Attualità,  Racconti,  Sociale e Solidarietà

Noi gabbiani

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

È buffo. Quei gabbiani che non hanno una meta ideale e che viaggiano solo per viaggiare, non arrivano da nessuna parte, e vanno piano. Quelli invece che aspirano alla perfezione, anche senza intraprendere alcun viaggio, arrivano dovunque, e in un baleno.
(Carmela Picheca)

Siamo uccelli che sappiamo adattarci più di ogni altro al clima che ci ospita. Nell’italico suolo, per esempio, ci potete trovare in ogni stagione e spesso e volentieri ci spingiamo, come emigranti di poppa, anche verso le città dove industriali senza scrupolo ci nutrono di spazzatura.
Possediamo un volo agile e sostenuto, ci posiamo nell’acqua ma non siamo dei veri e propri nuotatori e rarissimamente ci tuffiamo per pescare. Ci nutriamo prevalentemente di pesci e crostacei ma anche di quei rifiuti dell’animo umano: i sette peccati capitali dell’uomo che puntualmente gli  defechiamo  in testa quando meno se lo aspettano.
Nidifichiamo in gruppo, generalmente nelle zone paludose e rivierasche e ritorniamo sempre vicino alle prole per quel desiderio di continuità e di  conservazione della nostra specie che non ci abbandona mai.
Siamo stati per lungo tempo, e lo siamo tutt’ora, al centro delle attenzioni di molti studiosi di psiche che ci ritengono molto più aggressivi di altri loro simili solo perché possediamo un becco ricurvo e non ci facciamo intimorire per il semplice motivo che  mettiamo proprio quel becco adunco in tutto quello che facciamo. Abbiamo piedi palmati e ali lunghe e appuntite che ci permettono di andare dove nessuno potrà mai arrivare, la libertà.

37 commenti

  • Marino Miccoli

    Il gabbiano ha parlato di sè stesso in questo oroiginale articolo che mi ha fatto ricordare un fatto. Tra i pescatori circola una leggenda riguardante l’ALBATROS, che è un parente stretto del gabbiano, ed è questa: i vecchi lupi di mare raccontano che in ogni albatros si è incarnata l’anima di un Marinaio disperso in mare.Per questo l’albatros intraprende lunghe trasvolate e affronta impavido marosi e tempeste; ha il coraggio di chi sul mare è sempre vissuto e ne è diventato parte integrante.

  • MASSIMO LIOI

    Ciao fratello, ti ringrazio del bellissimo omaggio ai marinai incarnati nei gabbiani. Un abbraccio massimo

  • Leonardo Colamonici

    Grazie per le bellissime parole sei e sarai per sempre una bravissima persona ciao a presto

  • Giovanna Cancellieri

    Carissimo Ezio,
    conosco i marinai…..ne ho sposato uno e ” catanese ” figu rati….pero’ ama la musica come me (e’ un batterista) e questo ci fortifica tantissimo….

  • Romano Caldarelli

    Caro Ezio, tu pensi troppo in alto….
    non pensare a loro e a chi che non merita nulla…. ciao

  • Angela Di Stefano

    a proposito di amicizia … questo è per tutti coloro che sono su questo blog
    Mi piace leggere di voi … notizie buone e cattive … momenti felici e bui della vostra esistenza. Amo le immagini e gli articoli.
    Grazie mille per essere una parte della mia vita, anche se non parliamo regolarmente, siete nei miei pensieri …

  • EZIO VINCIGUERRA

    Grazie Paolo a tutti e grazie Antonella Stella …postato proprio adesso. Un abbraccio

  • Carmela Picheca

    Il marinaio è capace di affrontare le avversità atmosferiche fin quasi a trasformarle in eventi positivi, ma poichè ha un gran cuore, non c’è nulla che possa alterarlo………………….BUONGIORNO A TUTTI..

  • EZIO VINCIGUERRA

    ‎:-)
    grazie Antonella, poetessa del mare sei troppa buona. Grazie.
    Io continuo a dire che anche tu non scherzi: hai tanto sale in quel grande cocomero e quindi anche tanto mare e tanto amore.

  • Giusi Contrafatto

    nutrire il bene individuale è fine a se stesso è povero. . . nutrire il bene comune rende tutti felici e uniti alimenta il mondo d’amore.
    Ciao Eziooo

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Lea Putignani. Grazie io l’ho sperimentato in me e a giudicare dai commenti non siamo i soli a pensarla come i gabbiani.
    Un abbraccio a tutti…i gabbiani!

  • Tonino Traisci

    Sei gentilissimo e ti ringrazio di cuore.
    Un caro saluto Antonio ( Tonino ) Traisci

  • Giuseppe Ricchiuto

    un vero marinaio super sempre gli ostacoli della vita.
    faccio un augurio a questo gruppo e speriamo che ci siano tanti amici e marinai.
    viva la marina militare italiana.

  • EZIO VINCIGUERRA

    ‎;-) ciao Giuseppe Ricchiuto. Grazie per avere lasciato questa bellissima scia del tuo passaggio.
    Una volta marinai, marinai per sempre!

  • Nicola Luppino

    Nicola Luppino

    Caro Vinciguerra, grazie di cuore. A te e a tutti i “vecchi” marinai un abbraccio affettuoso e solidale. Nicola Luppino

  • Pietro Serrani

    E’ come un marinaio che crede che al di là dell’orizzonte ci sia un porto o come un naufrago che crede e spera di trovare un approdo.

  • Vincenzo Scarinci

    Bravo Ezio, io sono della stessa pasta, con qualche annetto di più e……se potessi avere trent’anni in meno…..libero….. da tutto e tutti….. sarebbe infelice chi mi potrebbe ritrovar sul suo cammino! “Non arrenderti mai e meglio un giorno da leone che cento da pecora!”

  • Sara Stellina

    Ciao Ezio, ti ringrazio molto le tue parole sono bellissime. Buona pasqua in ritardo, spero tu l’abbia passata bene.
    Sara

  • Toty Donno

    Toty Donno

    HO IMPARATO…
    Ho imparato che crescere non significa solo fare l’anniversario… … E finalmente ho appreso… che non si può morire per imparare a vivere!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *