Attualità,  Che cos'è la Marina Militare?,  Marinai,  Poesie,  Recensioni

Preghiera a Santa Barbara

di Marco Ximenes

Là, dove il sole bacia il mar turchino
e sotto il segno Tuo la Nave va,
proteggi il Marinaio e il suo cammino,
donagli pace, se pace ancor non ha.

Mentre rabbioso infuria l’uragano
e l’onda cupa rende il mare infido,
tendi potente e forte la Tua mano,
guida ogni prora al sospirato lido.

E, quando salvi in porto, con ardore,
prostrati ai piedi del divino Altare,
invocherem con Te nostro Signore
che vegli su i suoi figli in armi in mare.

Si narra che Barbara di Nicomedia in Bitinia fu rinchiusa in una torre e poi condotta al martirio per la sua indomata fede cristiana osteggiata dal padre pagano Dioscoro, che “al quattro del mese di dicembre, regnante Massimiano imperatore, ed essendo preside Marziano…” (circa nel 288 d.C.), fu incenerito da una fulmine celeste, simbolo della morte immediata senza la possibilità di redimersi.
Ella fu prescelta perché rappresenta la serenità del sacrificio di fronte al pericolo senza possibilità di evitarlo, e fu eletta a patrona “di coloro che si trovano in pericolo di morte improvvisa”. Infatti, la martire, nell’imminenza del supremo sacrificio, pregò Gesù: “… tu che tendesti i cieli e fondasti la terra e rinchiudesti gli abissi, il quale comandasti ai nuvoli che piovessero sovra i buoni e sovra i rei, andasti sopra il mare e riprendesti il tempestoso vento, al quale tutte le cose obbediscono, esaudisci per la tua misericordia infinita la orazione della tua ancilla… Pregoti Signore mio Gesù, se alcuna persona a tua laude farà memoria di me e del mio martirio,… mandali grazia per tua misericordia”…
A seguito del Breve Pontificio di Pio XII del 4-12-1951 di proclamazione solenne a Celeste Patrona, ogni 4 dicembre gli uomini della Marina Militare e quanti operano per essa, nel ritrovarsi con le comuni origini e valori, festeggiano solennemente e degnamente la loro Santa Patrona.
Perchè Patrona dei Marinai?
Quando sulle Navi si pose per necessità di guerra la polvere da sparo, il deposito di essa fu chiamato “Santa Barbara”. Era come invocare aiuto e protezione dalla giovane che Dio sostenne nella fede e vendicò in maniera così evidente. Quindi S. Barbara, consacrata dalle tradizioni e dalla devozione, potrettrice nostra nei pericoli del mare, del fuoco, delle tempeste, in pace e in guerra, è esempio di costanza nelle fede e di ubbidienza a Dio e di certezza della vittoria sul male.

Visita il sito dell’autore
www.sal68vo.jimdo.com

21 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *