Attualità,  Recensioni

L’India la più grande democrazia del mondo

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

L’India nel 2050 sarà il primo paese al mondo per popolazione e prodotto interno lordo, superando così la Cina che è invece destinata a raggiungere il primo posto per il prodotto interno lordo nel 2030, scavalcando quindi anche gli Stati Uniti.

L’India è più giovane della Cina, dell’Europa e naturalmente degli Stati Uniti.
Mentre questi paesi si avviano verso una fase di “stagnazione” per molteplici motivi, l’India che fin dalla nascita del 1947 è sempre stato democratico, o almeno risulta essere così, con i confinanti Cina e  Pakistan si pongono il problema di gestire la non facile dimensione militare e politica. Soprattutto  Cina e India che cercano di contendersi l’egemonia dell’Oceano Indiano in modo da controllare la maggior parte degli scambi commerciali soprattutto provenienti dall’area del vicino Oriente. Entrambi i due Paesi presentano un forte nazionalismo, alimentato in passato da chiare pulsioni anti-occidentali e anti-coloniali e gli stessi paesi, mezzo secolo fa, si scontrarono proprio nel tentativo di assumere la leadership del cosiddetto Terzo Mondo anche se, a dire il vero, l’India dopo la conquista dell’indipendenza del 1947, dopo il conflitto con la Cina del 1962, ha rafforzato i rapporti strategici con l’Unione Sovietica per bilanciare i rapporti che il tradizionale nemico di sempre, il Pakistan, aveva intavolato con gli Stati Uniti.

Dal 1974 l’India è dotata del nucleare e non ha sottoscritto i successivi trattai di non proliferazione tra Stati Uniti e Russia perché hanno sostenuto che ponessero un limite alla loro sovranità nazionale.

La sovranità nazionale dell’India è costituita in una Repubblica Federale che consta di 28 stati e 7 territori, accentuati da grandi differenze etniche, religiose,e linguistiche. La maggioranza della popolazione è di religione Indù (circa l’80%), di religione Musulmana (circa il 15%) e il resto di altre confessioni.
Politicamente sono due i partiti che da sempre si contendono la leadership: l’INC cioè il Congresso Nazionale Indiano di orientamento social-democratico di Sonia Gandhi e il BJP cioè il Partito Popolare Indiano di orientamento nazionalista e conservatore (a forte  maggioranza Indù). Per formare i governi entrambi gli schieramenti hanno bisogno dell’apporto di altri partiti (Comunista, Marxista, Buddista, Socialista filo musulmano ecc., circa una quarantina molti di cui a carattere regionale-territoriale). Si tratta quindi di un equilibrio delicato e difficile per la complessità di questa nazione emergente, che aspira alla leadership del Primo Mondo.
Il Wealth Report prevede che l’India, nel 2050, produrrà ricchezza per circa 86.000 miliardi di dollari contro gli 80.000 della Cina e i 39.000 degli Stati Uniti. In questa fase la Cina assumerà la leadership mondiale (si prevede intorno al 2030).
Oggi l’India è l’ottava potenza mondiale,coesiste in un rapporto forzato con Cina e Pakistan ed è senza dubbio la più grande democrazia del mondo, nel senso di più numerosa…

61 commenti

  • Claudio Morgese

    Certo Ezio, hai ragione è una democrazia, ma proprio per questo, per gli equilibri ed equilibrismi di cui noi italiani ben conosciamo la nefasta portata, il motivo per cui non si viene ad una ragionevole soluzione per i nostri due fucilieri, lì tenuti contro le leggi internazionali.

  • EZIO VINCIGUERRA

    Bingo Morgese “equilibri ed equilibrismi” mi piace, mi piace troppo e ci ricamo sopra. Grazie

  • Miccoli Marino

    L’India è l’ottava potenza mondiale e nella vicenda dei nostri Fucilieri si comporta con l’arroganza e il menefreghismo che contraddistingue simili colossi.
    L’Italia, nella classifica delle potenze mondiali, quale posto occupa?

  • Roberto Alfano

    Dissento dalla previsione futurologica. Se: 1. uno va in Cina ed India e non per turismo; 2. ci sta anni fra Loro vivendo; 3. osserva gli altri Paesi in cui questi 2 hanno investimenti e relazioni economiche; 4. tira le somme; DEDUCE il contrario: L’india e’ UN PAESE, sotto un Governo ed una bandiera, da pochi decenni. Ha un crogiolo di popoli all’interno, fra Loro antichi nemici, esattamente come la Jugoslavia. Hanno una spaccatura interna che si manifesta in TERRORISMO interno a livelli gravissimi: i Musulmani sono quasi tanti quanti gli Hindu, oggi, e crescono molto piu’ velocemente. Gli Hindu sanno che i Musulmani stanno cercando e riusciranno a sovrastarli numericamente ben prima del 2050.

  • Roberto Alfano

    Cina significa quasi l’esatto opposto di quanto precede. Sono “solo” 7000 anni che hanno un Governo unificato ed una bandiera. Non sono gli uni contro gli altri: sono “gregari” per natura e scelta. Hanno gia’ radicato economicamente attraverso mega-investimenti in gran parte del Mondo del 2012.

  • Roberto Alfano

    Il problema unico e vero dei cinesi e’ che il Mondo non e’ abbastanza grande per la Cina: 7 000 000 0000 – 1 350 000 000 cinesi = 5 650 000 000 di Clienti stranieri potenziali.

  • Roberto Alfano

    Da queste 2 realta’, Cina + India, totalizzanti 2 350 000 000 persone, ossia il 34 % dell’Umanita’, deve venire un avvertimento importante a noi Europei, ossia quelli che etnicamente, geneticamente, storicamente, religiosamente ed economicamente, sono uniti dalla relazione reciproca da almeno 200 000 anni. UNIRSI.

  • Salvatore Barracu

    democrazia in india , sarà utopia . sempre e solo caste ricchi e poveri non sarà un problema di religioni , chi ci rimetterà la pelle sarà sempre e solo la povera gente

  • Roberto Alfano

    L’Islam e’ un mero nazionalismo travestito sotto il candido mantello della: “Religione”. La crescita numerica intenzionale di una etnia all’interno di altra, ad essa storicamente estranea, sa lontano 1 miglio di: “KOSSOVARE finalita’ “.

  • Roberto Alfano

    Quando arrivano ad esser meta’, denunceranno non aver liberta’ di Religione e, come minimo, cercheranno di spaccare il Paese prendendo la parte piu’ grande. ALBANIA.

  • Roberto Alfano

    Inutile dire che in quel Nord Est dell’India ci ho vissuto e non vado per sentito dire.

  • Salvatore Barracu

    son stato in sosta più volte a bombay o mumbay vedere case di cartone sulle fogne a cielo aperto lascia chiara l’idea della radice democratica , solo utopia . e poi giri l’angolo e vedi le lussuose catene di alberghi . se questo è vivere democratico !

  • EZIO VINCIGUERRA

    -) Roberto carissimo, sono solo piccoli stimoli.
    Forrest Gump correva, correva e disse quella bellissima frase che suonava pressapoco così: “stupido fa chi stupido vuole”… penso che sia questa la differenza tra gli italiani e gli italioti. Siamo (sono…) ad un punto di non ritorno e continuiamo a far finta di niente. Concordo con te e con l’intelligenza di Confucio, Socrate, ecc. solo che loro erano diciamo puri e credevano. E noi?
    Noi siamo maestri e discepoli di noi stessi e lo sai il perché? Perché l’arte è infinita lo avevano compreso prima di tutti Dario 1° o il grande o come caspita si chiama lui,i gli egiziani, i cinesi, i babilonesi…e per l’ultimo le attuali religioni. Chissà nel futuro chi “assolderà” artisti e artigiani per dimostrare sempre di più quell’ingordigia, mista a grandezza e mania di onnipotenza, di chi ha soldi/potere e che possono solo comprare ma mai proporre perché gli manca qualcosa…per l’appunto l’arte. Noi per adesso in compenso abbiamo sviluppato l’arte… di arrangiarci.
    Io speriamo che me la cavo

  • EZIO VINCIGUERRA

    Don Gino Delogu carissimo infatti come direbbe un noto politico “che ci azzecca?”. E’ assurdo pensare che i due Frà sono l’ago della bilancia tra equilibri ed equilibrismi.

  • Graziella Sozzi

    Tutta la vostra conversazione, “mi piace”, ma non porta a nessuna soluzione del ns. problema ne a suggerimenti diplomatici, logico o furbi…….non c’è niente da suggerire se non questa estenuante attesa??

  • Roberto Tento

    Buon pomeriggio fra’ Ezio Pancrazio Vinciguerra, non commento, ci sarebbe da discutere per giorni interi,si parla di grande democrazia ma i 2 maro’ sono tenuti prigionieri illegalmente…finisco qui, buona navigazione fra’Ezio Pancrazio Vinciguerra

  • EZIO VINCIGUERRA

    🙂 è una buon suggerimento carissima Sole Nadia, chissà se qualche illuminato ti / ci ascolti seriamente e veramente.

  • Nadia Sole

    mah….sono come le tre scimmiette!!! ………………………..parolacce a piacere!!!

  • EZIO VINCIGUERRA

    🙂 già Sole Nadia, Carolina Latorre facciamoci forza fino alla sentenza fra “equilibri ed equilibrismi”…il politico nostrano direbbe ma Loro che ci azzeccano? E lo penso anch’io.

  • Graziella Sozzi

    Insomma Ezio, mi stai gentilmente suggerendo che stiamo assistendo ad uno spettacolo da circo…..con equilibristi e clawon……essenzialmente!!

  • EZIO VINCIGUERRA

    Purtroppo per Max e Toto e i parenti, i colleghi, gli amici ne soffrono terribilmente. Un noto politico nostrano direbbe che ci azzecca? Lo dico anch’io e mi aspetto un risposta in questa storia che un senso non ce l’ha.

  • Ciro Laccetto

    Nun esiste ! Sappiamo tutti che c’è un problema tra il Governo Centrale ed il Governo Maoista del Kerala. Se esntro il 10.10 la Suprema Corte In diana non decide sul da farsi so cavoli amari e allora la nostra Diplomazia dovrà alzare la voce e di brutto.

  • Fernando termentini

    @ Ciro hai perfettamente ragione ma alzare la voce dopo otto mesi la vedo dura. L’attesa, tu mi insegni, potrebbe aver lasciato segni difficili poi da cancellare repentinamente. Comunque incrociamo le dita !

  • Zia Pam

    Ah ezio se vuoi pubblicizzare il tuo scritto qui con i marò ci azzecca esattamente NULLA vai su una pagina di economia…

  • Graziella Sozzi

    Si, a qualcuno di Voi, dei quali ho seguito gli scritti in questa lunga vicenda ed attraverso le loro parole ed il loro interessamento costante e sentito ho potuto, anche se poco, percepirne l’anima e lo spirito, ritrovando in loro i sintomi degli uomini giusti ormai passati.

  • ezio

    🙂 Graziella Sozzi, io sono di una generazione dopo di quelli a cui ti riferisci e, fra di loro, c’è anche qualcuno che ha vissuto il conflitto. L’importante è, in questa non facile ed ingarbugliata situazione, far sentire che c’è gente, come noi, che ci tiene a riportare a casa i due Frà affinché innanzitutto possano abbracciare i familiari.
    Per quanto possibile cerchiamo di fare del nostro meglio affinché, come si suol dire, non si abbassi la guardia su questo delicato caso internazionale

  • Graziella Sozzi

    E’ vero Ezio, noi siamo come un turbine di vento che alza un po’ di sabbia nel deserto….ma siamo in movimento e quel turbine è tenuto d’occhio dai cammellieri….non si sa mai, potrebbe far nascere un Ghibli!!!!

  • Pierluigi Bozzardi

    un solo grido sgorga dai nostri” petti di ferro”— E ‘STI GRAN CAZZI!!!

  • Ferrante Torrini

    E’ passata un’altra settimana e…..niente di nuovo sotto il sole indiano. Siamo delle capre !

  • Francesco Miroddi

    Se fate ritornare a casa i nostri marinai ,vi autorizzo a rubare ancora un po’.

  • Enzo Boro

    Al di là del commento che ho postato il 20 set. che riconfermo, ritengo che per dare forza all’azione diplomatica che il Governo deve portare avanti rimane solo la pressione dell’opinione pubblica, condotta da molti con tenacia ed assiduità; il movimento organizzato troverebbe spazio nelle notizie dei mass media e darebbe risonanza anche all’estero. Un paese che non esprime con decisione lo sdegno per quello che sta accadendo a due connazionali per di più con le stellette mentre compivano il loro dovere, non merita attenzione e rispetto. L’opinione pubblica viene mobilitata più per i casi di sequestro all’estero di civili (con tutto il rispetto per quello che fanno) che operano con O.n.G. che per militari che adempiono al compito e che rappresentano in quel momento tutto il Paese. Un segnale da dare è quello di portare tante persone davanti all’Ambasciata dell’India a Roma con striscioni e cartelli, in modo pacifico e composto reclamando la libertà dei due Marò. Vedrete che la notizia sarebbe riportata su giornali e in TV e forse qualche risultato si raggiungerebbe.

  • Roberto De Angelis

    “Per altre centinaia d’anni il fiume scorrerà nel suo letto, comunque vada, nel gelo della notte, nella bufera o nell’afa che fa tacere gli animali e bestemmiare gli uomini. Comunque vada, ricordalo.”
    “E allora?”
    “Ecco vedi, non cambierà niente.”
    “Continuo a non capire.”
    “Presto capirai, perfino tu.”
    “Oh, mo basta, spiegati meglio, pirla!”
    “Te ne vai così, senza una parola, cosa credi…”
    “Vado? Dov’è che andrei?
    “Dimmelo tu, hai detto – ti lascio…-”
    “Oh no… stavo dicendo – ti lascio la cena nel forno – poi è caduta la linea. Perché, non l’hai trovata la cena?”
    “Veramente… io credevo…”
    “E cos’è sta storia del fiume, del viaggiatore?”
    “Non saprei… metafore.”
    “Metafore… lo vedi che sei un pirla?”
    “Detto da una strega è un complimento, marca le differenze.”

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao fratello Roberto de Angelis
    “L’uomo è un mistero. Un mistero che bisogna risolvere…Io studio questo mistero perchè voglio essere un uomo.”

    Fedor Dostoevskij

  • EZIO VINCIGUERRA

    Carissimi Amici, considerato i messaggi che ho ricevuto alcune ore fa da pseudo amici, vi prego gentilmente di dirmelo apertamente se vi da fastidio il fatto che inizi a pubblicare articoli di geo-politica miei e di alcuni di voi (che ritengo vitali). Ditelo chiaro.
    Io lo faccio con tanta educazione, rispetto e gentilezza, senza avere “grilli per la testa”… intelligenti pauca

  • Vincenzo Finizio

    continua !!!!!le tue notizie a me fanno piacere,c,è un detto che dice:non ti curar di loro ,guarda è vai avanti!!!!!!saluti ,buon lavoro.

  • Alessandro Massicci

    Mi associo ad altri che ti hanno detto continua..per me le tue notizie sono importanti e precise!!!

  • Marinaio di Sora

    Dalla nostre parti si dice : “Chi non accetta non merita” vale la pena di pensare a loro?

  • Roberta Ammiraglia88

    Mi sono un po’ stupita anch’io … rischi di camminare su campi minati. Mettere d’accordo tutti non è facile, in quella materia lì è ancora più difficile! Preparati a “correr dietro” a tutti e ai messaggi di gente stupida che invece di parlare per “comunicare”, parla per far caos e basta.
    In c*** alla balena!

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Roberta e ciao a tutti.
    Grazie.
    Sta facendo il giro del web con naturalmente pareri contrastanti.
    Sto meditando di continuare o lasciare questo tipo di navigazione che, come già hai sottolineato crea troppa tensione dialettica.
    Ti / vi abbraccio e ti / vi stringo forte forte al cuore.
    Ezio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *