Sogno e realta

a cura di Antonio Girardi

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Le vignette, Recensioni. Permalink.

34 risposte a Sogno e realta

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Antonio Girardi ti stai affinando sempre di più. Complimenti

  2. Antonio Girardi dice:

    Dipende dal tempo a disposizione e…. dalla voglia…! Poi cerco di seguire un po’ tutti e a volte non ce la faccio.

  3. Roberto Posati dice:

    E pensare che ora a bordo ci sono le donne….. come sono cambiati i tempi!!!

  4. Crea Carlo Luigi dice:

    Buon giorno Antonio Girardi

  5. Antonio Melis dice:

    Buon giorno Antonio ;

  6. Peppe Cicala dice:

    ‎:) Oggi la vignetta sarebbe simile. Al posto di quella sul pavimento immaginane una in carne e ossa…l’atteggiamento non cambia.

  7. Peppe Cicala dice:

    Il marinaio imbambolato come quello con la ramazza c’è sempre…

  8. EZIO VINCIGUERRA dice:

    ‎:-) mi piace

  9. Bruno V. Bardelli dice:

    Certo che la nostra è stata una generazione di “sfigati” in tutti i sensi….

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 hahahhahahhh Bruno …bellissima la tua fine ironia

  11. Peppe Cicala dice:

    ‎:) Bruno guarda l’altra faccia della medaglia…adesso non puoi più dire per esempio “accoppiata”…non si può dire “scopare per terra” ma ramazzare…rischi di prenderti una denuncia se va bene…

  12. Antonio Melis dice:

    Adesso anno il frettazzo , prima due scope e una radazza per uno e senza discutere :::

  13. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 ciao Peppe Cicala insomma non si può più parlare

  14. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Antonio, grazie.
    Oggi sarebbe un bel problema in quella posizione…

  15. LUIGI AGNETO dice:

    ‎ IL PROBLEMA POTREBBE ESSERE RIALZARSI O LA POSIZIONE E’ QUELLA PER ESSERE COLPITI DA MONTI?

  16. EZIO VINCIGUERRA dice:

    ‎:-) hahahhahhahhha Ciao Luigi Agneto effettivamente noi non eravamo messi in buona posizione allora ma adesso penso di concordare con te: non stiamo meglio!

  17. Peppe Cicala dice:

    ‎:) e questo è il minimo…boccaccia mia statte zitta…

  18. Peppe Cicala dice:

    ‎:) Infatti Ezio nessuno ha spiegato a quel marinaio che stare in quella posizione succedono gli incidenti…

  19. Antonio Melis dice:

    Veramente si Ezio , ai tempi passati era diverso ,però la vignetta e stupenda , Acqua passata è , Ciao frat …….. Ezio :=)

  20. Antonio Melis dice:

    Carissimi amici a me sembra che questa vignetta sia attualissima…non appena ti chini bisogna stare attenti ai montinari che non conoscono il mare ma il culatello si 🙂 hahahhhahhha

  21. LUIGI AGNETO dice:

    MESTISSIMA CONSOLAZIONE CARO EZIO.

  22. Antonio Melis dice:

    Non si sa mai dopo mesi in alto Mare !!!!

  23. EZIO VINCIGUERRA dice:

    ‎:-) hahhahha Capo Antonio Melis

  24. Vincenzo Grieco dice:

    Vi lascio un aforisma Le donne sono capaci di tutto, e gli uomini di tutto il resto.
    (H. de Regnier)

  25. Antonio Girardi dice:

    Beh, vedo che l’umorismo di marinaio è rimasto immutato. Comunque è vero, i tempi attuali non sarebbero compatibili con molte battute e con taluni comportamenti che, per noi marinai delle vecchie generazioni, rappresentavano momenti di goliardia con i quali si cercava di alleggerire il duro lavoro e anche i momenti di sconforto. Io comunque li ricordo con immenso piacere così come i bellissimi anni della gioventù marinara e non.

  26. Antonio Girardi dice:

    Grazie Ezio Pancrazio Vinciguerra! Vedo che l’umorismo dei colleghi è rimasto immutato e quindi credo che lo scopo di queste vignette è stato pienamente raggiunto. Beh, molte delle cose che noi vecchie generazioni abbiamo vissuto e, talvolta, subito non sarebbero accettabili e conciliabili con i tempi e le generazioni attuali.

  27. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Antonio Girardi…ancora la risata e la pernacchia non sono tassati e sanzionati, per fortuna.
    Mi hai fatto venire in mente una canzone di Gaber che elogiava la generazione precedente la nostra e profeticamente, come nelle sue liriche, ci ha azzeccato.

  28. Pasquale Valente dice:

    Condivido

  29. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Pasquale Valente, buona domenica e grazie anche a nome degli altri

  30. Pasquale Valente dice:

    è sempre un piacere tra ex marinai poi ahahahahahah
    🙂

  31. Bruno V. Bardelli dice:

    Sentite ragazzi smettiamola di prenderci per i ….fondelli. Allora io ero imbarcato su Nave PO e su queste Navi non erano imbarcati i “raccomandati e i figli di papà” (vedi il mio primo Natale pubblicato ne”La voce del Marinaio ” dell’amico Ezio Pancrazio). Erano imbarcati ragazzi normali e qualcuno aveva già avuto qualche piccolo problema con la giustizia. Vi racconto la mia personale esperienza: I cassetti erano sempre aperti e non è mai sparito niente a nessuno…. facevamo le docce insieme (open space) e se a qualcuno cadeva il sapone non c’era bisogno di aspettare la notte per raccoglierlo senza pericolo…Il brogliaccio a poppa …..sì quello dell’anticeltica ( profilassi per le malattie veneree) veniva ogni giorno ” di franchigia” regolarmente incrementato. Pertanto concludo affermando che a bordo c’erano sicuramente dei figli di puttana ( qualcuno) dei puttanieri=(molti ) …..ma culattoni (nessuno) . Con questa mia spiegazione non voglio offendere nessuno ma questa era la situazione fotografata nell’estate del 1966 su Nave PO

  32. Antonio Girardi dice:

    Ciao Bruno V. Bardelli! E’ vero quello che dici, ma allora più di adesso c’erano scherzi (anche pesanti). Non voglio smentirti ma qualcuno c’era (te lo dico per conoscenze dirette) solo che erano altri tempi e non lo si dimostrava ed era assolutamente vietato dai regolamenti. Per fortuna i tempi cambiano e la società pure.

  33. EZIO VINCIGUERRA dice:

    -) nel concordare con Bruno e Antonio sottolineo che ancora c’è da fare tanto. La marina attuale è lo specchio dei tempi e della società attuale, il vostro era il tempo della ricostruzione prima e del boom economico poi. Il nostro è stato prima un periodo di vacche grasse poi, con la caduta del muro, sono crollati le certezze degli ideali ed oggi? Boh!
    Pubblico mi avete stimolato

  34. Bruno V. Bardelli dice:

    Caro Ezio era quello che volevo. Ciao frà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *