Castellammare di Stabia 1860

a cura di Antonio Cimmino

C’era una volta, nel Regno delle due Sicilie, un arsenale…più precisamente a Castellammare di Stabia in provincia di Napoli che costruiva navi. E che navi!
I stabiesi, popolo di Santi, poeti e navigatori, erano fieri e si tramandavano, di padre in figlio, l’arte del comando. Oggi, alcuni comandanti sono senza lavoro, altri che si fanno chiamare comandanti demoliscono navi…


Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, C'era una volta un arsenale che costruiva navi, Navi, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

42 risposte a Castellammare di Stabia 1860

  1. Luigi Di Martino dice:

    Stiamo tutti aspettando che muoia???

  2. SALVATORE ESPOSITO dice:

    ‎…ED IO AGGIUNGEREI…SENZA FAR NIENTE !!!.

  3. Nello Graziuso dice:

    avete qualche idea per fare qualcosa?!?!?!?

  4. Antonio Mosca dice:

    ce ne sarebbero parecchie di idee…..

  5. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ripristinare art. 1 e art 4 della Costituzione e quindi ripristinare l’arsenale ai fasti di un tempo che fu.

  6. Luigi Di Martino dice:

    Le idee sono tante,perché tanti sono i problemi,che dovrebbero essere risolti solo da chi ama con tutto il cuore questa città,da benpensanti e persone competenti e Vi posso confermare che di Stabiesi doc capaci ce ne stanno parecchi! Senza distinzione di colore politico ed interessi privati!

  7. SALVATORE ESPOSITO dice:

    ‎…LA PRIMA IDEA,DOPO AVER CHIESTO AI POLITICI LOCALI DI NON CONTINUARE A PRENDERE PER I FONDELLI “I RESTI” DEI DIPENDENTI, E’… DIRE ALLA CITTA’ CHE L’AGONI’A STA PER FINIRE…CON LA DESTINAZIONE FUTURA DI STABIAE IN CITTA’ TURISTICA !!!.IN ALTERNATIVA AI CANTIERI,SECONDO IL MIO MODESTO PARERE,DOVREBBERO “SORGERE”…UN ACQUARIUM IMPORTANTE SUL TIPO DI QUELLO DI GENOVA + UN MUSEO NAVALE DI GRANDE PRESTIGIO + UN CASINO’ PER ATTRARRE GRANDI NAVI DA CROCIERA,ADEGUANDO IL PORTO ALLE NUOVE NECESSITA’ + COSTRUIRE UN MAXICINEMA ED ALBERGHI + ALLESTIRE UNA SCUOLA ALBERGHIERA E/O DI SOMMELIERES + TRASFORMARE TUTTA LA ZONA ANTICA IN BAD & BREAKFAST E RESIDENCES…E TANTE…TANTE ALTRE IDEE,COME GIA’ FATTE PERVENIRE AL SINDACO,ALL’AZIENDA TURISMO ED A TANTI AMICI.. DA REALIZZARE QUASI A COSTO ZERO CON INVESTIMENTI DI PRIVATI !!!.E SIATENE CERTI CHE I…”CONSOLATI” A C/MMARE SAREBBERO MOLTO…MA MOLTO DI PIU’ DI QUELLI PRESENTI NEL 1800 !!!

  8. EZIO VINCIGUERRA dice:

    nel concordare con i vostri commenti mi permetto di suggerire che un museo galleggiante con una nave in disarmo varata a Castellammare non sarebbe male. Chissà io penso al Vespucci quando andrà in disarmo…

  9. Rino Galise dice:

    ‎”Già la cenere cadeva sulle navi, tanto più calda e densa quanto più si approssimava; già della pomice e anche dei ciotoli anneriti, cotti e frantumati dal fuoco; poi ecco un inatteso bassofondo e la spiaggia ostruita da massi proiettati dal monte. Esita un momento, se doveva rientrare, ma poi al pilota che lo esorta a far ciò esclama:. Questi era a Stabiae…”
    E’ con queste parole che Plinio il giovane descrive in una lettera a Tacito, cosa accadde a suo zio Plinio il Vecchio che nel tentativo di prestare soccorso, alle migliaia di persone colpite dall’eruzione del Vesuvio, trovò la morte sulla spiaggia di Stabiae: “…il suo corpo fu trovato intatto e illeso, coperto dei panni che aveva indosso: l’aspetto più simile a un uomo che dorme, che ad un morto.”
    Anche Stabiae, così come le più note Pompei ed Ercolano, fu colpita dall’eruzione del 79 d.C., ed anche a Stabiae sono presenti resti di abitazioni romane.
    Sulla collina di Varano, a poche centinaia di metri dal centro di Castellammare di Stabia, sono state individuate decine di ville di epoca romana, di queste tre sono visitabili: Villa San Marco, Villa Arianna, Secondo Complesso.
    Si tratta di ville d’ozio, dove i proprietari non facevano assolutamente nulla e trascorrevano le giornate estive ad ammirare il panorama, mangiare e divertirsi con i loro amici ed invitati.
    Ma andiamo con ordine. Vi parlerò esclusivamente di Villa San Marco e Villa Arianna (il Secondo Complesso è annesso a quest’ultima).

  10. SALVATORE ESPOSITO dice:

    …CON QUESTI RACCONTI- DESCRIZIONI STORICHE DELL’ANTICA STABIAE…MI FATE VENIRE I BRIVIDI !!!.COMPLIMENTI A SIG.RINO GALISE CHE,DA COME SCRIVE,FA CAPIRE DI AMARE TANTO LA SUA CITTA’…ED ANCHE PER TALE RAGIONE PROMETTO A VOI TUTTI DI PUBBLICARE, SU QUESTA SPLENDIDA ED UTILE VETRINA MEDIATICA DI “FB”,TUTTE LE CIRCA 20 PROPOSTE PRESENTATE, COME GIA’ DETTO NEL MIO PRIMO COMMENTO,PER RIAVERE LA “STABIAE” TURISTICA TANTO DESIDERATA DA TUTTI E CHE POTREBBE RISOLVERE IL PROBLEMA OCCUPAZIONALE DI CASTELLAMMARE E DEI COMUNI LIMITROFI !!!. A PRESTO !!!.

  11. Roberto Tento dice:

    Ceo fra’ EZIO e’ la differenza fra giustizia civile e qella militare, questo debosciato messo in galera e buttata la chiave, purteoppo siamo in italia, vediamo il caso maro’

  12. Ornella Aimone dice:

    E così se ne sta bello e tranquillo…ma ci credete voi che la scatola nera era in avaria già 4 giorni prima del naufragio??!! Che saranno mai 30 morti?…niente…

  13. Gabriele De Meglio dice:

    Quel vigliacco deve ringraziare che non vige la legge di guerra…., altrimenti l’avrebbero impiccato al pennone più alto della Vespucci…

  14. Marco Mattei dice:

    Vedo con rammarico che certi Italiani che invocano la legge e la giustizia poco la conoscono o la ricordano. La condanna e quindi l ‘eventuale pena si sconta SOLO DOPO AVER SUBITO UN PROCESSO. Sia ben chiaro, io a questo tizio non gli farei guidare più neanche un pattino a remi, ma non trovo giusto che la stampa faccia percepire la scarcerazione in attesa di giudizio come una liberazione, e vedo che molti cadono in questo tranello. Tranquilli, avrà il giusto processo e la giusta pena. Io mi preoccuperei di più di quei tizi che fanno di tutto per smembrare la magistratura. Quelli si che sono delinquenti impuniti.
    Sig.ra Ornella, lei ci starebbe “bella e tranquilla” in attesa di un processo per omicidio colposo plurimo aggravato ? Sig.re Gabriele la legge di guerra comunque prevedeva un processo o mi sbaglio? Invece che ergersi a giudici e carnefici, pensiamo a difendere la giustizia a difendere chi vuole davvero farla funzionare, e a difenderci da chi la vuole solo svuotare.

  15. Marilena De Iuliis dice:

    ma siamo sicuri ke le cose siano andate veramente come ci sono state raccontate? a me sembra tutto molto facile….c’è qualcosa di grosso sotto ke deve rimanere celato

  16. Marco Mattei dice:

    Può darsi, e a questo che servono i processi.

  17. Marcello Cataliotti dice:

    AGI) – Roma, 5 lug. – “Ogni mia pena e rammarico sono in minima parte alleviati dalla consapevolezza di avere evitato, virando, una strage
    ‎???????????????…evitato una strage?ma perchè,c’è un “minumo” di vittime, mettiami per esempio 31,perchè si chiami strage?!

  18. Francesco Montanariello dice:

    Va a comandare Nave Montecitorio.

  19. Roberto Caiulo dice:

    schettino mi sembra un uomo che vaneggia.cosa voleva che si fosse messa una croce sulla costa crociera per tutta quella gente per dichiarare che c’e stata una strage??? in questo periodo abbiamo ascoltato un uomo che di dignita’ marinara e di comando di una nave (non ci sarebbe d’affidare nemmeno un canotto).

  20. Ornella Aimone dice:

    Devo riconoscere sig. Marco Mattei che su molti argomenti lei ha ragione. Purtroppo, dal di fuori, noi cittadini siamo sempre molto prevenuti e invochiamo una pena esemplare. Attenderemo il processo. Cmq la ringrazio di avermi stimolata a ragionare sulla realtà.

  21. Marco Mattei dice:

    Sig.ra Ornella non avevo dubbi e mi creda la capisco benissimo. Anzi approfitto, qualora non lo avesse ancora fatto, per suggerirLe l’iscrizione a questo gruppo. Dopo 21 anni attendiamo ancora giustizia. http://www.facebook.com/groups/mobyprince/

  22. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ancora uno sputo in faccia, l’ennesimo, ai familiari e cittadini onesti di questo italico suolo.
    Marco Mattei noi non dimentichiamo.

  23. Roberto Caiulo dice:

    sentire le l notizie della televisione quasi non e’ successo nulla non pesa su nessuno quella povere vittime che ci sono state e quei familiari che non hanno piu’ i loro cari.che schettino abbia il coraggio di parlare con quelle famiglie e che abbia il coraggio di affermare che ha evitato il peggio.un codardo che ha abbandonato la sua nave e le persone che sono rimaste a bordo.altri marinai sono andati a fondo con la loro nave per un senso di dovere-vergogna ,vergogna per il comandante schettino…………….comandante di cosa???????????????

  24. Francesco Montanariello dice:

    Se fosse stata una Militare, chi sa come sarebbe stato.-

  25. Pino Bellossi dice:

    Dirò di più: avete notato la cura con cui tutti i giornalisti evitano di parlare delle vittime? Il nostro che, da parte sua, ha cominciato la sceneggiata conosciute tipo “Mi ha guidato la mano di Dio…” e così via. Anche questa volta dovremo cancellare i ricordi di una strage?

  26. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Carissimi amici mi ripeto è uno sputo in faccia, l’ennesimo, ai familiari e cittadini onesti di questo italico suolo.
    C’è puzza di complotto

  27. Sergio Corvino dice:

    ,,, è disgustoso quanto sta accadendo a questo umile servitore dello Stato ,,, Pensare che danno un vitalizio di 3000 euro netti ai deputati e senatori che hanno fatto solo una legislatura ,,, VERGOGNA !!!

  28. Bruno Caleffi dice:

    ECCO QUESTA’ E’ L’ITALIA ATTUALE. BELLA VERO???. SIAMO RIDOTTI MALE. POVERI NOI.

  29. Antonio Girardi dice:

    a me sembra che l’Italia è così da un bel pò di anni, grazie a una classe politica/dirigenziale totalmente incapace e dedita esclusivamente alla tutela dei propri interessi e delle loro future generazioni. Anche oggi, in presenza di una situazione di grave crisi economica, essi tendono a salvaguardare i loro privilegi scaricando sempre e comunque i sacrifici sui meno abbienti. Vergogna!!!

  30. mauro munari dice:

    aro Ezio…sono estremamente preoccupato….ennesimamente preoccupato….tristemente preoccupato…..perchè ciò sarebbe inammissibile…come la storia per come ci è stata raccontata!!!

  31. EZIO VINCIGUERRA dice:

    ‎:-( non riesco più a comprendere

  32. Giovanni Bellomo dice:

    ci nascondono le cose:questa è la triste verità

  33. Domenico Vigliarolo dice:

    Quanto nostalgico orgoglio e quanta rabbia nell’ultima parte del commento.

  34. Francesca Tuccillo dice:

    non ho parole

  35. Antonio Barzagli dice:

    Forse è vero ma forse è più logico pensare che la giustizia vera non è in questa terra, ma nella coscienza delle persone oneste.

  36. Marino Miccoli dice:

    Che sia un Comandante di una nave della Marina Mercantile o della Marina Militare, a mio avviso non cambia nulla nel fatto che IL COMANDANTE E’ SEMPRE L’ULTIMO AD ABBANDONARE LA NAVE QUANDO QUESTA STA PER AFFONDARE.
    Se non si comporta in tal modo è perchè si tratta di un vigliacco.

  37. Lidia Bellavia dice:

    Buongiorno a tutti il mio pensiero oggi è: BUON W.E. La verità è sempre scomoda, per questo molti scelgono la menzogna.
    Sono le parole di questo link”! La verità va sempre affrontata e detta, saranno gli altri poi, ad accettarla ,ma per noi è fatalmente ingiusto rinnegarla, qualunque essa sia”!La menzogna , detestabile scappatoia, chi mente commette l’atto più vile ” e personalmente non sono capace di credere ancora”! “potrebbe esserci la “bugia innocente”, poi, sdrammatizzata e commentata da un sorriso”, ma la menzogna no, “è grave e imperdonabile, la menzogna “è ragionata, organizzata, curata , mai sinonimo di lealtà”!L.B.

  38. mauro munari dice:

    Quibus sunt verba sine penu et pecunia (Plauto)
    Pieni di parole, ma privi di patrimonio e di soldi
    ….esattamente come noi!!!!

  39. mauro munari dice:

    La legge è fatta esclusivamente per lo sfruttamento di coloro che non la capiscono, o ai quali la brutale necessità non permette di rispettarla.

  40. Stefano Mazzei dice:

    Grazie Ezio del bel pensiero [:)]

  41. anna dice:

    In Italia la giustizia è solo una parola senza significato.La maggior parte delle volte la giustizia penalizza il più debole.cosa fare se non prendere coscienza e lottare insieme senza distinzione di ceto sociale o credo politico.se non per noi per i nostri figli

  42. Giuseppe ORLANDO dice:

    ,,,,sono brevissimo – la globalizzazione senza le regole ha rovinato tutti. Le regole sono: pari diritti per tutti i lavoratori facenti parte dell’Europa unita – così non converrebbe a nessuno traslocare le aziende all’estero. E’ QUESTO CHE DOBBIAMO PRETENDERE DAI PSEUDI POLITICI SOLO CHE ORMAI LE DECISIONI SI PRENDONO ALTROVE SENZA CONSENSO DEL POPOLO SOVRANO, CI STANNO PIANO PIANO STRINGENDO LA GOLA – ALLORA CHE FARE? LA RISPOSTA VA DA SE’. Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *