Attualità,  Che cos'è la Marina Militare?,  Curiosità,  Marinai,  Navi,  Racconti,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

La cortesia dell’equipaggio

di Roberta – ammiraglia88
http://www.ammiraglia88.it
http://www.mondovespucci.com

Ezio, caro marinaio con la voce che solca tutti i mari del mondo, ti voglio raccontare brevemente un fatto che mi è successo una volta a bordo del mio amato Vespucci. Vale la pena di raccontarlo per dirti quanto ho apprezzato la sensibilità delle persone di bordo, dell’equipaggio della Signora dei Mari, che so essere presente anche sulle altre belle navi della nostra Marina. E’ successo qualche anno fa, ma lo ricordo ancora benissimo per quanto mi ha colpito.

Il Vespucci era ormeggiato a Venezia. Mi sono recata appositamente in questa affascinante città per vederlo, con l’incertezza (ma tanta speranza) che fosse visitabile. Dopo un bel po’ di fila sono riuscita a salire, ma era tardi e da lì a poco sarebbe stato chiuso (l’attesa in fila era stata lunga!).
Ho iniziato il mio giro, ammirando tutta l’eleganza e l’ordine, la bellezza e il fascino, perdendomi in quel bel mondo dei velieri. Verso la fine del giro, invece di scendere subito, ho pensato bene di accomodarmi, osservare alberi, pennoni e vele serrate, e telefonare a casa ai miei genitori. Si aspettavano di sapere, appena possibile, se era visitabile ed ero riuscita a salire e poi volevo trasmettere l’emozione provata. Era anche una delle prime volte che riuscivo a mettere piede dopo tante ricerche per conoscere i suoi attracchi.
Ero assorta nella mia telefonata, immersa nell’atmosfera di bordo, e non mi ero accorta che davanti a me, a poca distanza, c’era un marinaio in divisa che mi stava guardando. Finita la telefonata si è avvicinato per dirmi che era ora di scendere, che le visite erano finite da un po’!
Ho guardato l’ora ed in effetti era tardi, ho dato una veloce occhiata intorno e … ero l’unica civile ancora a bordo! Una figuraccia! Io ero lì immersa nella mia felicità che stavo trasferendo via telefono, e lui non aveva voluto disturbarmi … o forse aveva già visto che ero “pazza per il Vespucci” e, come si sa, i matti vanno assecondati!
Mi ha fatto molto piacere questo fatto, lo ricordo ancora a distanza di anni; una gentilezza, una cortesia indimenticabile!
Anche del Palinuro ho un bel ricordo. Quella volta però non ho fatto una figuraccia simile! Il bel veliero ci ha salvate (io e una mia amica) da una bella doccia fredda ed abbondante. Eravamo al molo a Livorno, dopo averlo visitato eravamo scese per ammirare la partenza del Vespucci. All’improvviso è sopraggiunto un forte acquazzone, così siamo corse verso l’unico riparo disponibile … e il Palinuro ci ha accolte nuovamente a bordo dandoci riparo sotto il gran sceicco.
Un grazie va a questi fantastici equipaggi!

15 commenti

  • Roberta Ammiraglia88

    Andata e, ieri sera, tornata!
    Ti racconterò … ti preannuncio al volo che ho trovato un ufficiale “antipatico” (guardia all’entrata dell’Arsenale, credo fosse un carabinieri, può essere?) e uno cortesissimo, estremamente cortese all’esterno (marinaio!). Si conferma la cortesia degli “equipaggi”, e cioè dei marinai!

    Buon fine settimana.
    Ciao ciao

    Roberta

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Roberta, buona domenica.
    Non sempre, purtroppo, si ricevono le stesse attenzioni e io uso spesso dire:
    “La cortesia è contagiosa”.
    Non ci pensare, pensa a te, al tuo presente e al tuo futuro che ti auguro sempre pieno di soddisfazioni.
    Ti abbraccio/ti abbracciamo e ti stringo/stringiamo forte forte al cuore.
    Ezio

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Antonio Caputo come dice la nostra amica Roberta “la cortesia degli equipaggi”… ma in verità siamo rimasti in pochi!

  • Blusub Punto Blu

    ‎…non finiro ‘mai di stupirmi della stupidita’ della gente non ti curar degli altri Roberta

  • Salvatore Spoto

    Ti amo mare,forte e turbinoso, fratello della mia anima che nel sentimento cerca forza interiore e gioia di dare

  • Marinaio Telefonista

    sono nato in una città dove il cielo, il mare e il fuoco sembrano danzare insieme in onore della natura. Il ricordo del mare mi insegue e lo ricordo guardando il cielo, mentre il fuoco della Montagna è nel cuore.

  • Roberta - ammiraglia88

    Grazie Ezio!
    Posso rubarti un po’ di spazio e fare due precisazioni?

    1) I due fatti che ti/vi ho raccontato vogliono dimostrare la cortesia, che ho chiamato “degli equipaggi” per sottolineare che riguardano gli uomini della nostra Marina, che ho trovato in diversi “marinai” che ho incontrato sulla mia rotta … o meglio, a cui sono capitata sulla rotta! (poveri loro 🙂 ). I complimenti sono estesi perciò a gran parte dei marinai, non solo a quelli imbarcati!

    2) Il fatto dell’altro giorno, l’addetto scortese e l’ufficiale estremamente cortese, sono una nuova conferma. Il primo ci mancava poco che usasse il mitra, senza avermi dato nemmeno il tempo di parlare, nemmeno “buongiorno” mi ha lasciato dire! Il secondo, chiaramente un ufficiale di Marina … si sarebbe fatto in quattro per aiutarmi (ho solo chiesto se era possibile salutare un amico, un nostro amico, Davide che tu conosci bene).
    Una ulteriore precisazione, onde evitare equivoci, non ero in minigonna 😉 , non sono una ragazza che si nota, quindi … nessuno pensi male del marinaio! So che qualcuno magari pensa subito … no, di certo non voleva attaccare bottone con me! 😉 Si trattava semplicemente di cortesia!

    Evviva i marinai!

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Roberta, Ammiraglia e Signora d’altri tempi.
    Nelle circostanze più difficili non preoccuparti! Guarda a ciò che stai passando come una sfida che come un ostacolo, come un’opportunità per accrescere la tua forza e la tua pazienza. Perché le persone migliori sono quelle che, nonostante la lotta o la sconfitta, non si fanno cambiare in peggio. Mantieni la fiducia in te stessa e renditi conto che puoi cambiare il tuo atteggiamento, il modo di vedere le cose, anche se non è possibile cambiare le circostanze. Guardare da vicino i tuoi problemi. Non lasciarti sconfiggere da essi. Fai amicizia con loro e impara. Percepisci il potere che hanno su di te e controllalo. Consenti loro di insegnarti quello che hai bisogno di sapere e poi vai avanti… non aver paura.
    Perché ciò che non ti distrugge ti fortifica.

  • Roberta Ammiraglia88

    Stavo proprio pensando a te … incredibile!

    Bellissime le parole che mi hai scritto.
    Riprendo una frase per un breve commento:
    “Guarda a ciò che stai passando come una sfida che come un ostacolo”.
    Pensa, è proprio quello che ho fatto … dopo l’atteggiamento assurdo della guardia, vedendo arrivare l’uomo di Marina ero un po’ combattuta tra me e me, molto indecisa se chiedere o no … poi mi sono fatta forza e ho sfidato la mia timidezza (sapendo che di certo in viso ero bordeaux!) … quindi una sfida con me stessa per affrontare uno sconosciuto e chiedere una semplice informazione.
    Non mi sono pentita, anzi … pur bordeaux (e non ti dico come mi sentivo!) ho verificato quella mega cortesia che spesso ho incontrato, pur non conoscendo, pur non essendo conosciuta, ecc. … insomma: gentiluomini!

    A proposito, bellissima la foto del Palinuro e del Vespucci!

    Ti devo lasciare, mio caro marinaio, eeeeee … buon vento!
    Roberta

  • Giulia Gennaccari

    Ci si sceglie per farselo un pò in compagnia,questo viaggio in cui non si ripassa dal via, l’Amore conta…e conta gli anni a chi non è mai stato pronto,nessuno dice mai che sia facile e forse qualche dio non ha finito con te…

  • Roberta - ammiraglia88

    Ezio, ho segnalato le tue parole (quella bella “poesia” degli ostacoli) ad alcune mie colleghe e sono rimaste tutte colpite!
    Una in particolare, Lorenza, mi ha detto di farti i complimenti!

    Non ti nascondo che io mi sono commossa quando le ho lette!
    Ti rinnovo i complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *