente solitudine. No, nulla di tutto questo è possibile, perché niente di ciò che realmente conta può essere facile. La gioia nasce dal sacrificio, dalle ginocchia sbucciate, dai cuori infranti. Perché ciò che ci è stato inculcato da bambini non può essere vero: non ci sono favole, non ci sono eroi o grandi imprese, c’è la determinazione di persone semplici che non si arrendono mai!

  • Renato Zuccarino

    Grazie Ezio, è per Me un piacere ed un onore avere Amici come Te. Un abbraccio fraterno. E’ un marchio indelebile…. Una volta marinai, marinai per sempre. Ciao

  • Guido Scopetti

    Secondo l’inno nazionale “noi siamo da secoli/calpesti,derisi,/perché non siam popolo,/perché siam divisi.” A quando la vera liberazione, dal nostro egoismo?

  • Angelo Pala

    ciao Ezio, c’è poco da commentare, festa della liberazione, come già scritto, c’è qualcuno che non è ancora libero, ogni riferimento non è casuale, vedi i nostri fratelli prigionieri in india, la disperazione non si può festeggiare, un abbraccio.

  • Marinaio Telegrafista

    Tutti i nodi vengono al pettine, è solo questione di tempo. La verità è sempre ed è solo una.

  • Mario Billardello

    A cosa sto pensando???
    Oggi mi assale un dubbio atroce.
    Ma la “prossima liberazione” dobbiamo farla per forza il 25 aprile o possiamo scegliere una qualsiasi data????

  • FIORELLA VIVI

    GRAZIE MILLE EZIO, PAROLE SANTE SEGUIRO IL TUO CONSIGLIO GRAZIE DI NUOVO. TI AUGURO UN FELICE FINE SETTIMANA

  • Di Lorenzo Giuseppe

    nodi al pettine? si ma quando, di tempo non ne abbiamo molto, qui si rischia una guerra civile. ciao Ezio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *