La stella marina

a cura di Toty Donno

«Un giorno una tempesta terribile si abbattè sulla costa, scaraventando sulla riva migliaia e migliaia di stelle marine che restavano immobili e morivano sulla spiaggia. Tutti stavano a guardare esterrefatti e nessuno faceva niente. Tra la gente, tenuto per mano dal papà, c’era anche un bambino che fissava le piccole stelle di mare. All’improvviso lasciò la mano del padre, si chinò, ne raccolse tre e le riportò in acqua, poi corse indietro e ripetè la cosa… un uomo che era lì gli disse:
– “ci sono migliaia di stelle marine su questa spiaggia, non puoi salvarle tutte, e lo stesso succede su tante altre spiagge. Inutile, non puoi cambiare le cose”.
Il bambino si chinò a raccogliere un’altra stella e gettandola in acqua rispose:
– “Ho cambiato le cose per questa qui”.
L’uomo fece lo stesso… poi furono in quattro, poi in cento, poi migliaia di persone che buttavano stelle di mare in acqua.»

dal libro “Il seme di Nasiriyah. Giuseppe Coletta, il brigadiere dei bambini” – Lucia Bellaspiga

Questo articolo è stato pubblicato in Le parabole e ritratti di Toty Donno, Racconti, Recensioni. Permalink.

7 risposte a La stella marina

  1. E’ esattamente così che possiamo salvare il mondo noi adulti,seguendo l’esempio dei bambini e,non è una favola,abbiamo molto da imparare!

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Pietro Scognamiglio …sai che ti ho pensato nel pubblicarla. Un abbraccio

  3. Pietro Scognamiglio dice:

    Ciao Ezio,ti ringrazio..veramente efficace,proprio l’altro giorno pubblicavo questa foto: https://www.facebook.com/#!/photo.php?fbid=4275629860240&set=a.1111092908794.2017182.1571033417&type=1&

  4. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Qualcuno li chiama affinità elettive. Ciao Pietro e grazie
    🙂

  5. Toty Donno dice:

    Ciao Ezio…un abbraccio grande quanto un oceano ….hola

  6. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Toty Donno, a te invece un abbraccio grande come questo racconto.

  7. Gianni Indelicato dice:

    Ciao Ezio ti ringrazio di cuore per i tuoi post. Salutissimi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *