Attualità,  Che cos'è la Marina Militare?,  Marinai,  Racconti,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

Incontro per ricordare l’ammiraglio Franco Papili

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Il 13 aprile 2013, l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia Gruppo “Luigi Longobardi” di Castellammare di Stabia (Napoli), organizzerà il 1° Incontro in memoria dell’ammiraglio di squadra Franco Papili.
La cerimonia prevede il seguente programma:
– ore 10.00 – Celebrazione della Santa Messa presso la Cappella del Cimitero di Castellammare di Stabia. A seguire deposizione di una corona d’alloro sulla tomba dell’Ammiraglio.
– ore 12.00 – Breve sosta presso la Caserma Cristallini e a seguire visita ai Cantieri Navali;
– ore 13.30 – Incontro conviviale presso un ristorante caratteristico di Lettere (a circa 8 Km. da Castellammare).
Per informazioni:
Capo Filippo Bassanelli (Monte Romano – VT)

filippo-bassanelli@otmail.com340 3135837
Capo Aldo Verdoliva (Presidente A.N.M.I.  C.Mare di Stabia)
aldoverde@libero.it – 338 2238362
Sgt. Mario Sicignano (V. Presidente A.N.M.I. C.Mare di Stabia)
sicignanomario50@libero.it – 334 5263981

Orfano di padre, sottufficiale di Marina, disperso in mare durante la 2^ guerra mondiale, Franco Papili entrò in Accademia Navale nel 1947. Il suo primo incarico fu quello di Ufficiale di rotta delle corvette Gru e Scimitarra. Successivamente si specializzò nel servizio di artiglieria e divenne il primo Direttore del Tiro Missili dell’incrociatore Garibaldi (unità trasformata ed adattata al lancio di missili balistici). Comandante di nave Gaggia e Gabbiano, fu prescelto nel 1969, come Comandante in 2^, all’allestimento di nave Vittorio Veneto (nuova ammiraglia della Squadra Navale). In seguito fu comandante di nave Carabiniere, ebbe incarichi presso la N.A.T.O. del Sud Europa e, da Capitano di Vascello assunse nel 1979 il comando del Vittorio Veneto. Oltre agli incarichi presso lo Stato Maggiore della Marina, assunse nel 1983, il comando della 2^ Divisione Navale e, successivamente quelli di Comandante dei dipartimenti di Ancona e La Spezia. Concluse la sua carriera come Presidente del Consiglio Superiore delle Forze Armate.
Sempre vicino all’A.N.M.I ed ai suoi marinai, salpò per l’ultima missione dalla sua Castellammare di Stabia il 28 agosto 2009, assistito amorevolmente dalla moglie Luciana.
Uomo di raffinata cultura, gli equipaggi lo ricordano perché amava ripetere: “la Marina è la mia famiglia e i Marinai sono i miei figli”.

45 commenti

  • Renzo Spigoli

    Mi piace assai …. complimenti e grazie per l ‘ aggiornamento .. La MARINA è sempre il mio primo amore

  • Roberto Tento

    Ciaooo fra’ Ezio Pancrazio Vinciguerra…allora ci facevamo rispettare e si avevano i veri valori…onore e patria….adesso…tutto alle ortiche…”

  • Alberto Marco Gattoni

    Egregio
    Ezio Vinciguerra

    navigando in rete mi sono imbattuto nel Suo sito. Il Suo approccio a tutto tondo verso il mare mi piace molto e desideravo dirglielo.

    Buona giornata.

    Alberto Marco Gattoni

  • antonio corsi

    Ciao Ezio
    dopo il primo approccio dello scorso anno ripetremo la commovente esperienzia.
    Mi hanno informato che questa volta sarai presente anche tu.
    Un fraterno abbraccio
    Antonio

  • EZIO VINCIGUERRA

    Sarò presente se Lui vuole e ripeteremo e condivideremo nuovamente una bella esperienza,
    Un abbraccio presidente Corsi

  • Marinaio Telegrafista

    Buon pomeriggio buona serata e buon fine settimana
    a voi tutti amici/che del gruppo
    Marinai fra di mare di corso 71 e di scuole C.E.M.M. buon proseguo di navigazione

  • Carlo Luigi Crea

    Faro’ di tutto per essere Presente. Mi farebbe onore se qualche Garibaldino anni 1964/65 si farebbe riconoscere

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Carlo Luigi Crea anche questo emigrante di poppa sarà presente per omaggiare sia la figura di Papili che gli amici di A.N.M.I. STABIA che in questi anni mi sono stati vicini con particolare riferimento ad Antonio Cimmino.

  • Giancarlo Marras

    ho avuto l’onore di conoscerlo a Comdinav Due nel periodo 82-83, sul Duilio, poi TT.II. su Impavido, Intrepido e Lupo. Ricordo la prima cosa: Onestà e amore per il mare Marina e Patria!

  • EZIO VINCIGUERRA

    Sono certo che sarà una bella celebrazione questo 1° incontro dedicato all’ammiraglio. Per quanto di mia personale esperienza e se la memori a non m’inganna è la prima volta in assoluto che i marinai, di propria spontanea volontà, celebrino questo benvoluto Signore dei mari.

  • Domenico Vigliarolo

    Mi suona strano,io non ho mai conosciuto qualcuno che mi abbia parlato bene di lui,non ho mai avuto alcun rapporto personale ma sia quando era secondo sul Veneto che quando era a La Spezia con chiunque ne parlavo erano peste e corna.

  • Carlo Luigi Crea

    Ciao Domenico Vigliarolo essere rigoroso,specialmente con il COMPITO e la RESPONSABILITA’che aveva non significava non rispettarlo. Io personalmente lo Rispettato per la Sua Grande UMANITA? di UOMO.

  • EZIO VINCIGUERRA

    Carissimi, secondo me lui è stato uno coerente fino in fondo e malgrado le fosse apostrofato come cattivo e burbero (soprattutto da voci di corridoio di quel terzo piano che di nobile non ha niente e che noi conosciamo benissimo) ha frequentato la biblioteca di palazzo fino alla sua fine…e vi assicuro che come uomo di cultura si è divorato parte della Biblioteca centrale di Palazzo. Forse era rigido ma lo era più con se stesso che con gli altri.
    Un abbraccio a voi e ai vostri cari

  • Filippo Bassanelli

    Un grande uomo una mente da enciclopedia TRECCANI non gli sfuggiva nulla nonostante di quello che si dice perché non lo hanno conosciuto da marinaio e da uomo.

  • Pietro

    Buona sera a tutti……….anche se informale, un gruppo di “MARINAI”, (anch’io c’ero) lo scorso anno ha fatto visita alla tomba dell’ammiraglio e ricevuto dalla N.D. consorte …….. ha ospitato casa il gruppo stesso ed offerto un rinfresco…..quest’anno il gruppo ANMI di Castellammare vuole onorare la figura “dell’uomo di mare e di guerra”. Ringrazio il gruppo stabiese che la cerimonia fosse a conoscenza di tutti quelli che si sentono marinai. anche se son trascorsi alcuni (molti) anni da quando indossavano il solino ed hanno conosciuto l’ammiraglio Papili………saranno presenti alla lodevole iniziativa……..

  • Antonio Girardi

    Mr. mantella lo chiamavamo noi. Me lo ricordo quando alla Spezia arrivava di notte sottobordo con la sua mantella e i piantoni tremavano. Li erano arresti o licenza premio.

  • Carlo Luigi Crea

    Ciao Ezio Pancrazio Vinciguerra,certi amici allora non hanno visto davvero la vera DISCPLINA negli anni 63/65 sulle navi AMMIRAGLIATE.

  • EZIO VINCIGUERRA

    ciao Carlo e ciao a tutti, come dice Antonio oggi ci sono mantelle delegate e la disciplina, intesa come regole da rispettare, è per l’appunto delegata come posso dire con un termine moderno: sabappaltata capisc a mme 🙂

  • Franco Di Palma

    sono Orgoglioso di averLo conosciuto e apprezzato!! un vero capo, di esempio e guida, “incrociatore G.Garibaldi” anno 68/69..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *