Gli 80 anni della nave-scuola Amerigo Vespucci a Castellamare di Stabia

di Nello Gaudino

Tutto pronto in città per i festeggiamenti dedicati agli ottanta anni dell’Amerigo Vespucci, nave scuola degli Allievi ufficiali della Marina Militare Italiana costruita nel 1931 nel Cantiere navale di Castellammare di Stabia.
“Siamo impegnati da giorni nell’organizzazione di questo evento speciale”, ha commentato l’assessore alla Cultura e al turismo, Antonio Coppola. “Unitamente al sindaco Luigi Bobbio intendo ringraziare il comandante della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia, Giuseppe Menna per il forte impegno profuso, e quanti – a tutti i livelli – stanno dando una mano per trasformare quest’evento in una festa cittadina”.
“La crisi lavorativa che in questi mesi sta interessando la nostra città e in particolare le maestranze del sito Fincantieri, i nipoti – in pratica – dei maestri d’ascia che, costruirono l´Amerigo Vespucci, un prodigio che tutto il mondo ci invidia ancora oggi, diventato lustro e vanto della Marina Militare Italiana, non ci deve far dimenticare che Castellammare di Stabia è una città forte, che vuole produrre, e che non intende abdicare al proprio glorioso passato. L’arrivo della nave scuola più famosa al mondo sia di buon auspicio per la risoluzione di questi problemi”.
“Il ritorno dell’Amerigo Vespucci cade anche nell’anno in cui si celebrano i centocinquanta anni dell´Unità d´Italia: 80 e 150 sono dunque i numeri che rappresenteranno un momento di aggregazione e festeggiamento non solo per la storica Unità Navale della Marina Militare, ma anche per l’intera città. Un altro momento unico e di forte impatto patriottico è rappresentato dalla sfilata, il giorno 14 settembre, per le strade cittadine della fanfara della Brigata Garibaldi, guidata dal generale, Antonio Vittiglio, un altro figlio di Castellammare di Stabia”, ha concluso Coppola.
In vista della “due giorni”, è stato predisposto un apposito piano di controllo del territorio: le attività di coordinamento delle forze dell´ordine sono a cura del Comandante della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia, Giuseppe Menna. I militari dell’Arma dei carabinieri, guidati dal capitano Gennaro Cassese, la Polizia di Stato, guidata dal dott. Ferdinando Rossi, e la Guardia di Finanza, guidata dal capitano Girolamo Franchetti, la polizia municipale, guidata dal comandante Antonio Vecchione, saranno tutti schierati per accogliere la popolazione che si stringerà attorno ad uno dei Monumenti della “Stabiesità”.

Ecco il programma:

13 settembre 2011
– ore 09.00 Attracco nel Porto di Castellammare di Stabia della nave scuola “Amerigo Vespucci”;
– ore11.30 Il capitano di vascello, Paolo Giacomo Reale, farà visita a Palazzo Farnese per il saluto al sindaco di Castellammare di Stabia, on. Luigi Bobbio;
– dalle ore 15.00 alle 19.00 e dalle ore 20.00 alle 22.30 sarà possibile visitare la nave, attraverso l’accesso pedonale del varco d’ingresso del porto di Castellammare di Stabia.

14 settembre 2011
dalle 11.00 alle 14.00 la fanfara dei Bersaglieri sfilerà per le strade della Città.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Navi, Recensioni, Storia, Velieri. Permalink.

17 risposte a Gli 80 anni della nave-scuola Amerigo Vespucci a Castellamare di Stabia

  1. Giuseppe Pantile dice:

    Questa musica la si può ballare o a quadriglia o polka saltellata.
    Godetevi anche la splendida immagine.

  2. Pasquale Mastrangelo dice:

    Se dicessi che sono rimasto indifferente nel vedere le “nostre” navi solcare il mare ed i loro “baffi di prora”, mentirei spudoratamente: Mi sembrava di sentire nelle narici l’odore aspro del mare quando al mattino si saliva sul ponte di volo per sgranchire le gambe! Si, non mi vergogno: è nostalgia delle VIPE, delle esercitazioni, delle uscite in mare quando le parole “straordinario, recupero compensativo ecc. ” erano solo una parola non ancora inserita nel vocabolario di italiano.

  3. LIUZZI CATALDO dice:

    Quando piccolo dormivo dai nonni a P.zza Maria Immacolata non mi addormentavo se non sentivo la marcetta della ……ritirata!!!!

  4. Giuseppe Pantile dice:

    Io ne sono stato sempre affascinato, tantè vero che a 16 anni mi arruolai e ci sono rimasto x 26 anni.

  5. Marcello Bartali dice:

    … ben detto frà

  6. Maurizio Andriani dice:

    Grazie per il pensiero. Ciao da Alvito (FR)

  7. Alessandro Buzzoni dice:

    Grazie di ♥

  8. Pietro Rossi dice:

    Tutti siamo orgogliosi di questa bella nave………buona domenica a tutti!

  9. Toh! Guarda chi si vede!
    Ciao Ezio, ma che bell’articolo … come sempre!

    Bel programma. Sono certa che i festeggiamenti faranno certamente onore alla Regina dei Mari.

    Buon vento Vespucci e buon vento Ezio!
    Roberta

  10. Tony Piccolo dice:

    GRAZIE PER LA BELLISSIMA RECENSIONE E IMMAGINE ONORE ALLA MARINA MILITARE!!!!

  11. Michele Di Liberto dice:

    onore e patria per la marina militare

  12. ezio vinciguerra dice:

    ‎:-)

    mi piace Patria e Onore

  13. Salvatore Pilloni dice:

    visitata alcune volte…

  14. Pietro Rossi dice:

    io………..ci sono stato a bordo……….anche se solo per un paio d’ore….

  15. MEMOLI VINCENZO dice:

    sono stato imbarcato nel 59/60 facevo parte del 3°/4° reparto ed ero capo impianto

  16. Carla Campea dice:

    Salve mi presento sono Carla Campea designer anelli militari ,ho gia realizzato anelli della marina San Marco sommergibilisti e lagunari xmas ,se vorreste creare un anello commemorativo degli 80 anni Dell Amerigo vespucci ne sarei lieta di progettarlo in forma gratuita.Distinti saluti Carla C.designer http://www.anellimilitari.it tl.3397207103

  17. Raffaele Bonfili dice:

    Caro Ezio,
    Se mi fosse possibile dedicherei ogni mio sforzo a sostegno delle imbarcazioni storiche, non soltanto il cantiere delle navi antiche di Pisa, al fine di vedere riconosciuto, al veliero più bello al mondo, Nave Amerigo Vespucci, Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Dovremmo convincere mamma Marina a voler avanzare all’UNESCO la domanda per il suo riconoscimento in quanto Nave di straordinaria importanza nel contesto della storia e del patrimonio marittimo. Sarebbe un atto di forte senso civico e di grande importanza per tutti coloro che amano e difendono le ricchezze dell’Italia.
    Considerato che l’Unesco (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) abbia preso la decisione di nominare la “dieta mediterranea” patrimonio immateriale dell’Umanità, in quanto la nostra cucina mediterranea è conosciuta a livello globale, in tutto il mondo gli spaghetti si associano immediatamente alla pasta italiana. Quindi vuoi che la nostra Gloriosa Veliero, nel mondo sia meno conosciuto degli spaghetti? Non scherziamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *