Calabria (Rino Gaetano)

Rino Gaetano, un ragazzo del Sud che con la sola arma della poesia, dell’ironia,  tentava di contrastare i razzismi, le guerre, la solitudine e tante altre contraddizioni di una società malata. La nostra.
E amava la sua Calabria…

Ad esempio a me piace rubare le pere mature sui rami se ho fame e quando bevo sono pronto a pagare l’acqua, che in quella terra è più del pane.
Camminare con quel contadino che forse fa la stessa mia strada, parlare dell’uva, parlare del vino che ancora è un lusso per lui che lo fa. Ad esempio a me piace, per gioco, tirar dei calci a una zolla di terra passarla a dei bimbi che intorno al fuoco cantano giocano e fanno la guerra. Poi mi piace scoprire lontano il mare se il cielo è all’imbrunire. Seguire la luce di alcune lampare e raggiunta la spiaggia mi piace dormire…
(Rino Gaetano)

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Marinai, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Un mare di amici. Permalink.

13 risposte a Calabria (Rino Gaetano)

  1. ELENA SIMONCINI dice:

    Avere una certa età …
    Cosa cambia … come ci cambia …

  2. Gianni Gangemi dice:

    La natura ti dà la faccia che hai a vent’anni;
    è compito tuo meritarti quella che avrai a cinquant’anni.
    Coco Chanel

  3. Pino Bellossi dice:

    Quando ero giovane, mi è stato detto: “Vedrai quando avrai cinquant’anni.”
    Ho cinquant’anni, e non ho visto nulla.
    Erik Satie

  4. Paolo Francavilla dice:

    Oh, solcare il mare sopra un vascello! Abbandonare questa intollerabile terraferma, lasciare la stucchevole identità delle strade, i marciapiedi, le case. Lasciarti, solida terra immobile, e salire sul vascello, per navigare, per navigare sempre! Oh, fare ormai della propria vita un poema di gaudi novelli! Danzare, battere le mani, esultare, urlare, saltare, balzare, rullare sempre, sempre fluttuare. Essere un marinaio del mondo, che salpa verso tutti i porti. Essere un vascello (guardate infatti le vele che al sole spiego e al vento), un vascello che gonfia veloce le vele, ed è colmo di ricche parole, colmo di gaudi.
    (Walt Whitman – Un canto di gaudi)

  5. Salvatore Spoto dice:

    L’amore è un concetto troppo spesso travisato, banalizzato, sessualizzato. E’ un grande brillante dai riflessi cangianti, perchè numerose sono le sue sfaccettature: dall’amore materno, all’amore per una donna o un uomo, all’amore per il mondo. Eppure il vero profondo senso dell’amore non sta nelle parole, ma nell’impegno, con il cuore e con la mente. Nulla è più prezioso di chi si ama. Amare significa donare.

  6. Rossana Fedele dice:

    Concetto bellissimo, se si capisse che l’amore è dare, perchè anche nel dare c’è gioia, quando si da amore si riceve sempre, forse molte unioni non fallirebbero e si godrebbe di quello che si riceve come un dono. Buona giornata

  7. MICIO DI PAOLA dice:

    quando si ha in mente una meta non importa pensare a quanto devi navigare … l’ importante e poterla vedere finalmente all’orizzonte ed aprire le vele per raggiungerla

  8. Gigi Fois dice:

    Uno dei migliori..

  9. Di Benedetto Emanuele dice:

    CIAO A TE

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Sicuramente uno che ci ha creduto anche se i discografari hanno fatto di tutto per cambiare il suo modo di esprimersi

  11. Carmela Picheca dice:

    Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.
    Seneca

  12. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Carmela Picheca questo Seneca doveva essere uno che vedeva e leggeva i meandri dell’anima.
    Non è l’esperienza che determina il nostro modo di vivere la vita, ma la nostra assimilazione, il nostro “apprendimento dei sentimenti”…

  13. Stefano Mazzei dice:

    Grazie Ezio del bel pensiero [:)]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *